- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Booking.com diventa motore di ricerca voli, ristoranti e noleggio auto

leggi l’articolo completo... [2]Non più solo hotel. Booking.com allarga i propri orizzonti. Da oggi, sulla home page della OTA compaiono infatti nuove opzioni di ricerca: ristoranti, noleggio auto e voli. Cliccando su ognuna di queste, l’utente viene redirezionato, rispettivamente, sui siti dei brand di Priceline Group OpenTable, RentalCars.com e Kayak.

Prosegue senza sosta la guerra del marketing tra le OTA. Booking.com completa il puzzle del traveler journey sulla scia di Expedia e punta a ottenere il pieno controllo del settore prenotazione viaggi online, muovendo per la prima volta passi in territori presidiati dal competitor.

Di questi due eterni competitor è ora la punta di diamante di Priceline Group a destare maggiore attenzione – con l’ultima mossa di inserire sulla propria homepage la ricerca ristoranti, noleggi auto e voli, accanto alla classica ricerca alloggi che tanto condiziona anche il mercato del settore alberghiero italiano.

A differenza di Expedia che offre un’esperienza più integrata, a gestire le tre nuove opzioni saranno altrettanti brand affiliati a Priceline Group: OpenTable, RentalCars.com e Kayak. Quest’ultimo, che di recente ha avviato il processo di acquisizione della piattaforma di ricerca voli online Momondo [3], si è fatto notare per aver parallelamente “cambiato volto” alla sua natura di motore di ricerca hotel, mettendo in primo piano la ricerca voli come opzione di default [4] all’apertura della home page.

Al di là della guerra tra le due principali OTA al mondo [5], comunque, la decisione di Booking.com di allargare l’offerta risponde banalmente a una tendenza che abbiamo tutti noi: quella di organizzare un viaggio partendo dal “come arrivare” e, solo in seguito, di pensare a prenotare un alloggio, noleggiare un’auto ecc. Facciamo queste cose esattamente in quest’ordine e le ripetiamo così meccanicamente che anche Booking.com ha dovuto adeguarsi e offrire di più.