- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Gli americani vi cercano su Yelp. Ecco come farvi trovare pronti

leggi l’articolo completo... [2]Uno studio conferma che i siti di recensioni aiutano a  convertire più di tutto il resto. Il parere di un campione composto da 2000 consumatori statunitensi è stato preso in esame dalla Nielsen, agenzia di ricerca e analisi di mercato. Il risultato è che il 74% di questi punta ai siti di recensioni, piuttosto che ai social o ai motori di ricerca generici, quando si tratta di trovare esercizi commerciali d’interesse.

Inoltre, il 92% degli intervistati afferma che “almeno qualche volta, spesso o quasi sempre” ha completato una prenotazione o un ordine dopo aver letto le recensioni su Yelp – che viene definito “il più affidabile, influente e utile” tra i siti di recensioni online. Ecco perché è importante ricordarsi che, quando si tratta di opinioni degli ospiti, non c’è solo TripAdvisor; specie se volete conquistare il cuore degli americani.

Trattandosi di uno studio commissionato da Yelp [3], viene naturale essere scettici di fronte a tanta unanimità.

Ma non è come sembra. I risultati di un’altra analisi, denominata Local Media Tracking Study [4] e condotta in via del tutto indipendente, fanno eco a quanto espresso per conto di Yelp: pare infatti che il 65% dei consumatori americani abbia scelto di visitare determinati esercizi commerciali solo dopo averli cercati su un sito di recensioni e che sia stato proprio Yelp a convincerli all’acquisto.

Yelp è un canale sempre più utilizzato dai consumatori di tutto il mondo ed è particolarmente amato dagli americani, che oggi sfruttano la sua app non solo per leggere e scrivere le recensioni ma anche per riservare un tavolo al ristorante, prenotare il posto in fila e ordinare del cibo a domicilio – servizi disponibili in pochi click direttamente su Yelp.

Conquistare l’America le recensioni di Yelp

“Il consumatore è un acquirente per definizione”, come afferma [5] l’AD di Yelp Jeremy Stoppelman. E visto che gli statunitensi stessi rappresentano una grossa fetta del nostro turismo in entrata, anche noi vi consigliamo di tenere aggiornata la vostra scheda Yelp come fate con TripAdvisor o Google.

Ricordate che, in generale, le cose fondamentali da tenere presente quando si tratta di dare un riscontro al parere di un ospite sono due.

La prima è che rispondere alle recensioni positive non ha molto senso; anzi, è ridondante. A questi ospiti potete casomai inviare un messaggio privato, se ne avete la possibilità.

La seconda cosa è che, positiva o negativa che sia, una recensione esprime comunque un’opinione. Anche quando i toni sono ben altro che adeguati o ci sfugge il motivo della lamentela.

Ad ogni modo una risposta cortese, umile e costruttiva – anche soltanto un ringraziamento per aver fatto presente un eventuale disservizio – vince sempre, specialmente sui toni accesi. E trasforma quel che solo apparentemente è un “danno” alla vostra immagine in un’occasione ghiotta di farvi conoscere per la vostra cortesia ai potenziali nuovi ospiti. Cortesia che, da sola, può contare molto più di tanti servizi offerti.