- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Facebook si muove a passo di Travel

leggi l’articolo completo... [2]Si potrebbe dire che il Travel è “la gallina dalle uova d’oro” del mondo online: che questo settore abbia enormi potenzialità e che sia quello giusto in cui investire, lo aveva già capito Google, quando ha acquisito ITA Software.

Adesso tocca anche a Facebook, che per allargare il proprio giro d’affari e attrarre nuovi investitori, ha condotto uno studio che, indovinate un po’, ha rivelato che il Travel resta sempre e comunque l’argomento hot. Quello che genera più post e più engagement di tutto il resto.

Fughe romantiche, weekend fuori porta, sogni a occhi aperti o resoconti in tempo reale: di qualunque viaggio si tratti, su Facebook se ne parla più di ogni altra cosa.

Lo dice Facebook dopo aver esaminato le abitudini di un campione di 3.000 utenti regolari che sono stati in vacanza negli ultimi dodici mesi ha dichiarato che l’argomento travel domina i post e gli aggiornamenti.

Questi i risultati:

Sempre secondo lo studio, all’83% piace guardare le foto delle vacanze postate dagli amici e dalla famiglia anche se non si stanno pianificando vacanze.

Sapete cosa significano questi numeri? Sono la dimostrazione dell’enorme incidenza di Facebook nella fase del “sogno” della pianificazione del viaggio. Quella fase in cui, immersi nello stress e nella noia della vita quotidiana, ci si ritrova disarmati a osservare un paesaggio idilliaco in Toscana o una camera d’albergo design a New York e ci vorremmo trovare lì. E magari ci segniamo il nome del luogo o dell’hotel per ricordarlo quando le finanze ci permetteranno di ripartire.

Ma c’è di più: l’analisi conferma che Facebook può essere sfruttato efficacemente soprattutto mentre l’utente è in viaggio:

 

Il futuro di Facebook è travel?

Oltre ad essere l’argomento più postato, il Travel è anche quello che genera maggior engagement: Tracy Yaverbaun, group director per Facebook dei settori retail, viaggi, lusso e moda, ha affermato che “vediamo sempre più engagement da parte dei nostri utenti che parlano e condividono notizie di travel.

Travolution [3] riporta che la Yaverbaun sostiene che tutti i brand travel che stanno utilizzando Facebook con un obiettivo preciso in mente – come diminuire i costi di acquisizione clienti o trovarne di nuovi, hanno ottenuto enormi risultati.

Per fare qualche nome, Secret Escapes per sviluppare nuovi mercati ha puntato su campagne PPC che hanno ottenuto l’85% in più di CTR e il 20% in meno di CPC rispetto a una comune campagna desktop. Hotel Tonight invece, per far conoscere la sua applicazione ha avuto un tasso di click-to-install dieci volte maggiore rispetto ai classici banner ads su mobile.

Lo studio senz’altro segna un punto d’arrivo importante per Facebook e c’è da aspettarsi che nel futuro prossimo il SN investirà sempre di più per creare nuovi strumenti di marketing che permettano agli investitori di spingere maggiormente i prodotti travel.

Lo dice anche MarketingWeek [4]: “Facebook sta corteggiando l’industria travel con una serie di eventi, ricerche e perfezionamenti del targeting per i propri annunci a pagamento, in programma per i prossimi mesi. In pratica sembra che trasformerà uno dei settori verticali di advertising in più rapida crescita in uno dei settori chiave del 2014.”

Il magazine online svela che di recente Facebook sta riorganizzando i suoi team di advertising su base verticale, non più su base territoriale. È in questo contesto che Facebook ha commissionato all’agenzia di ricerca Sparkler lo studio sopra citato, allo scopo di capire come Facebook influenzi ogni fase della pianificazione di viaggio: dal sogno all’acquisto e oltre.

L’analisi è stata presentata a 40 potenziali clienti top che Facebook vorrebbe convincere a investire nel proprio sistema di advertising.

Molti advertiser sanno di dover fare qualcosa ma la vera sfida è mostrare loro come possono ottenere risultati. Le prime cose che il nostro team chiede è quale sia il loro obiettivo, qual è il risultato che si aspettano. Molti brand, soprattutto le OTA, non investiranno in qualcosa che non dia loro la sicurezza di ottenere una qualche forma di ritorno.”

Facebook sfodera nuove armi di marketing

Dalle indiscrezioni pare che nelle prossime settimane Facebook incontrerà singolarmente i potenziali clienti per presentare loro le nuove “Lookalike Audience”, ovvero gruppi ipertargettizzati di utenti molto probabilmente interessati al prodotto perché simili a una lista di clienti già in possesso del brand.

È difatti possibile collegare il proprio database CRM a Facebook e migliorare la segmentazione dei clienti a cui si rivolge il messaggio pubblicitario.

E non è tutto: Facebook sta anche lavorando per migliorare i prodotti pubblicitari in modo che gli operatori del turismo possano intercettare più facilmente i “travel intenders”. Un algoritmo predittivo determinerà quali utenti siano più vicini a prenotare un viaggio e dunque più propensi a interagire con le pubblicità a tema.

Con queste mosse Facebook torna a puntare sulla targettizzazione specializzata, contrapposta a quella per parole chiave del PPC classico, ed è solo questione di tempo che ci troveremo a combattere anche su Facebook con le OTA.

Ma una cosa è certa: se su Facebook si parla così tanto di Travel, l’hotel non può perdere una vetrina così importante, ma deve imparare al più presto a creare engagement e ad acquisire la padronanza di tutti gli strumenti a disposizione per veicolare traffico e prenotazioni al suo sito ufficiale.