- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Acquisizione Google – Expedia: possibile?

leggi l’articolo completo... [2]A quanto pare Google Inc. ha intenzione di continuare la sua corsa agli acquisti dei colossi: dopo essersi aggiudicato You Tube per 1,65 miliardi di dollari nel 2006, poco tempo fa sembrava voler inglobare la piattaforma di microblogging Twitter e oggi ci sono voci che voglia lanciarsi alla conquista di Expedia.

Sebbene non confermate dalle due parti, queste affermazioni nelle ultime settimane avrebbero fatto impennare i titoli di Expedia di oltre il 10 percento, come conferma anche una nota della Reuters [3] del 17 marzo scorso. Google ed Expedia non hanno commentato l’ipotesi, che comunque già da un anno è in circolazione.

D’altronde Google con le sue enormi possibilità finanziarie, difficilmente si farà scappare, se ne avrà l’occasione, la possibilità di fare acquisti con i prezzi resi più bassi dall’attuale crisi economica. Oggi infatti i titoli di Expedia sono scesi almeno della metà rispetto allo scorso anno e l’azienda sta operando tagli al personale, una mossa spesso utilizzata per apparire più appetibile durante transazioni d’acquisto.

Pare che Google vorrebbe adattare l’attuale configurazione del portale turistico direttamente all’interno dei propri risultati di ricerca, facendo apparire tra questi le tariffe più convenienti, senza alcun bisogno di andare sul sito. Ad esempio, se uno cercasse su Google “Voli lowcost Pisa – Parigi”, si potrebbero immediatamente visualizzare le tariffe tra i risultati, senza dover cliccare su Expedia.

Personalmente qui a Booking Blog riteniamo che un’unione Google – Expedia sia altamente improbabile, per il semplice fatto che proprio il turismo è diventato una delle principali fonti di guadagno del motore di ricerca e dunque inglobare e di conseguenza privilegiare Expedia, andrebbe fortemente a scapito degli altri portali di prenotazioni turistiche, come Orbitz, Travelocity e Priceline, che ogni anno spendono massicce risorse in ads e campagne ppc proprio su Google.
 
 
Fonti: Earlyblogger.com [4], Techcrunch.com [5]