- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

10 consigli su come rendere perfetto il tuo rapporto con le OTA

[2]Il compito di un hotelier di successo – ma anche di qualsiasi imprenditore – è quello di attrarre il massimo numero di clienti al costo più basso. Questo significa avere un prodotto che funziona, ma anche esporre il proprio brand nei luoghi digitali più bazzicati dai tuoi potenziali clienti.

Molti di questi luoghi sono le OTA e fingere di poterne fare a meno non funziona più. Quello che si può fare, invece, è ottenere il massimo dal rapporto con le OTA senza svenarsi né perdere competitività. Anzi, con questi dieci semplici consigli di Sabre [3] è facile veder crescere il proprio fatturato senza “svendersi” ai canali indiretti.

  1. Sfrutta gli enormi budget promozionali delle OTA a tuo vantaggio

Le spese promozionali delle OTA continuano ad aumentare esponenzialmente, con il gruppo Priceline ed Expedia che da sole hanno raggiunto una spesa aggregata per il marketing di 24 miliardi di dollari, mostrando una crescita annuale del 23% da più di sei anni.

Anche se investire sulla visibilità rimane imperativo, per un hotel indipendente o un brand locale potrebbe sembrare impossibile battere le OTA visto il loro volume di investimento, specialmente sulla promozione della destinazione. Se però dividiamo la spesa di web marketing del gruppo Priceline – che si attesta sui 4 miliardi di dollari nel 2016 – per il numero di hotel (all’incirca 900.000 su Booking.com), possiamo notare come l’importo medio speso per ogni hotel sia sicuramente alla portata.

Inoltre, il tuo hotel può sfruttare la promozione delle OTA a suo vantaggio, assicurandosi di portare traffico di qualità dalle OTA verso il tuo sito ufficiale. Se il sito funziona, il booking engine è moderno e le tariffe appetibili, difficilmente lasceranno il tuo ecosistema.

 

  1. Espandi la tua visibilità

Gli Hotelier devono prioritare i canali che assicurino la maggiore esposizione. Concentrandosi sui canali preferiti dai clienti e implementando una strategia ottimale che sfrutti la loro esposizione globale, puoi creare una strategia distributiva vincente.

 

  1. Raggiungi nuovi segmenti di mercato

Che siano nuovi mercati o nuove fasce demografiche, identificare le OTA giuste può aiutarti a raggiungere mercati di nicchia e scoprire nuovi segmenti che erano prima irraggiungibili. Durante la definizione di questi segmenti, è importante sviluppare  le tariffe e le esperienze giuste.

 

  1. Espansione internazionale

Scopri da quali regioni vengano più spesso i tuoi ospiti e utilizza questa informazione per offrire loro un servizio migliore e personalizzato. Sperimenta nuove OTA che possano aprirti le porte di nuovi mercati oppure migliorare i risultati di quelli in cui già operi con profitto. Il supporto multilingua di molte OTA, poi, è particolarmente utile a puntare mercati internazionali ancora piuttosto ermetici come quelli dell’Asia Pacifica.

 

  1. Pacchetti dinamici

Molte OTA non vendono soltanto notti standard, ma anche pacchetti dinamici, unendo in unico prezzo il soggiorno, il volo oppure il noleggio auto. Questo ti permette di creare offerte molto appetibili per chi vuole prenotare tutto in un’unica soluzione senza per questo rovinare la tua strategia di pricing per le notti standard.

 

  1. Cancellazioni di gruppo

Avere il proprio channel manager collegato su più OTA permette all’hotel di reagire velocemente a eventi inattesi, come per esempio una cancellazione di un gruppo numeroso di ospiti. Se hai una presenza ampia sui canali indiretti non sarà difficile riassorbire la prenotazione persa, specialmente se si partecipa a promozioni speciali.

 

  1. Personalizza

Sfruttare le capacità di personalizzazione delle OTA ti aiuta a targettizzare esattamente gli ospiti che desideri. Alternativamente, puoi inserire il tuo inventario in OTA di nicchia nate proprio per soddisfare i bisogni di specifiche tipologie di viaggiatori (amanti del mare, golfisti, runner, cicloturisti ecc.).

 

  1. Valuta (bene) i costi

Le OTA hanno un costo, vero, ma non va mai valutato senza prima aver effettuato un’attenta analisi sulla loro effettiva incidenza. Se ricevi molto traffico, il ROI è di buon livello e mantieni comunque un buon equilibrio diretto-intermediato, i costi per i tuoi canali aggiuntivi non saranno mai un problema.

 

  1. Sfrutta le capacità di targeting di ogni OTA

Ogni OTA ha mercati e finestre di prenotazioni diverse, perciò studiarle con attenzione ti aiuta a presentare le offerte giuste per ogni canale.

 

  1. Comprendi le tecnologie delle OTA

Non tutte le OTA sono uguali; il modo con cui si connettono con te hanno un effetto sulla capacità che avrai di replicare le tue offerte e sottolineare le loro qualità. Utilizzando tecnologie diverse, potresti non riprodurre le stesse condizioni ovunque. Per esempio, chi sfrutta bene le promozioni? Chi ha perfezionato il mobile? Chi offre add-on? Determina quali caratteristiche e funzionalità fanno parte della tua strategia di revenue e scopri quali OTA sono sufficientemente compatibili con essa.

 

 

Le OTA utilizzano il tuo inventario per fare business, ma tu puoi sfruttare le caratteristiche di ogni portale a tuo vantaggio, aumentando il tuo utile e aprendoti a mercati che non conoscevi. Basta un channel manager potente, un occhio al revenue management e un pizzico di coraggio per trasformare per sempre il tuo rapporto con le OTA in positivo.