- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Wi-Fi gratuito – un servizio “speciale” fino al 2012

Wi-Fi gratuito hotelL’accesso ad Internet a pagamento negli hotel sarà presto l'eccezione piuttosto che la regola. L’ultimo grande gruppo ad eliminare i costi di connessione nelle sue proprietà del Regno Unito e degli Stati Uniti è stato Jurys Doyle.

Sebbene la maggior parte degli hotel internazionali continuino a far pagare l’accesso ad Intenet, le connessioni gratuite non sono così difficili da trovare anche fra gli hotel 2/3 stelle; una tendenza che ormai si osserva bene anche in Italia. "Più gradevole è l'albergo, più probabilmente vi faranno pagare la connettività wireless," sostiene il Senior Network Analyst Daryl Schoolar.

Per gli hotel di lusso, che puntano al viaggiatore business con maggiore possibilità di spesa, si può pensare di aggiungere qualche costo, mentre per i piccoli hotel il wi-fi gratuito è un’importante attrattiva. Durante un breve colloquio con Bill Marriott pochi mesi fa, Bill mi ha sostanzialmente detto la stessa cosa: più elevato è il prezzo della stanza, più probabilmente -per ironia della sorte- il cliente sarà disposto a pagare per servizi supplementari come l’accesso ad Internet.

Proprio per questo motivo l’annuncio della Jurys Doyle è importante. Gli hotel del gruppo Jurys Doyle sono hotel di lusso a 4/5 stelle, ma anche i viaggiatori più facoltosi stanno cominciando a respingere il concetto di “pagare per il Wi-Fi”.

Il CEO della Jurys Doyle, Bill Walshe, ha dichiarato: "Per la maggior parte dei nostri clienti, ed in particolare per i viaggiatori business, l’accesso ad Internet a banda larga è assolutamente cruciale, e viene visto come un servizio di base indispensabile, non come un lusso per cui si dovrebbe pagare un extra".

La questione non è “se” l’accesso gratuito ad Internet diventerà la norma per l'industria dell’ospitalità, ma piuttosto “quanto tempo” ci vorrà. Per il momento si stima il tempo necessario fra i 3 ed i 5 anni.

Gli albergatori devono decidere ora se cercare di ricavare gli ultimi pochi euro da un modello di business destinato a morire, o cambiare prima della concorrenza per pubblicizzare il servizio gratuito e rafforzare la fedeltà dei propri clienti.

Fonti:
 Hotels Mag [2]