- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Hotel newsletter: perché personalizzare le vostre e-mail convincerà i clienti a tornare

leggi l’articolo completo... [2]Di hotel che utilizzano l’e-mail marketing per aumentare le prenotazioni dirette e fidelizzare gli ospiti ce ne sono tanti. Ma quanti di questi hanno capito il vero valore della personalizzazione delle e-mail?

Se volete che i vostri messaggi non finiscano direttamente nel cestino o, peggio ancora, nello spam, e portare a casa le conversioni che cercate, dovete mandare ad ogni cliente il messaggio giusto al momento giusto.

Non solo in base alla sua categoria di appartenenza (famiglia, coppia, ecc) o alle sue preferenze, ma anche in base alle sue precedenti esperienze e prenotazioni.

Le email personalizzate vendono di più

La quantità di newsletter che ogni persona ogni giorno riceve sulla propria casella di posta elettronica rende l’e-mail marketing una vera e propria sfida.

Perché l’utente dovrebbe leggere proprio la vostra email? Come attirare la sua attenzione? E- ancora più difficile – come convincerlo a cliccare?

Di articoli su come stilare una buona newsletter in questi anni ne abbiamo scritti tanti (vedi Newsletter per hotel: a lezione da Groupon [3]), ma siamo sinceri: se c’è una cosa che può davvero fare la differenza, è saper personalizzare il messaggio dell’hotel.

Secondo i più recenti studi al riguardo, la gente non solo preferisce, ma si auspica di ricevere e-mail personalizzate.

Un recente sondaggio condotto negli Stati Uniti da Harris Interactive – riportato da eMarketer [4] – dimostra che l’81% di coloro che ricevono email personalizzate a seguito di un acquisto, sono più propensi ad acquistare di nuovo se le e-mail sono personalizzate secondo le proprie preferenze.

Addirittura, l’82% ha affermato di essere disposto a ricevere più e-mail promozionali se adeguatamente personalizzate e oltre la metà degli intervistati è disposto a rilasciare altre informazioni personali per ricevere e-mail ad hoc.

Certo, qui si parla di prodotti e non di servizi, come nel caso dell’hotel, ma è indubbio che sapere creare una comunicazione mirata può portare a risultati molto più efficaci di una semplice newsletter generica con le stesse offerte per tutti.

Il cliente è disposto a ricevere promozioni solo se saranno consistenti e di valore per lui, altrimenti il rischio è che presto si stanchi e sposti direttamente la mail nel cestino.

Ricordate che chi riceve la vostra newsletter ha dato il suo permesso all’invio e si aspetta da voi qualcosa di valore. Non lo deludete.

Imparate dalle scelte fatte dai vostri clienti

Se avete segmentato le vostre newsletter in base alla tipologia di cliente (età, provenienza, ecc.), avete già fatto un buon passo avanti. Ma perché non provare a spingersi oltre?

Perché non inviare offerte e newsletter in base alle scelte precedentemente fatte dal vostro ospite?

Booking.com lo fa già da tempo: questo è l’esempio di una email che ho ricevuto di recente, in cui compaiono solo offerte relative a destinazioni che ho visitato negli ultimi tre anni.

Provate a fare la stessa cosa: segmentate le vostre newsletter in base alle scelte fatte dai vostri clienti in passato. Così facendo avrete più probabilità di successo.

Personalizzazione non significa solo offrire servizi e attenzioni speciali durante la permanenza dell’ospite in hotel. Significa anche saper creare strategie di marketing ad hoc per trasformare ogni cliente in un “returning customer”.