- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Dai Social Media traffico sempre maggiore verso i siti turistici

leggi l’articolo completo... [2]I social media rappresentano uno degli otto maggiori veicolatori di traffico verso i siti turistici. Stando ai risultati di un recente studio sulle competenze digitali i social media sarebbero in grado di veicolare gran parte del traffico ai siti di viaggio.

Secondo l’ultimo report della società di ricerca L2 Digital IQ Index Travel, il ruolo dei social media nel processo di prenotazione sarebbe fondamentale. L’analisi del traffico da e verso i principali siti turistici mostra chiaramente la forte influenza dei social media nella pianificazione dei viaggi online.

Per il 78% dei siti presi in esame, i social media hanno rappresentato l’ottava fonte di traffico. In generale, il 7% del traffico verso i siti turistici proviene dai social media.

Per il 90% delle strutture, i relativi social media (pagine Facebook, profili Twitter ecc.) sono stati la top destination dopo la visita al sito ufficiale. Il social rappresenta dunque un aspetto sempre più importante nell’esperienza della prenotazione online e contribuisce in maniera sempre più rilevante al successo dei brand turistici.

Un esempio importante è anche quello delle compagnie aeree che sono state fra le prime nel settore a riconoscere il valore dei social. Non è un caso che, tra le 10 compagnie più importanti nel mondo, 9 utilizzano abitualmente Twitter per le proprie campagne e per la comunicazione aziendale.

Case history interessante quella di Air New Zealand, che con la campagna “Valentines Twitter” in sole due settimane ha incrementato il numero di follower del 76%. La singolare campagna consisteva nel chiedere agli utenti, nei 12 giorni precedenti San Valentino, quale fosse la loro posizione preferita “per farsi le coccole”. Ogni giorno, a chi avesse risposto in maniera più creativa, veniva assegnato come premio un viaggio di ritorno gratis per Auckland o Londra a bordo del nuovissimo Skycouch.

Tuttavia, forse la scoperta più sorprendente di questo studio è, a fronte di un successo sempre maggiore dei social media, la mancanza di veri strumenti sociali su molti siti turistici:

Mentre possiamo constatare il forte ruolo raggiunto dei social media, prima e dopo aver visitato il sito dell’hotel, vi è una reale necessità di implementare strumenti social all’interno dei siti, per promuovere e facilitare l’esperienza social.

Se il 7% del traffico generale proviene dai social media, un maggiore utilizzo degli strumenti di condivisione non farebbe che aumentare il successo dei siti turistici. Lo dimostra il fatto che, laddove i siti consentono agli utenti di lasciare recensioni, è stato registrato un incremento del 24% sul traffico totale. La possibilità di lasciare recensioni viene infatti percepita dagli utenti come sinonimo di trasparenza e autenticità da parte della struttura e contribuisce ad aumentare il tempo medio di connessione al sito. Gli utenti si fermeranno infatti di più per scrivere la loro opinione e leggere quelle degli altrri ospiti, anzichè abbandonare subito il sito per collegarsi ai siti specifici dedicati alle recensioni.

Un esempio in questo senso proviene dalla compagnia di crociere Norwegian Cruise Line ha implementato il sito ‘Voci Freestyle’, una community online sul proprio sito che permette di inserire recensioni, domande e mettere in contatto gli utenti che viaggeranno insieme nella stessa crociera.

Per gli hotel il social, quindi, non è soltanto Facebook. Tutte le attività che consentano agli utenti di interagire aggiunge grande valore al sito ufficiale dell’hotel.

Chi di voi sta tenendo d’occhio il traffico proveniente dai social media? Condividete con noi i vostri dati!

Fonte: L2 Digital IQ Index Travel [3]

Se vuoi conoscere altri dati sul traffico dai Social Media, leggi anche: