- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Google Business Photos per hotel: una case history reale

leggi l’articolo completo... [2]Google Business Photos è un servizio gratuito di Google che permette di mostrare a 360 gradi gli interni di qualsiasi attività o struttura ricettiva direttamente nella Street View delle sue Mappe.
Progetto lanciato in USA nel 2010, poi esportato in tre paesi europei campione (Danimarca, Spagna e Svezia), è approdato senza clamore in Italia la scorsa estate, ma ancora sembra un servizio poco conosciuto e sfruttato. Come funziona? E quali sono le reali potenzialità per un hotel?

In buona sostanza, Google Business Photos è un “virtual tour” integrato nelle Mappe realizzato con foto professionali. Sicuramente un modo in più per arricchire l’esperienza di ricerca dell’utente. Ma per l’albergatore?

Pur non avendone ancora testato i risultati su qualche nostro cliente, ci hanno chiesto informazioni in merito, per cui abbiamo approfondito la questione.

Abbiamo contattato il B&B Mamma Rosa di Positano, una delle prime strutture ad essersi avvalsa del servizio, nonché tra i primi testimonial presentati da Google stesso sulla homepage del servizio.

L’Intervista al B&B Mamma Rosa

La proprietà del bed and breakfast ha risposto molto gentilmente ad alcune, brevi domande che speriamo possano essere per voi spunto di riflessione, nel caso stiate meditando di investire in questo servizio.

A qualche mese di distanza come vi trovate? Avete notato cambiamenti in termini di visite e di revenue attraverso le mappe?

Analizzando i dati relativi alla mia scheda Google Local, devo ammettere che le visualizzazioni da quando è stato pubblicato il lavoro sono aumentate quasi del 90%, dopo un mese si sono stabilizzate con un aumento medio del 40%, considerando che ci sono una buona parte di curiosi il risultato non è male.

Per quanto riguarda le visite provenienti dalle mappe Google sono all’incirca dell’1% del totale visite, di cui il 20% è dall’Italia, le relative richieste sono di circa il 5% e la maggior parte sono state concretizzate.

Che cosa ne pensano i vostri clienti?

I nostri clienti che hanno avuto modo di visitare prima il virtual tour su Google e poi soggiornare da noi restano stupefatti nell’appurare che i luoghi, gli oggetti ed il panorama sono esattamente quelli che si vedono nelle foto immersive.

Come sfruttate il virtual tour di Google?

Personalmente utilizzo molto il link al virtual tour quando un cliente chiede maggiori informazioni sulla camera, mi risparmia molto tempo in descrizioni e riesco a far vedere effettivamente quale camera stanno prenotando e i vari servizi di cui possono usufruire.

Relativamente al costo e all’investimento, la proprietà ci ha fatto sapere che non sono in grado di quantificare la spesa, perché inserita in un più ampio progetto di web marketing.

Tenete conto per aggiungere il virtual tour alla vostra posizione sulle mappe, dovrete ingaggiare un fotografo certificato Google nelle vostre vicinanze (questo è il link [3] nel quale sono elencati tutti i fotografi certificati in Italia) e concordare insieme quali ambienti fotografare e a che prezzo.

Alcuni fotografi certificati pubblicano i prezzi e, mediamente, un pacchetto comprensivo di 10 foto si aggira sui 200-250 euro, mentre un pacchetto da 30 foto professionali, arriva a 400 euro.

 
 
Oltre al b&b Mamma Rosa, abbiamo chiesto a tutti i nostri contatti sui Social Network, ma il servizio sembra ancora sconosciuto ai più, oppure non sembra aver ancora prodotto risultati evidenti.

Francesco dell’Hotel Enterprise di Milano [4] spiega che il loro è stato uno dei primi casi in cui le Google Business Photos hanno coperto ogni piano a 360°, ma ancora non hanno potuto testarne gli eventuali benefici.

Google Business Photos per l’hotel: sì o no?

Difficile dare un’opinione sulla validità di questo servizio per un hotel.

Non c’è dubbio che possa essere un buon modo per valorizzare la struttura ma, prima di decidere se richiederlo, è importante tenere a mente alcuni importanti fattori:

  1. Si tratta, per sua natura, di uno strumento ideale soprattutto per chi ha una struttura esteticamente attraente. Se l’hotel è bello e la sua USP (unique selling proposition) risiede anche nella ricercatezza, nell’originalità degli spazi, oppure nella vista offerta dalle camere, senz’altro si tratta di uno strumento in grado di valorizzare questi aspetti. Se al contrario la struttura, pur magari godendo di un’ottima reputazione, non offre molto in termini di camere, forse è meglio evitare.
  2. Attenzione alle false aspettative. Il pericolo che si può correre con le Business Photos è senz’altro quello di mostrare agli utenti solo la parte più attraente dell’hotel cercando magari di nascondere le camere più demodé. Non mostrate solo la vostra “Suite vista mare”, altrimenti rischierete di scatenare la frustrazione di chi vi ha scelti anche in base al tour virtuale messo a disposizione da Google.
  3. Niente maggiore visibilità sulle mappe. Se sperate di ottenere maggior visibilità sulle Mappe grazie alle Google Business Photos, niente da fare. Ho analizzato attentamente tutti gli esempi sopra elencati e il risultato è che il servizio di virtual tour non viene in alcun modo messo in evidenza o valorizzato, col risultato che, cercando un hotel tramite mappe, l’hotel in questione non avrà alcuna chance in più di essere notato.

Se qualcuno di voi lo ha già richiesto, fateci sapere come sta andando!
Per maggiori informazioni, consultate la pagina ufficiale di Google Business Photos [5], oppure date un’occhiata al video ufficiale del servizio: