Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Saturday 18 November 2017

Corso di Revenue Management 2.0: quasi sold out!

leggi l’articolo completo...Pricing, distribuzione, brand reputation, billboard effect, web marketing, web analytics e social media: al nuovo Corso di Revenue Management 2.0 non ci faremo mancare proprio niente.

Il Corso, organizzato da Booking Blog – QNT Hospitality, torna a Firenze il 17 e 18 luglio 2012 in una location da favola, con una formula e docenti tutti nuovi. Ed è già quasi sold out.

leggi l’articolo completo…

Hotel che vogliono crescere: 6 mantra per reinventarsi ogni giorno

leggi l’articolo completo...Jason Jannings, guru del training statunitense, ha appena lanciato il suo ultimo libro dal titolo “The Reinventors – How Extraordinary Companies Embrace Radical Continuous Change” (in italiano: “I Reinventori: come le aziende straordinarie abbracciano ogni giorno un cambiamento radicale”). Di solito non leggo questo tipo di libri, ma devo dire che per questo potrei fare un’eccezione.

In un’intervista all’autore realizzata dal famoso blogger Guy Kawasaky, emergono 6 spunti interessanti applicabili a ogni forma di business di ogni settore, persino alla vita personale. Sei consigli che anche ogni albergatore dovrebbe seguire per ridare smalto alla propria struttura, specie in un momento difficile come questo.

leggi l’articolo completo…

Hotel Distribution: come ottimizzare la distribuzione su ogni canale online

leggi l’articolo completo...OTA, GDS, sito ufficiale, mobile e chi più ne ha più ne metta. Non è semplice gestire al meglio la distribuzione dell’hotel sugli svariati canali messi a disposizione dalla Rete. Le incertezze sul marketing mix, sommate all’ansia da disintermediazione e da mantenimento della rate parity, rendono il quadro sempre più complesso.

Le OTA in Italia dominano ancora quasi la metà del mercato e i GDS a livello internazionale cercano di recuperare terreno: riuscire a rendersi indipendenti dagli intermediari è un obiettivo che ancora pochi riescono a perseguire. Per aiutarvi in questo processo noi vi diamo 5 idee per orientarvi al meglio nella giungla della distribuzione online.

leggi l’articolo completo…

Wi-Fi in Hotel: alcune catene alberghiere propongono maggior banda a pagamento

leggi l’articolo completo...L’ultima volta che ho fatto un viaggio fuori porta avevo al seguito due smartphone, un iPad e un netbook. Peccato che alla fine mi sia ritrovato a navigare a pagamento dal telefonino lasciando perdere la pessima connessione che mi veniva offerta gratuitamente dall’hotel. Probabilmente, in quel momento sarei stato disposto a pagare per una migliore connessione, se ci fosse stata la possibilità.

Ecco che, se da una parte la connessione Internet gratuita in hotel è ormai considerata un servizio scontato, dall’altra sono cambiate le abitudini degli utenti, a cui sempre più spesso questa connessione non basta più per vedere film, chattare o navigare. Per questo negli States alcune grandi catene alberghiere offrono una maggiore larghezza di banda per i clienti più esigenti, allo scopo di aumentare le ancillary revenues.

leggi l’articolo completo…

Facebook Billboard Effect: quante prenotazioni genera Facebook?

leggi l’articolo completo...Chiariamo subito una cosa: Facebook NON è un canale di vendita. Si tratta di un social network, e quindi per sua stessa natura, di una piattaforma per intessere relazioni sociali. Le conversioni provenienti da Facebook, siano esse prenotazioni o iscrizioni a una newsletter, sono solo la conseguenza collaterale di un buon dialogo.

Questo non significa che non si debba lasciare una porta aperta, una possibilità all’utente di convertire, ma se questo non lo farà, non prendetevela. Se ben utilizzato, Facebook potrà diventare un’eccezionale vetrina per il vostro hotel.

leggi l’articolo completo…

SEO per hotel: Top 22 fattori di posizionamento 2012 in Italia

leggi l’articolo completo...Di articoli sulla SEO e sui fattori che influenzano maggiormente il posizionamento sulle SERP, ne leggiamo tanti ogni giorno. Ma mai mi era capitato di vedere qualcosa relativo in particolare al mercato italiano. Ecco perché credo valga la pena analizzare quelli che secondo l’azienda internazionale Searchmetrics, sono gli “Italy Ranking Factors 2012”.

Il documento diffuso da Searchmetrics non manca di riservare soprese: emergono infatti alcuni aspetti SEO solo fino a un anno non avevano un posto nella Top 10 dei fattori SEO più incisivi.

leggi l’articolo completo…

Hotel Global Trends: l’Europa ancora in difficoltà

leggi l’articolo completo...A livello globale è senz’altro l’Europa a soffrire di più nel periodo post-crisi. Lo dicono le stime effettuate da STR Global: secondo la nota azienda di ricerche internazionali, le analisi di questo mese rivelano una leggera evoluzione in positivo dell’andamento occupazionale e delle revenue.

La recente situazione di calma nel contesto economico in tutta Europa sembra aver ripercussioni anche sul mercato alberghiero europeo, dal momento che vediamo segnali di miglioramento e di leggera crescita.” Ma a livello globale la situazione non appare così rosea. Nemmeno in Italia.

leggi l’articolo completo…

Social Media per Hotel: basta con l’ubriacatura da numero di fan

leggi l’articolo completo...“Nella prima fase [ndr. dei social network] i brand con cecità selettiva hanno puntato soltanto a primeggiare sulla quantità, un’ubriacatura inutile a cui si deve porre fine. Per massimizzare l’investimento di tempo e risorse si devono innescare delle dinamiche di coinvolgimento attivo per trasformare ogni fan in un promotore volontario del brand, un ambasciatore dei suoi valori.”

Cito volentieri Antonio Pintacuda, della redazione di MyMarketing.net, perché il suo pensiero riassume perfettamente un concetto fondamentale che sosteniamo fin dagli albori del social media marketing: la quantità di fan non è un indice di successo, è solo un primo step verso quello che è il vero obiettivo di ogni brand socialmente attivo. Coinvolgere, creare buzz, e in ultimo, acquistare nuovi clienti.

leggi l’articolo completo…

Booking.com non ti piace? Puoi scegliere di non starci

leggi l’articolo completo...Mai e poi mai avrei pensato di vedere un albergatore difendere a spada tratta un’OTA. Invece, mai dire mai.

La scorsa settimana, leggendo tra i divertenti commenti del nostro gruppo Facebook Crazy Hotel, dove albergatori e operatori turistici si scambiano battute e opinioni sulla vita quotidiana in hotel, scovo l’imprevedibile commento di un albergatore entusiasta di Booking.com: “Ma sono davvero l’unico ad adorare Booking.com?

leggi l’articolo completo…

Errori al telefono in hotel: “C’è un prezzo più basso su Expedia? Allora prenoti su Expedia!”

leggi l’articolo completo...Ricordate che la scorsa settimana abbiamo parlato di Customer Service, in primis al telefono, e di quanto sia diventato importante per la vostra reputazione e la vostra immagine? Oltre alla gentilezza e alla capacità di soddisfare i clienti, chi risponde alla cornetta deve necessariamente essere capace di concretizzare una prenotazione. Ma non sempre è così scontato…

Doug Kennedy, esperto di training nel settore alberghiero, ha fatto un piccolo esperimento per testare come rispondessero i front desk a una richiesta di prenotazione. I risultati? I clienti venivano spinti a prenotare con le OTA.

leggi l’articolo completo…

Customer service: 6 must per soddisfare sempre i vostri ospiti

leggi l’articolo completo...L’83% dei consumatori attivi sui social media decidono di non concludere un acquisto per colpa del pessimo servizio clienti. D’altro canto chi è soddisfatto di un servizio, è disposto anche a pagare di più per mantenerlo. Lo dice una recente ricerca condotta da American Express, che spiega come un ottimo servizio clienti possa farvi guadagnare la stima e la fedeltà per molti anni a venire.

Noi, da parte nostra, vi diamo 5 suggerimenti indispensabili per fare in modo che i vostri clienti siano sempre soddisfatti e tornino a trovarvi.

leggi l’articolo completo…

Google Promoted Hotels: la nuova pubblicità PPC su Hotel Finder

leggi l’articolo completo...Si chiama Promoted Hotels ed è la nuova piattaforma di promozione PPC disponibile sul Google Hotel Finder. Come era prevedibile, Google sta cercando il modo di monetizzare il suo strumento dedicato all’Ospitalità, allo stesso modo con cui ha creato AdWords per il motore di ricerca.

Al momento lo strumento sembra di dominio dei grandi portali, anche se qualche catena alberghiera internazionale si è già avventurata nel nuovo esperimento di Google.

leggi l’articolo completo…

Hotel booking engine: come non far scappare i vostri clienti al momento della prenotazione

leggi l’articolo completo...Di recente iPerception, azienda americana che si occupa dello studio dei comportamenti degli utenti online, ha pubblicato il suo ultimo studio sulla user-experience e sulla soddisfazione dei visitatori sui siti alberghieri. Tra i risultati si riconferma che una delle maggiori cause di abbandono del sito è ancora il booking engine.

Secondo l’analisi Hospitality & Tourism Industry Report for Q1 2012, il prezzo è stato il principale impedimento alla conclusione delle prenotazioni, seguito dalla difficile fruizione del sito e da errori riscontrati nella procedura di prenotazione stessa.

leggi l’articolo completo…

Marketing Territoriale: lo strano caso di Monmouthpedia. QR code e realtà Aumentata per una nuova esperienza di viaggio

Monmouth è una piccola cittadina situata nel Galles del sud, a 36 miglia da Cardiff. Con i suoi 8.800 abitanti, apparentemente non sembra che abbia molto da raccontare: è un tipico villaggio di campagna inglese, con l’unica nota caratteristica di aver dato i natali al Re Enrico V e di aver preservato l’unico ponte medievale visibile in Gran Bretagna.

leggi l’articolo completo…