Retargeting: come farlo senza diventare molestatori!

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Retargeting: come farlo senza diventare molestatori!

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Alberto Narenti Alberto Narenti 8 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #15729

    marghe
    Amministratore del forum

    leggi l’articolo completo...Avete mai avuto l’impressione di essere spiati da qualcuno mentre navigate in Rete? Com’è che la pubblicità di quello smartphone che vi piace tanto vi si ripresenta in ogni pagina web? Le cose sono due: o è il destino che vi sta inviando un messaggio, o qualcuno sta cercando di convincervi ad acquistarlo.

    Non è chiaramente il destino che vi parla, ma una nuova forma di marketing chiamata “behavioral retargeting”, che ultimamente sta riscuotendo parecchio successo tra i marketer a livello internazionale anche in ambito turistico. Personalmente lo trovo davvero uno strumento di promozione geniale, ma per l’utente finale potrebbe avere un rovescio della medaglia.

    Retargeting: come farlo senza diventare molestatori!

    #20430

    Ciao, sicuramente il retargeting è uno strumento molto utile, ma se usato con cautela. Sicuramente deve essere uno strumento utile all’utente non un assillo continuo e molesto. Per questo io imposto sempre un limite di impression (in adwords) Oltre che utilizzare differenti creatività ed annunci.

    Il processo di acquisto è composto da diverse fasi, quindi il retargeting in questo processo contribuisce ad accompagnare l’utente in ogni fase ma senza assillarlo inutilmente.

    Se fatto nel modo giusto il tasso di conversione dovrebbe essere elevato, altrimenti, probabilmente, è stato fatto in maniera molesta ;)

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.