- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Come evitare la penalizzazione sui motori di ricerca per contenuti duplicati

leggi l’articolo completo... [2]Diffondere sul Web contenuti duplicati riguardanti la propria struttura, cioè stessi brani di testo ripresi dal sito ufficiale, è una pratica tanto diffusa tra gli albergatori quanto dannosa per il proprio posizionamento sui motori di ricerca.

In effetti è la cosa più semplice fare “copia-incolla” dal proprio sito e distribuire alle OTA, GDS, siti turistici, directory e così via, le stesse descrizioni del sito ufficiale dell’hotel, precise, ben fatte e solitamente redatte secondo principi di SEO copywriting.

Quello che gli albergatori ingenuamente ignorano è che questo vada fortemente a scapito del posizionamento del sito ufficiale dell’hotel sui motori di ricerca, poiché la pratica della “duplicazione dei contenuti” è penalizzata da Google.
 
 

Duplicazione interna ed esterna: cosa fare per evitarlo

  1. Duplicazione Interna
    È possibile che il sito del vostro hotel contenga delle pagine ripetute. Ad esempio spesso i CMS producono automaticamente delle versioni stampabili (“print version”) di ogni pagina del sito, che vengono recepite da Google come contenuti duplicati. Oppure se possedete più domini con gli stessi contenuti, anch’essi possono risultare duplicati.

    Come evitare la duplicazione interna?
    Cercate sempre di creare testi diversi per ogni pagina e per ogni dominio, ottimizzati secondo i principi SEO. Nel caso non possiate evitarlo, indicate a Google quale pagina indicizzare come principale, inserendo nel codice sorgente della pagina scelta il meta tag rel=”canonical”. Se invece possedete più domini con gli stessi contenuti, utilizzate un reindirizzamento 301 (permanent redirect) dal dominio secondario a quello più forte, come abbiamo già spiegato in un precedente articolo sui contenuti duplicati [3].
  2. Duplicazione esterna
    Nel caso una parte dei contenuti del vostro sito ufficiale sia perfettamente ripetuta su un altro sito (ad esempio quello di una OTA), Google indicizzerà per prime le pagine del sito più rilevante, dunque più conosciuto, con il maggior numero di visite e una migliore link popularity. In conclusione, tra il vostro sito e quello di una OTA, sarà molto più probabile che a parità di contenuti, Google indicizzi le pagine della OTA.
    Ovviamente però è fondamentale per un hotel distribuire i propri contenuti on-line, su portali, siti di viaggio o directory, poiché questo favorisce l’aumento della visibilità.

    Come evitare la duplicazione esterna?
    Basta evitare categoricamente di distribuire ad altri siti gli stessi contenuti testuali e visuali del proprio sito ufficiale e confezionare per ogni canale dei contenuti unici, freschi e diversi da quelli del sito ufficiale adeguatamente ottimizzati per i motori di ricerca.
    D’altronde creare contenuti ricchi, distintivi e SEO-friendly fa parte delle buone pratiche da seguire per ottimizzare e posizionare al meglio il sito ufficiale, offrendo al contempo agli utenti la migliore risorsa on-line a cui attingere e su cui prenotare.

Per approfondire l’argomento vi consigliamo l’ottimo articolo di Max Starkov di HeBS [4] ed il nostro precedente post dal titolo Contenuti duplicati: possono nuocere al posizionamento! [3].