- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Facebook cambia faccia e algoritmo: 2 novità che interessano all’hotel

[2]Se fosse un uomo, Facebook sarebbe un gran trasformista. Uno di quelli che un po’ si ammirano, un po’ si temono, perché tutti i giorni se ne escono fuori con qualcosa di nuovo e d’inatteso.

Anche in questi giorni di torrido caldo estivo il social network non si ferma e siccome ormai Facebook è diventato uno dei migliori amici per l’hotel, vogliamo tenervi aggiornati su tutto quello che bolle in pentola.

Facebook testa un nuovo layout per assomigliare di più a un sito

Non tutti possono vederlo, ma alcuni lo hanno già scoperto. Facebook sta testando un nuovo aspetto per le sue pagine fan. Il layout attuale è praticamente rimasto lo stesso dal 2014, ma pare che Facebook voglia rivoluzionarlo completamente:

I nuovi cambiamenti sono finiti anche nei nostri radar e abbiamo potuto constatare di persona che Facebook sta testando di giorno in giorno nuove soluzioni grafiche. Una cosa è certa: il cambiamento fa pensare che le pagine Facebook si vogliano avvicinare il più possibile a un vero e proprio sito ufficiale, nella grafica e nell’usabilità. Questa è l’ultima versione che siamo riusciti a identificare (fonte: Simplebooking [3]):


(Pagina Facebook dell’Hotel Torre di Cala Piccola [4] con il nuovo layout)

 

I link delle pagine fan finiscono in fondo alla lista

Siccome Facebook dichiara da sempre di agire solo e soltanto in base alle necessità dell’utente, da poco ha rivisto l’algoritmo del suo newsfeed in modo da privilegiare la visibilità dei post di amici e parenti, mentre i link delle pagine fan finiranno in secondo piano.

Questo significa che se pubblicate sulla pagina un link al vostro blog o al sito ufficiale dell’hotel, per promuovere un contenuto particolare o un’offerta, questa sarà resa in automatico meno visibile.

Dicono che si tratta di una questione di rilevanza, perché chi usa Facebook lo fa soprattutto per restare in contatto con gli amici e la famiglia. Ma è innegabile che il dubbio che l’abbiano fatto per meri interessi economici c’è: se i post delle pagine perdono visibilità, sempre più pagine saranno costrette a promuovere i post a pagamento per attirare l’attenzione degli utenti.

<“Per assicurarci che tu non ti perda i post di amici e familiari a cui con più probabilità sei interessato, abbiamo messo questi post in cima al news feed. L’aggiornamento potrebbe causare un calo del traffico per alcune pagine, ma se gran parte del tuo traffico deriva dal fatto che molta gente condivide i tuoi contenuti e ottiene commenti e like dai suoi amici, il cambiamento avrà minor impatto.”

In pratica, l’unico modo per contrastare questo trend è quello di coinvolgere non solo i propri utenti ma anche convincerli a condividere, perché ottengano commenti e like anche dai loro amici.

Che tipo di contenuti vogliono vedere gli utenti? Il blog di Facebook [5] ci dice che funzionano di più quelli che informano e quelli che intrattengono. Un motivo in più per rivedere il vostro piano editoriale e definire nuovi contenuti di alta qualità per aumentare il livello di engagement della vostra pagina Facebook.