TripAdvisor si propone come nuovo canale di prenotazioni dirette

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog TripAdvisor si propone come nuovo canale di prenotazioni dirette

Questo argomento contiene 38 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da  AllaDolceVita 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 9 articoli - dal 31 a 39 (di 39 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #18525

    aldo
    Membro

    forse è meglio essere nei social netwok

    #18528

    Duccio Innocenti
    Amministratore del forum

    sicuramente è interessante e prpedeutico dare “vita” ai siti come dice Riccardo; il problema è che spesso l’albergatore non vuole investire in un servizio fotografico così costoso.

    Per tornare all’oopurtunità di mettere il link a pagamento su TA credo che al di la di ogni considerazione commerciale dobbiamo valutare il rapporto costo/beneficio oggi esattamente tracciabile proprio in termini di conversioni online (riservato a chi ha un booking engine serio);

    l’unica cosa che posso dire è che una mia amica che ha un Relais di 7 suite con un ottimo posizionamento su TA è stata spostata dalla sezione “hotel” a “B&B” perchè non hanno il portiere di notte ed il risultato in termini di prenotazioni dirette è stato immediato: -30%

    questo solo per dire che piu agevolamo la ricerca al visitatore web e più il canale diretto ne beneficia.

    #18529

    crt
    Membro

    @duccio

    Per serieta’ non si confonde un hotel con un b&b , vi e’ un regolamento ben preciso che indica le caratteristiche di un b&b , dal fatto che e’ esercitato come attivita’ saltuaria e non soggetta a tassazione al numero di posti letto che generalmente non superano i 6 ( il regolamento cmque e’ regionale ) , all’obbligo di fornire colazione ma con alimenti preconfezionati in quanto il b&b non ha permesso di produrre e somministrare alimenti ‘cucinati in casa’.

    Penso che la Tua amica dovrebbe indicare il problema e , mettendo appunto la questione sul piano della serieta’ e correttezza di comunicazione sara’ senz’altro ascoltata , certo ci vuole pazienza , tenacia ed i tempi sono lunghi . Io sono riuscito con buone motivazioni a far togliere una recensione .TA non e’ poi quel mostro che si dice ….. fa paura a chi ha motivo di temere giudizi ma rende bene a chi lo sa usare , se poi si vuole , come dire , ufficilizzare il sapporto con una bella inserzione a pagamento ben venga , l’importante e’ che venga mantenuta equita’ di trattamento fra inserzionisti a pagamento e non , problema che avrei gia’ sollevato poco sopra ma che nessuno ha colto . Ciao a tutti .

    #18572

    Vincenzo 72
    Membro

    Buongiorno a tutti

    personalmente questa è un ottima notizia (aspettando di sapere i costi), questo link farà confluire sul sito dell’hotel un maggior numero di utenti, e come sappiamo ci sono svariati modi per prendere il cliente alle agenzie online.

    Tripadvisor o meglio chi ne sta a capo sta chiudendo il cerchio, è più una guerra fra multinazionali che un problema dell’hotel, questo non è un danno (ricordiamoci cosa accadeva prima).

    Inoltre non è certamente Expedia a creare il problema con i margini ma sono altri operatori che fanno perdere il controllo della tariffa.

    In riferimento alla presentazione dell’ hotel è verissimo, ci vorrebbe un nuovo modo di dare vita ai vari prodotti dell’hotel specialmente alle camere.

    grazie

    saluti

    #18585
    Riccardo Cocco
    Riccardo Cocco
    Partecipante

    @Tutti:

    mi sembra che l’idea di base di trovare un nuovo sistema di comunicazione delle (purtroppo) sterili foto vuote sia ben accetto.

    Che ne pensate se si aprisse una tematica dove poter discutere le varie idee che possano essere verificate mettendo sul tavolo ipotesi da tecnologi e non in modo da sbaragliare il mondo?

    Attendo vostri feedback.

    Buon lavoro e buon revenue management a tutti!

    Riccardo Cocco

    #18608

    crt
    Membro

    Beh io penso , cogliendo quest’ultima interessante proposta che , oltre a dare fotografia ad alta risoluzione , 360 ° , filmatini in vari formati sparsi qua’ e la’ , che poi debbano essere veritieri e’ sott’inteso , non so cos’altro si possa dare se non rischiare di ritornare sempre su questi temi . Foto in 3D ? Invio di Profumi di cucina ? . Ricordo quei depliants con fotografate piscine con eta’ media delle bagnanti intorno ai 20 anni , la realta’ si sa poi com’e’ ..qualche over 50 con robusti mariti .

    Ma poi cosa cambia ? Credo che in generale l’utenza smaliziata e intelligente non abbia bisogno di molti input che vadano al di la’ del buon senso , poi trovi moltissime lamentele riguardo viaggi in promozione ( esempio ) tipo in nord Africa dove si lamentano per albergo sporco cibo scadente servizio non di qualita’ , zone poco sicure….. A volte verrebbe da dire ‘ma te lo sei cercato …. pero’ il filmatino o la foto erano belli !!

    Twitter Facebook e altri social network di cui ora c’e’ un boom presto a smontarsi non ripete altro che un modo di comunicare che gia’ esiste in una forma un pochino piu’ personale , ma mi sembra di capire che e’ gia’ superato , da cosa ancora non so ma e’ tanto vuoto e scontato..Una piccola idea pero’ l’avrei ma non mi va di svenderla , si tratta di un compromesso ..

    #18611

    Salve a tutti/e

    La scelta di Expedia-Tripadvisor è la contromossa escogitata a seguito delle accuse fondate di concorrenza sleale e turbativa di mercato a seguito della loro politica illegale di pubblicazione dei riferimenti delle strutture turistiche e soprattutto delle informazioni non verificate e certificate che diffamano e creano danni.

    L’ipotesi fatta, del navigante che legge i commenti su tripadvisor e poi cerca il sito ufficiale della struttura, è aderente quando la struttura risulterà meritevole di prenotazione ( totale delle recensioni fra vere, false , pilotate ed autoreferenziali = immagine positiva )….ma per le strutture che sono diffamate e che servono solo a veicolare traffico verso il portale, è solamente un altro sistema di vendere altre strutture e spiazzare le strategie asimmetriche di prezzo, che la stragrande maggioranza dei gestori e proprietari applica.

    Quella che definite “parity rate policy” è una zappa grossa e pesante che ricadrà sulle amministrazioni delle proprietà che decideranno di mettere in chiaro i contatti…oltre il danno anche la beffa di vedersi “sottratta” la proprietà e la gestione dell’albergo.

    Sono in questa occasione e ribadisco SOLAMENTE in questa ( a tiribò …godi! ) sono d’accordo con TIRIBOCCHI: se vendete a 100 la camera e avete il collegamento diretto alla pagina di recensioni su Expedia-Tripadvisor dove il navigante DEVE poter contestare la STESSA tariffa, allora quando Tripadvisor Expedia un giorno decidesse a sorpresa di fare una offerta promozionale andando a decrementare la sua % , vi troverete di fronte a questa situazione: vostra camera sul sito Euro 100….e la stessa su Tripadvisor Expedia a 90!

    Praticamente vi state per ingollare l’ALIEN della situazione che si moltiplicherà nelle vostre viscere e poi esploderà … ok sono stato abbastanza colorito ma il senso è proprio quello!

    Il bello è che ancora c’è qualcuno che scrive che “nessuno vi obbliga a firmare” ….il solo fatto che listano tutti abusivamente ed illegalmente, è la prova che siamo nel sistema senza aver espresso la volontà e senza averne potuto valutare rischi ed opportunità.

    Secondo punto: chi non firma, comunque rimane su Tripadvisor-Expedia e serve solo a veicolare traffico e si vedrà la propria immagine maggiormente infangata perché così conviene ad Expedia-Tripadvisor.

    Terzo: oltre a dover pagare per inserire i dati in chiaro , pagherete anche le commissioni sulle prenotazioni andando a spiazzare completamente la vostra possibilità di applicare tariffe asimmetriche per valorizzare il fatto incontrovertibile che prenotare direttamente costa meno….ed invece accettando tutto ciò state per ingogliare l’ALIEN!

    Signore e Signori consentitemi la perentorietà….SVEGLAITEVI!!!!!!!

    Ogni atto che avalli e confermi la valenza di Expedia-Tripadvisor non farà che rafforzare la loro posizione ed indebolire definitivamente la vostra a discapito non solo della gestione, ma del buon nome e della proprietà delle vostre strutture.

    Vi state per associare con un socio occulto che percepirà solamente utili senza condividere i costi ed i rischi!

    Per CRT: Expedia-Tripadvisor per come funziona ed è concepito, è uno strumento per i furbetti che vogliono nascondere la verità…altrimenti perché l’anonimato? E tu…hai timore di Tripadvisor?

    Cordialità

    Alla Dolce Vita

    #18615

    crt
    Membro

    Avevo gia’ sollevato il problema anche se Non sono cosi’ pessimista ma comunque daccordo perche’ ritengo che se potenzialmente si puo’ fare significa che e’ gia’ praticamente fatto. Quindi capitera’ …. ma mi chiedo i nostri ministri del turismo a che cosa pensano ? Non si potrebbero dei porre termini legislativi ben precisi riguardo provvigioni o comportamenti delle agenzie online . Fin dove e’ provvigione di agenzia e da dove diventa qualcosa d’altro ? O finiremo come i verdurai dove chi guadagna sono i grossisti a scapito dei produttori e consumatori ? Mentre da anni servizi televisivi si chiedono in modo ipocrita quanto imbecille ..Come mai succede ?

    #18635

    Buonasera a tutte e tutti.

    Per il Sig. Crt: quando ho iniziato a scrivere di Tripadvisor su Booking blog, mi sono sempre trovato di fronte un muro di persone e personaggi pronti alla sua difesa, sbandierando tesi tanto banali, quanto fragili ed inconsistenti alla luce dei veri meccanismi di questo teatrino di Expedia-Tripadvisor…che, personalmente, mi sono divertito molto a smontare come un lego!

    Anche lei con la frase :” TA non e’ poi quel mostro che si dice ….. fa paura a chi ha motivo di temere giudizi ma rende bene a chi lo sa usare”

    Ha un modo alquanto singolare di “sollevare problemi”, visto che stiamo trattando di un editore scorretto, che limita la libera concorrenza e danneggia le attività turistiche.

    Minimizzare il fatto che “vendono” notizie non verificate e certificate, spacciandole per verità, significa NON avere ampia mentalità e flessibilità, ma delle due una:

    a) una ingenua , quanto pericolosa, convinzione che “ tanto finchè non mi tocca, me ne frego!”

    oppure

    b) me ne frego ed anzi lo sfrutto a mio favore, pilotando ciò che viene pubblicato ( e di metodi per farlo abbiamo visto , essercene parecchi e di facile realizzabilità alla faccia del “sofisticatissimo” algoritmo di rilevazione delle recensioni false , messo appunto dai grandi strateghi lobotomizzati di Expedia-Tripadvisor.)

    Quindi , per amore di coerenza, se si sposa la tesi che Tripadvisor-Expedia è un concorrente sleale di mercato, che danneggia proprio la libera concorrenza, non lo si può accettare e non lo si può giustificare in alcun modo.

    Sia chiaro ed evidente a tutti e tutte: chi sta utilizzando Tripadvisor-Expedia, “producendo in casa” magnifiche recensioni “senza la filigrana”, sta concorrendo slealmente nel mercato e sta danneggiando chi invece lavora onestamente.

    Questo avviane alla luce di un fatto incontrovertibile: l’obbligatorietà violenta , imposta da Expedia-Tripadvisor, di essere presenti nei loro archivi e fare da bersaglio a lapidazioni di chi agisce nell’ombra , protetto dal pieno anonimato, al puro scopo di ricattare i gestori ed i proprietari delle strutture turistiche ad accettare, per forza, la presenza ed i contratti di intermediazione.

    Ma lei se lo è chiesto perché pongano tanta cura nell’accettare le recensione ed alcuna cura nel tutelare le strutture attuando dei veri e concreti controlli su ciò che pubblicano e soprattutto nel denunciare in maniera PALESE , EVIDENTE ED IRREVERSIBILE coloro che pubblicano il falso?!

    E’ un meccanismo di ricatto e violenza sottile e penetrante , che obbliga ad accettare il sistema.

    E sa cosa pensa , sghignazzando, chi è nella sala dei bottoni di Expedia-Triapdvisor: ….e se poi il malcapitato, si pubblica qualche cosa “di positivo”, poco male…l’importante è che usi il sistema e lo avalli in tutto e per tutto, per fare in modo che Expedia-Tripadvisor diventi leader di mercato!

    …e non mi venga a sbandierare, il bollino rosso che paventano…è solo un fiammifero nella tempesta delle bugie e devono utilizzarlo quando la realtà è palese ed innegabile…ma il grosso , il vero marciume, è sempre li e pubblicato con la dicitura “recensioni di cui ti puoi fidare”!!! hahaha!

    Se questa trappola di Expedia-Tripadvisor fosse una libera scelta, nessuno avrebbe avuto qualcosa da ridire…io per primo: non lo avrei mai accettato!

    Ma loro impongono con violenza!

    Ancora una volta: invito tutti e tutte a prestare molta attenzione e a giudicare questo fenomeno, spacciato falsamente per web 2.0, come una grossa mistificazione, sia esso Expedia-Tripadvisor o qualsiasi altro portale che tenta di scimmiottare questo sistema.

    La coerenza paga e l’onestà è un valore che non si comunica tramite Tripadvisor-Expedia, ma viene dal lavoro vero, e la cura degli ospiti che quando si troveranno bene e soddisfatti, vi faranno guadagnare ben più di Expedia-Tripadvisor!

    La strada maestra per far prosperare la propria attività è solo questa e tra l’altro porterebbe a una buona percentuale di disintermediazione…

    Cordalità

    Alla Dolce Vita

Stai vedendo 9 articoli - dal 31 a 39 (di 39 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.