- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Google Hotel Ads: una novità per differenziarsi dalle OTA

leggi l’articolo completo... [2]Google Hotel Ads si sta dimostrando uno dei servizi preferiti dai nostri clienti, perché la visibilità garantita dalla piattaforma ha pochi eguali online. Se dobbiamo proprio muovere una critica alla piattaforma, probabilmente uno dei suoi difetti più visibili è l’impossibilità di settare il numero di ospiti desiderati durante la fase di ricerca.

Dai risultati di ricerca per brand, è possibile cercare solo camere per due persone che, per quanto le più comuni, non coprono l’inventario di praticamente nessun hotel. Per chi lavora molto con il segmento business – dove le singole sono la norma – e con le famiglie, si tratta di un limite davvero notevole alla visibilità delle proprie tariffe migliori.

Eppure qualcosa si sta muovendo: effettuando una ricerca per destinazione, come per esempio “Hotel Roma”, ora è disponibile un filtro persone, così da mostrare le migliori tariffe per il giusto numero di ospiti.

[3]

Considerato che molte OTA sono (per ora!) limitate nel mostrare solo le migliori tariffe per le matrimoniali o doppie, questa è una grande opportunità per i canali diretti di avere poca concorrenza su Google Hotel Ads dell’inventario che ha più valore economico.

Basta selezionare una ricerca per due o tre persone per veder scomparire praticamente tutte le tariffe, con Booking.com fra i pochi ad aver aggiornato già i propri canali.

 

Un’opportunità anche nella scheda dell’Hotel su Google

 

Il filtro per il numero di ospiti sta già apparendo anche nelle ricerche di hotel specifici in alcuni mercati, ma ancora non è visualizzato da tutti (compresi noi). Si presuppone che, dopo un periodo rigoroso di testing, verrà esteso a ogni utente. Guardando questo esempio di prima-dopo, possiamo vedere come nella scheda possa ora presentarsi il selettore del numero di ospiti.

Se cambiamo l’occupazione a 3 o 4 persone, come per i risultati unbranded è facile vedere molte OTA scomparire dai risultati, con il canale diretto che può così mostrare il proprio prezzo esclusivo nelle prime posizioni, above the fold.

Le campagne Google Hotel Ads dovrebbero in sostanza lavorare meglio e di più, perché si aprono le possibilità di conversione anche su chi prenota stanze per più o meno di due persone.

 

Opzioni sempre visibili

 

Hotel Ads inoltre ora può mostrare le varie opzioni divise in base al numero di ospiti, politica di cancellazione offerta ed eventuali benefit, offrendo così ai clienti una panoramica più chiara dell’offerta, evitando la confusione di non rimborsabili confrontate con offerte più flessibili.

 

Un progetto in divenire

 

Come detto in precedenza, si tratta di una feature ancora in fase di testing e la cui documentazione è ancora parziale, perciò immaginarne le ripercussioni sul futuro di Google Hotel Ads è poco più di un esercizio intellettuale.

Quello che è sicuro è il piano di Google: diventare la prima e unica fermata per i viaggiatori. Non esserci durante tutto il funnel, organicamente e a pagamento, potrebbe rendere la lotta per la visibilità incredibilmente difficile.