- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Offerte Opache: Abbassare i Prezzi senza essere scoperti!

leggi l’articolo completo... [2]Le cosiddette “offerte opache” (opaque biddings) rappresentano un innovativo modello di marketing, lanciato già da tempo e con successo negli Stati Uniti, da alcuni portali online come Priceline e Hotwire.

Queste OTA presentano offerte e pacchetti last minute, riguardanti voli e alloggi (generalmente 4 o 5 stelle) in località rinomate a prezzi molto scontati (dal 35 fino al 50%).

La caratteristica distintiva di questo modello sta però nel fatto che l’offerta opaca non presenta il nome dell’hotel in cui si alloggerà, né l’esatta location dove è ubicato. Chi deciderà di prenotare l’offerta, potrà scoprirne i dettagli solo dopo aver effetuato il pagamento.

Questa strategia permette così agli hotel di riempire le camere rimaste in last minute, con prezzi anche molto scontati, senza rischiare di perdere la propria brand reputation, né di contravvenire al principio della rate parity.

In virtù delle particolari caratteristiche che possiedono, questi tipi di offerte hanno in genere un target di riferimento molto specifico: si tratta infatti di clienti non fidelizzati al brand (“non-brand-loyal consumers”), che non hanno specifiche preferenze verso determinati tipi di hotel o catene alberghiere, e risultano disposti a partire anche a “scatola chiusa”, pur di usufruire dei prezzi vantaggiosi proposti da queste particolari offerte.

Il modello della “Opaque Bidding” è ben spiegato da Chris K. Anderson, docente alla Cornell School of Hotel Administration, nella seguente intervista…Buona visione!

Precisiamo che questa tipologia di offerte è attualmente rivolta solo al mercato americano, ma anche gli albergatori italiani possono prendervi parte, stipulando accordi con portali, come i già citati Priceline e Hotwire, che gestiscono questo tipo di offerte.

Cosa ne pensate? Qualcuno di voi ha mai provato un‘esperienza di questo tipo, da cliente o da albergatore?

Se sì, condividetela con noi!

Fonti: VFM Leonardo [3]