- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Travel 2.0 Academy Days – Live from Sorrento

leggi l’articolo completo... [2]23.04.09 – ore 19.30
Giornata intensa per noi di Booking Blog.

Finalmente ha preso il via il corso Travel 2.0 – Academy Days a Sorrento, la nostra due giorni dedicata totalmente all’universo web 2.0, al travel 2.0 e a tutte le più attuali strategie di web marketing Turistico.

Favolosa la location: il Crowne Plaza di Castellamare di Stabia, a picco sul Golfo di Napoli, regge decisamente il confronto con le nostre aspettative, e la vista mozzafiato sul Vesuvio ripaga appieno anche chi ha dovuto affrontare un lungo viaggio per raggiungerci.

La prima giornata è passata e i partecipanti sembrano aver reagito bene alle oltre sei ore di seminari che abbiamo dedicato al mondo del turismo on-line: 7 lezioni che hanno visto come protagonisti soprattutto i Social Media e la possibilità di sfruttarli come mezzo di promozione e di guadagno per le strutture alberghiere.
 

Il web 2.0 come attitudine: trasformare il “voi” in “noi”

Roberta Milano - Università di Genova [3]Ad aprire i lavori è stata la professoressa Roberta Milano dell’Università di Genova, che ha affrontato il tema del web 2.0 e del turismo online con un approccio decisamente diretto e significativo: il web 2.0 e il travel 2.0 non sono una tecnologia ma un’attitudine, la capacità di capire che il mondo di Internet è in continua evoluzione e che è necessario pensare ad ogni tecnica appresa non come a punto di arrivo, ma come a un passo che fa parte di una crescita costante.

In particolare, la docente ha ricordato che l’attenzione dell’albergatore, nel travel 2.0, deve sempre essere volta a un coinvolgimento attivo del cliente: cliente e albergatore non devono più vivere su due sponde opposte, ma incontrarsi a metà strada e sostenersi a vicenda.

Il successo si misura sulla base della capacità di trasformare il VOI in NOI. Fare marketing nel web 2.0 significa: osservare come ci vedono gli altri, ascoltare ciò che ci dicono, interagire sulla base delle istanze che manifestano, costruire insieme agli altri”.

Deve quindi essere un processo di scambio, mai unidirezionale. L’albergatore deve, come più volte abbiamo ripetuto, immedesimarsi con i clienti e renderli partecipi della propria attività di marketing.
 

I Social Media: come conoscerli ed usarli

Sergio Farinelli - QNT Hospitality [3]Inutile dire che la maggior parte degli interventi della prima giornata sono stati volti all’analisi dei Social Media: dai siti UGC turistici e non, ai Social Network, fino ai blog e ai forum.

Sergio Farinelli di QNT Hospitality ha spiegato in modo pratico ed essenziale il processo che conduce il cliente dalla ricerca del viaggio online alla prenotazione, come l’albergatore può promuovere e ottimizzare il posizionamento del proprio sito sfruttando le diverse strategie di web marketing (SEO, SEM, Brand Reputation, ecc.) soffermandosi sull’importanza del passaparola e della diffusione “virale” delle informazioni tramite Social Network.

Due sono stati gli interventi condotti dall’esperto di Expedia, Gianluca Piras: è stato importante il punto di vista di uno dei maggiori player mondiali della distribuzione, per comprendere meglio i meccanismi che rendono necessaria la presenza dell’hotel sugli intermediari, in termini di guadagni e soprattutto di visibilità.

A seguire, Michele Aggiato, responsabile di Zoover Italia, ha analizzato i pro e i contro dei 4 maggiori siti di recensioni turistiche online, TripAdvisor, HolidayCheck, Trivago e Zoover, mettendo in luce ancora una volta l’importanza di rispondere alle recensioni negative e le migliori strategie per sfruttare questo tipo di canali come promozione gratuita e fonte certa di traffico verso il sito ufficiale.

Infine, le testimonianze di Michele Polico, giovanissimo ma già esperto e consulente di Nextep per l’utilizzo di Facebook, che ha enunciato le numerose possibilità di promozione derivanti dal SN attualmente più frequentato al mondo, e di Elena Farinelli, che ha spiegato nel suo interessantissimo intervento come i blog, se ben gestiti, siano, anche nell’era di dominio Facebook, una risorsa inestimabile di visibilità aziendale, oltre che un mezzo di alto posizionamento troppe volte ancora inesplorato.