- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

“Hotel Evolution” – Tutti i servizi dell’hotel a portata di iPhone

Hotel EvolutionNon c'è niente di meglio di un po’ di “lusso” durante una vacanza; che sia una cena in camera, o un personale sempre pronto a risolvere le nostre necessità, è diritto di ogni viaggiatore potersi godere al massimo tutti servizi dell’hotel. Fino ad oggi, la maggior parte dei servizi potevano essere richiesti tramite telefono e, nei casi più fortunati, attraverso la televisione.

Runtriz, un'azienda di software di Hollywood, si è ripromessa di portare un po’ di tecnologia in più negli hotel. Dopo una serie di test in alcuni hotel di Los Angeles, il servizio “Hotel Evolution” è al momento la principale attrazione del “Malibu Beach Inn”…


Quando un ospite si presenta al check-in del Malibu Beach Inn, può noleggiare per tutta la durate del soggiorno un iPod Touch (o un iPhone) opportunamente configurato con il software “Hotel Evolution”.

Una volta inseriti il numero della camera e l’apposito codice di sicurezza, tutti i servizi dell’hotel sono a portata di click.
 
Direttamente dalla schermata dell’iPod/iPhone, si può ordinare il servizio in camera, impostare una sveglia telefonica, richiedere il servizio lavanderia, noleggiare un automobile, controllare i messaggi dell’hotel o impostare un “Do not disturb” elettronico alla porta della camera.
  
Il dispositivo fornisce inoltre informazioni su vita notturna, attrazioni e shopping nelle vicinanze dell’hotel.

Quanto costa all’hotel questo tipo di servizio? Secondo di Matt Allard, presidente di Runtriz, il costo varia a seconda della struttura, ma generalmente la quota mensile è di 10 dollari per camera.

L’idea al momento è abbastanza futuristica, ma possiamo immaginare che in pochi anni, quando sempre più consumatori conosceranno ed useranno normalmente l’iPhone ed i servizi mobile geolocalizzati, quella di RunTriz potrebbe diventare davvero un’ottima iniziativa.

Visita il sito ufficiale di Hotel Evolution [2]

Fonti:
 Washington Post [3]