- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Social media per Hotel: come trovare nuovi clienti con strumenti social gratuiti

leggi l’articolo completo... [2]Fatevene una ragione: se è vero che i social network non sono strumenti finalizzati alla vendita, è anche vero che la reputazione è strettamente connessa alle revenue. E siccome la reputazione dipende anche dall’opinione dei vostri fan su Twitter o su Facebook, se siete già attivi sui social network dovrete sempre più prestare attenzione alle vostre strategie di engagement sociali.

Oggi vi suggeriamo alcuni strumenti utili e gratuiti per ricercare il vostro target proprio tramite social media e offrirgli i contenuti più appropriati alle sue esigenze.

L’utilità dei social per l’albergo

Qualche settimana fa vi abbiamo presentato alcuni studi che confermano la forza delle recensioni nell’influenzare fortemente i profitti (vedi “Recensioni e Revenue: la reputazione è direttamente proporzionale ai profitti [3]”). Anche se i commenti sono diventati croce/delizia degli albergatori, come sapete la vostra reputation non è fatta solo di giudizi-valutazioni-punteggi, ma anche delle interazioni con tutti quegli utenti che vi seguono sui social newtork.

Quest’estate su 4Hoteliers sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta da Rate Tiger in collaborazione con l’Ecole hôtelière de Lausanne sui canali che gli albergatori scelgono per distribuire il budget di marketing dell’hotel.

Dalle interviste è emerso che si preferisce più investire sull’offline (per esempio in partnership con consorzi o cral per quanto riguarda i viaggi di gruppo per dipendenti di aziende ecc.) e sulle vendite dirette per ridurre i costi degli intermediari piuttosto che concentrarsi sulla gestione dei social media, come si deduce dall’immagine seguente. Dunque la fiducia riposta in questi canali sembra ancora scarseggiare, forse perché non si riesce a tracciare un reale ROI delle attività social.

Abbiamo già detto più volte che sarebbe errato pensare di usare questi strumenti solo per vendere camere, anche se molti hotel sostengono di aver aumentato le vendite proprio attraverso l’engagement creato con i Social Media.

In un altro recente articolo [4] abbiamo insistito sul fatto che i social non hanno fine commerciale, ma servono a costruire relazioni. Quale miglior modo per creare un dialogo spontaneo e allo stesso tempo efficace se non con i giusti contenuti da offrire agli utenti più profilati per i vostri obiettivi?

Gli strumenti utili per cercare il vostro target sui social media

Quello che spesso si sottovaluta è che i social sono un tesoro di informazioni per la ricerca di potenziali clienti, un vero metodo low cost per cogliere i loro bisogni, desideri e aspettative. Risolvere un problema o sciogliere un dubbio per un potenziale cliente è un ottimo punto di partenza per presentarvi, vi garantisce credibilità.

Su Social Media Examiner ci viene spiegato come con alcuni semplici tool si possono sia intercettare utenti profilati che migliorare i vostri contenuti, proprio a partire dalle informazioni che loro condividono di più:

1. Twitter Search [5]: nel box di ricerca di Twitter digitate le keyword più pertinenti al contesto del vostro hotel seguite dal punto interrogativo, oppure utilizzate lo strumento “Ricerca avanzata” che offre un maggior numero di filtri per affinare la ricerca. Potrete trovare interessanti conversazioni, come questa scaturita dai risultati della ricerca avanzata per “hotel roma”:

Provate a rispondere a queste domande, ovviamente con professionalità e senza autocelebrazioni. Se pensate che gli utenti possano sentirsi in qualche modo influenzati dal vostro account ufficiale, incaricate la vostra receptionist o un altro vostro collaboratore di intervenire.

I consigli su Twitter sembrano essere recepiti dagli utenti come molto affidabili, come potete vedere da questa conversazione di un utente che ha seguito i consigli ricevuti e ha gradito molto il suo soggiorno all’hotel raccomandato:

2. Quora [6]: si tratta di una rete sociale nella quale gli utenti possono pubblicare domande e risposte su diversi argomenti. Anche qui la funzione ricerca può essere utile a filtrare discussioni aperte su argomenti a voi più vicini.
In questo esempio è stata utilizzata una keyword molto generica, ma gli spunti sembrano ugualmente interessanti, soprattutto perché vengono mostrate anche le domande correlate:

3. LinkedIn Answers [7]: il principio è lo stesso di Quora, interessante per chi si rivolge al target business. L’opinione dei professionisti sembra ispirare fiducia:

Come pubblicare contenuti efficaci sui social network

Capire quali contenuti condividono gli utenti vi permette di sviluppare nuovi argomenti da pubblicare magari su Facebook o Twitter, prendendo spunto proprio dal tipo e dal tono di quelli più trattati.

1. Twitter [8]: iniziate a digitare nella funzione ricerca il tema di vostro interesse. Volete vedere quali link vengono condivisi sull’argomento? Accanto alla keyword aggiungete “filter: link” e vi appariranno tutti i tweet che condividono la vostra parola chiave + link.
Il vostro chef ha ben pensato di dare lezioni di cake design ai vostri ospiti, e allora perché non prendere spunto da Twitter per suggerirgli nuove idee? Le immagini e le fonti condivise hanno già avuto un’impressione positiva da chi le ha postate, quindi potrebbero piacere anche ai vostri clienti.

2. Pinterest [9]: un’ottima fonte di ispirazione per le vostre immagini, navigando tra le categorie potrete scoprire quali foto sono re-pinnate più spesso. Anche se il topic è troppo ampio per il vostro contesto, potete osservare cosa può funzionare per la vostra nicchia.
Per esempio se in estate volete organizzare un corso di pilates a bordo piscina, guardate quanti spunti potete trovare da questa ricerca per trovare le giuste immagini da condividere:

3. Facebook [10]: l’analisi è un po’ più complessa, perché l’opzione ricerca è solo per i post pubblici, che purtroppo non sono ordinati per popolarità. In alternativa alla search generica, potete iniziare a cercare tra i contenuti dei vostri fan, oppure nelle pagine di strutture simili alla vostra? Non per forza nella vostra provincia, cambiate addirittura regione. Certamente potrete trovare contenuti altrettanto originali da sfruttare e rimodellare adattandoli alla vostra realtà.

Come avete visto i social network sono strumenti di marketing che costruiscono relazioni, sia per acquisire potenziali clienti che per rafforzare il supporto che date a quelli già consolidati. La moneta di scambio è l’informazione: se le conversioni ci saranno, vuol dire che alla base c’è stato un buon dialogo.

E voi avete mai provato a cercare utenti sui social network? Quali strumenti hanno funzionato di più?

Fonti: Social Media Examiner [11], 4Hoteliers [12]

Articolo di: Valentina