- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Esperienze nel 2019: le aspettative dei vostri ospiti

leggi l’articolo completo... [2]

Sicuramente sapete già di cosa stiamo parlando: le esperienze sono diventate il cuore di ogni viaggio 2.0.

Il viaggiatore di oggi ama ricevere un’offerta fortemente personalizzata, disegnata sulle proprie aspettative e queste aspettative mirano sempre più in alto.

Al momento di prenotare la propria vacanza, si sceglie certamente un hotel in linea con le proprie esigenze pratiche (posizione, budget, livello di servizio, ristorazione, etc), ma un peso sempre maggiore riveste l’offerta di esperienze uniche. Esperienze da local [3], che contraddistinguono il pernottamento in un determinato hotel e il soggiorno in una precisa destinazione. Per gli albergatori, arrivare in anticipo sulle richieste di clienti e soddisfare le aspettative più comuni, può risultare difficile; ecco perché abbiamo pensato di tracciare una panoramica delle esperienze più desiderate [4] dai vostri ospiti.

 

Esperienze di destinazione

 

Chi sceglie una determinata destinazione, non lo fa per rimanere in hotel o ripetere le stesse attività praticabili in ogni vacanza. Se è vero che la visita di musei e monumenti, il sightseeing e lo shopping di souvenir non sono scomparsi dalla mente del turista, quest’ultimo cerca soprattutto esperienze diverse. Tutte quelle attività, tour, abitudini che contraddistinguono il modo di vivere nella destinazione scelta, spesso accentuandone i toni.

Come ha ben capito AirBnb con il lancio delle Adventures [5], il viaggiatore di oggi desidera portare a casa ricordi insoliti, esperienze di nicchia e vere e proprie avventure, tutte da raccontare – e instagrammare – sui social prima che a voce.  Prendete spunto da questa best practice e applicatela nel vostro hotel: al check in, invece di consigliare i classici tour della città, indicate eventi particolari in programma, visite in luoghi sconosciuti, cene o manifestazioni culinarie, festival eno-gastronomici. Insomma, fate una ricerca preliminare in modo da avere in mano un programma fitto di eventi tipici e insoliti, appoggiatevi a partner che offrono esperienze uniche in città.

Come l’Hotel Corte di Gabriela [6], che in collaborazione con agenzie dedicate, consiglia ai propri ospiti un tour tra le leggende e i fantasmi di Venezia:

 

Se riuscite a raccogliere sufficiente materiale, realizzate una pagina sul vostro sito – come il Wine Resort Baglio Oneto a Marsala [7] – dividendo eventualmente le esperienze descritte in categorie (food & drink, escursioni, natura e avventura, shopping).

 

Esperienze culinarie

 

Il cibo occupa sempre maggior spazio nelle esperienze di viaggio, soprattutto tra i Millennials, primi esponenti del turismo enogastronomico [8].

Di una vacanza si vogliono assaporare e ricordare i piatti tipici, i sapori più insoliti, gli aromi particolari. Venite incontro alle aspettative dei vostri ospiti: stringete accordi con produttori locali, fate la spesa in mercati rionali cosi da offrire prodotti a kilometro zero (non importa avere un ristorante interno, potete inserirli nel buffet della colazione). Se ne avete la possibilità, coltivate frutta, ortaggi ed erbe aromatiche, una garanzia di freschezza in ogni assaggio del vostro ospite.

La cura di un proprio orto si lega anche alla crescente tendenza a un’alimentazione sana, naturale, a forte impronta vegetale. In quest’ottica, rivedete e arricchite i menu del ristorante con piatti adatti alle diete più frequenti (vegetariana, vegana, crudista, salutare, senza glutine, etc) e applicate la stessa cura al minibar, introducendo opzioni salutiste e 100% vegetali.
Non dimenticate di comunicare correttamente la vostra offerta food, sul sito e in eventuali newsletter.

 

Esperienze in struttura

 

Il tempo trascorso in hotel deve essere un tempo vivo e prezioso, importante tessera del viaggio. I vostri ospiti si mostrano anche più esigenti quanto si tratta di servizi ed esperienze offerte dalla e nella struttura stessa.

Come soddisfare tanto elevate aspettative? Sicuramente facendosi trovare pronti, con un alto livello qualitativo in ogni attività proposta: se promuovete pacchetti wellness e una palestra moderna, adatta a specifici gradi di allenamento, fate in modo che la comunicazione e la realtà coincidano. I viaggiatori sono sempre più attenti al benessere in vacanza, soprattutto in ambito luxury, e deludere simili aspettative potrebbe minare brand reputation e prenotazioni dirette.

Tra le attività più ricercate oggi figurano le sedute di yoga e meditazione, corsi di auto-realizzazione e mindfulness, fitness, aromaterapia. Se non potete fornire simili servizi o non siete sicuri interessino al vostro target, inviate agli ospiti un breve sondaggio per comprendere le loro aspettative in hotel.

 

Esperienze in camera

 

La camera che ricerca il vostro ospite, sempre più spesso è una camera che gli somiglia, si adatta alle sue esigenze specifiche, lo fa sentire a casa lontano da casa.

In particolare, il viaggiatore 2.0 vuole ritrovare in hotel la stessa tecnologia e le abitudini di consumo di ogni giorno. Se prima la televisione in camera doveva offrire Pay TV e canali internazionali, adesso l’ospite vuole fruire dei suoi servizi di streaming preferiti, come Netflix [9], Amazon Video e Pandora.

I colossi dell’hotellerie e le catene statunitensi (Hilton, CitizenM) si stanno già adeguando alle esigenze emergenti, offrendo tecnologie avanzate nelle camere e accesso a piattaforme di streaming on demand. Gli hotel più all’avanguardia danno ora la possibilità agli ospiti di accedere ai propri account Netflix in camera, continuando a vedere la serie tv interrotta prima del volo. La tecnologia è sempre più chiave di personalizzazione della guest experience: in alcune strutture sono disponibili vere e proprie smart rooms, con illuminazione, tv e persiane controllabili con un semplice click su un touchscreen.

Probabilmente state considerando il fatto che non avete fondi per implementare assistenti vocali nelle vostre camere o servizi hi-tech. Non preoccupatevi, questi sono facilities top di gamma che l’ospite (ancora) non dà per scontati in hotel.

Partite dalle basi, le conditio sine qua non di un’esperienza di soggiorno soddisfacente nel 2019: fornite molte prese di corrente, anche per prese internazionali, in modo che i devices degli ospiti si ricarichino in fretta. Se intendete offrire accesso ai servizi di streaming, accertatevi della larghezza di banda, sufficiente a garantire un’esperienza di qualità (nessuno ama vedere interrotto un film a causa della scarsa connessione). Nel caso in cui non siate certi di assicurare una banda adatta, studiate modi per risolvere velocemente eventuali problemi di disconnessione: gli ospiti odieranno restare senza wi-fi, anche per un tempo limitato.