- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Non c’è Travel senza Technology

leggi l’articolo completo... [2]Quali sono le innovazioni tecnologie che nel 2009 cambieranno il volto del turismo? Gli esperti di PhoCusWright, nella loro ultima pubblicazione “Top 10 Travel Technology Trends for 2009” prevedono che a cambiare il volto dell’industria turistica e alberghiera durante l’anno in corso, saranno 10 fattori chiave che molto hanno a che vedere col mondo del web, con la crescita delle tecnologie online e di quelle applicate alla telefonia mobile.

Come dichiara Bob Offutt, senior technology analyst dell’azienda: “L’innovazione è sempre stata e sempre sarà il cuore dell’industria turistica, per le compagnie aeree, le catene alberghiere, i GDS e le OTA. Le 10 tendenze nel settore delle tecnologie individuate da PhoCusWright, rimodelleranno senza dubbio il modo in cui i consumatori cercheranno ed acquisteranno nuove esperienze di viaggio”.

Andiamo a vedere i 10 Technology Trends in dettaglio:

1. Nonostante la flessione economica, ci sono ancora sacche di investimento

“Durante i periodi di flessione economica, l’innovazione è l’unica condizione importante per trasformare la crisi in una opportunità” (Sami Mahroum, Research Director of Britain’s National Endowment for Science, Technology & the Arts and a Visiting Reader at the School of Management, Birkbeck College, University of London).

Nonostante la flessione che si è verificata a livello economico e finanziario in chiusura 2008, sono ancora in molti a credere nella crescita del turismo e quindi pronti ad investire in questo settore.
 
 

2. L’esperienza di viaggio completamente “Informatizzata”

In passato, ciò a cui si guardava con maggiore attenzione nella catena di valore nel travel erano tutti i componenti risultanti nella prenotazione. L’accesso ad ulteriori informazioni restava una sfida, a causa delle limitazioni degli strumenti mobili, la mancanza di adeguate tecnologie nelle camere degli hotel, le barriere linguistiche e i business model poco chiari. Tutto questo è destinato a cambiare.
 
 

3. I nuovi talenti che nascono da Saas, Cloud Computing e Open Source

Gli Open Source sono talmente sviluppati che ormai esistono aziende che dipendono solo ed esclusivamente da questi. Lo sviluppo delle nuove tecnologie a disposizione del viaggiatore dipenderanno senza dubbio in larga parte proprio dall’avanzamento degli Open Source, dei Software as a Service e del cosiddetto “cloud” computing, tutte realtà che permettono il costante aumento e una maggiore interazione di nuovi esperti e programmatori.
 
 

4. Finalmente acquisti e prenotazioni personalizzati

Oggi la maggior parte dei portali di prenotazione ondine si assomigliano tutti e offrono gli stessi servizi standardizzati per tutti gli utenti: dove vuoi andare? Quando? Vuoi prenotare solo il volo o anche l’hotel e magari noleggiare una macchina? Per offrire ai clienti maggiore convenienza e qualità nei servizi, nel futuro le interfacce si adatteranno al profilo dichiarato dell’utente, a quello rilevato dal sito e ai suoi gusti negli acquisti. Ovviamente anche i contenuti presentati che compariranno all’utente saranno quelli più rilevanti secondo gli stessi parametri.
 
 

5. Le tecnologie convergenti

Dieci anni fa, i canali televisivi erano distinti da internet. Adesso questi due mondi, come d’altronde tutti i mezzi di comunicazione, non sono più così distanti: si possono guardare film, TV e navigare in internet direttamente dal telefono, mentre si fanno telefonate da un continente all’altro direttamente dal proprio portatile. I contenuti internet sono visualizzabili sulla Tv e tutti i tipi di contenuti possono essere distribuiti nella casa con sistemi wireless.
 
 

6. Il mercato invaso da una marea di nuove applicazioni per il turismo

L’uso dei cellulari nel settore turistico ha languito per anni, a causa della scarsa capacità tecnologia e di pessimi business model. Finalmente oggi non è più così, il cellulare ha sviluppato capacità interattive tali da renderlo il super-funzionale “terzo schermo” dopo quello del PC fisso e del portatile. Con la crescita degli abbonamenti di terza generazione (broadband wireless) e l’adozione degli smartphone, ci saranno sempre nuove e più avanzate applicazioni legate alla localizzazione e al contesto, che andranno a migliorare di gran lunga l’esperienza di viaggio.
 
 

7. Le nuove tecnologie pubblicitarie trasformano la distribuzione nel settore turistico

I business model basati sulle classiche commissioni richieste dai portali di prenotazione online saranno presto obsolete e lasceranno il posto a nuovi modelli misti fondati su banner targettizzati, referral fees e fees for service. La convergenza tecnologica del punto 5 favorirà al contempo la convergenza dei business model.
 
 

8. Ancora in cerca… della migliore ricerca!

Se lo scorso anno già si era dichiarato che “La tecnologia semantica e il web semantico avrebbero guidato la nuova ondata di innovazioni online “ e che in questo modo “la ricerca si sarebbe evoluta in modo più efficace”, questo è ancora valido. Il fatto che ancora non siano state adottate le basi dell’originale web semantico, non vuol dire che la ricerca non stia migliorando. Ci sono stati molti casi in cui i principi del web semantico sono stati utilizzati per migliorare le ricerche e quando queste cominceranno a dimostrare il loro valore rispetto a quello delle ricerche ordinarie, acquisiranno maggiore forza.
 
 

9. La democratizzazione dell’offerta liberalizza il mercato

All’inizio, quando le compagnie aeree crearono la distribuzione online, di fatto i GDS (allora venivano chiamati CRS) controllavano la distribuzione delle offerte di viaggio. Questo ha portato alla nascita di una vera e propria oligopolia. Ma i tempi stanno cambiando. L’implementazione di nuovi standard per l’interconnessione, la trasparenza su internet, i servizi offerti dal web e le nuove applicazioni mashup, i nuovi srumenti di ricercae i modelli SaaS hanno tutti contribuito allo sviluppo di un mercato liberalizzato per la distribuzione turistica.
 
 

10. La Business Intelligence e gli strumenti di Analytics in prima linea

Nelle situazioni difficili, c’è bisogno di ottenere il massimo dalle proprie attività e capacità. Questo implica la necessità di attribuire maggiore attenzione e analizzare il comportamento dei propri competitor, misurare la reale efficacia e efficienza delle proprie attività e comprendere quello che dicono e ciò di cui necessitano i propri clienti. Per questo sarà fondamentale sfruttare strumenti di Analytcs e Business Intelligence.
 
 
Fonte: PhoCusWright [3]

Per acquistare la ricerca completa: www.phocuswright.com/report/09techtrend [4]