- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Social Media per hotel: i trend da adottare nel 2019

leggi l’articolo completo... [2]

 

I social media sono efficacissimi canali per raccontare il vostro hotel.

Se utilizzati secondo una strategia studiata e coerente, possono aumentare la brand awareness, veicolare la vostra voce, creare engagement con gli ospiti, futuri e passati.

Tutte opportunità da non sottovalutare, soprattutto alla luce dei dati sull’utilizzo dei social media: studi di settore prevedono un incremento di utenti del 12% [3] quest’anno, raggiungendo la quota di 2,77 miliardi di persone che consultano abitualmente i canali social (il 36% della popolazione mondiale!)

Se a questo aggiungete che il 73% dei Millennial controlla i feed social degli hotel [4] prima di prenotare, vi sarà chiaro quanto la questione vi tocchi da vicino.

Da uno spunto di Screenpilot, vediamo insieme le ultime tendenze da tenere sott’occhio nel 2019, per competere nell’hospitality e attrarre prenotazioni via social media.

 

L’ascesa della Social Television di IGTV

 

La tendenza si è già innescata da qualche anno: i video in formato verticale dominano le piattaforme social, dalle stories Facebook e Instagram ai video di Snapchat. Secondo Statista, oltre il 50% dei video digitali sono visualizzati in formato verticale oggi e il dato è destinato ad aumentare.

Se ben ci pensate, si tratta di un’evoluzione affatto scontata: qualche anno fa nessuno di voi avrebbe pensato di guardare un video di oltre 15 minuti in formato verticale…una visualizzazione anomala e sconveniente. Eppure oggi non ci facciamo neanche più caso, la consideriamo un naturale sviluppo dei social media. Uno dei metodi più performanti per sfruttare tale tendenza è la IGTV di Instagram [5].

L’Instagram Television è un’app standalone – i cui contenuti possono essere visualizzati in anteprima su Instagram – destinata a video narrativi che possono durare anche un’ora. Rimane valida la regola del buon senso, come in tutte le cose: non abusate del tempo concesso se i vostri contenuti possono esaurirsi in 5-10 minuti, rischiereste solo di stancare la vostra audience ed allontanarla dal brand. Tuttavia, se utilizzato con criterio, a complemento del vostro account Instagram e non in sostituzione, la IGTV può rivelarsi molto utile. In particolare, questa è la piattaforma in cui mostrare i retroscena del vostro hotel, perfetti per uno storytelling visivo curato e fruito in rilassatezza.

Via libera dunque a interviste allo chef o al sommelier che svelano le ricette della stagione o gli ultimi vini giunti nella cantina, a una panoramica della Spa con accenti sui dettagli che la rendono speciale, alle presentazioni dello staff e al lavoro di squadra che si cela dietro al soggiorno perfetto di ogni ospite. Insomma, le ispirazioni da adottare sono tantissime, come le caratteristiche uniche del vostro hotel.

Interessante un recente sviluppo dell’IGTV, che supporta ora anche video in formato orizzontale [6], oltre che verticale: analizzate i video già in vostro possesso, magari sono adatti alla condivisione sulla TV di Instagram.

 

Pianificazione grafica delle vacanze su Pinterest

 

Scommettiamo che molti di voi non hanno un account Pinterest a nome dell’hotel? È normale, i social media più utilizzati nel travel sono stati, fino a oggi, Facebook, Instagram e Twitter. Eppure qualcosa sta cambiando: nel 2019 può valere la pena ripensare al proprio budget per il marketing, ripartendone una parte su Pinterest. Perché?

Per le sue enormi potenzialità [7]: la piattaforma vanta 250 milioni di utenti attivi al mese, di cui il 40% ha un reddito familiare superiore a 100 mila dollari. Questo tipo di target ama sfogliare belle immagini e acquistare sul web: l’obiettivo ideale per un marketing mirato di proprietà di lusso e boutique hotel. Se rientrate in questa categoria, pensate ad aprire un account Pinterest.

A gennaio 2019, la piattaforma di pin ha presentato le Travel Personas [8] come strategie di marketing per operatori nel settore travel e hospitality. Come parole chiave studiate partendo dalle personas, i marketers potrebbero creare contenuti ad hoc per attrarre e convertire un certo tipo di ospiti (es. “idee romantiche per il fine settimana”, “family resort in Toscana”). Oltre a immagini e video dell’hotel, potete sfruttare Pinterest per un content marketing che aggiunga valore all’esperienza di pianificazione del viaggio degli ospiti. Se la vostra struttura è un hotel boutique in un bel quartiere di Venezia, perché non create un’infografica con i 10 migliori piatti da assaggiare in città, consigliando magari i ristoranti più raffinati?

Qualunque forma scegliate, non sottovalutate le opportunità di questo social media: i contenuti visivi e informativi di Pinterest potrebbero veicolare ottime moli di traffico ai siti web degli hotel nel 2019.