- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Arriva l’Apple Watch: da Expedia a Booking.com i big player sono già pronti

leggi l’articolo completo... [2]Qualcuno pensava che sarebbero stati la nuova rivoluzione dopo iPhone e iPad. In realtà per adesso gli smartwatch e tutta la categoria delle “wearable technologies” hanno fatto una comparsa in sordina sugli scaffali dei negozi.

Ma non è detta l’ultima parola: da pochi giorni è stato lanciato il nuovo Apple Watch e anche nel turismo i grandi player già si sfidano per offrire nuove funzionalità ed applicazioni adatte agli orologi smart.

 

Le tecnologie indossabili tra i top trend 2015

Come ogni anno a gennaio Google si lancia nella ricerca di quelli che saranno i trend che incideranno maggiormente sulla vita reale e digitale a livello mondiale. Quest’anno a dominare la classifica dei Top 3 Tech Trends [3] ci sono le tecnologie indossabili e l’Internet delle cose.

Mentre i device proliferano e iniziano a lavorare assieme, gli oggetti connessi diventeranno le piattaforme della vostra vita. Vi aiuteranno con le cose di tutti i giorni, dall’intrattenimento alla guida in auto fino alla cura della casa.”

Secondo Google le ricerche relative alle tecnologie indossabili sono aumentate di tre volte in un anno e nel 2015 la connettività sarà ormai uno standard nei prodotti che usiamo di più e a livello globale ci saranno 4.9 miliardi di strumenti connessi, il 30% in più ogni anno.

Certo non dimentichiamo che Google è il padre di Android e dei primi smartwatch, ma i dati diffusi sono realistici. La connessione diventa una necessità sempre più pressante per gli individui, specie quando sono in viaggio: cercare velocemente sulle mappe, trovare recensioni al volo, avere la possibilità di leggere la posta senza bisogno di oggetti ingombranti, non sono cose lontane dal nostro immaginario, ma sono praticamente già realtà.

I primi a comparire sul mercato sono stati gli smartphone Android Wear: se una volta per funzionare dovevano trovarsi in prossimità del telefonino, adesso basta che possano agganciarsi a una rete wi-fi. La Apple è arrivata leggermente in ritardo ma con un prodotto come sempre più invitante.

Per la presentazione in Italia è stato scelto il prestigioso Salone del Mobile di Milano della scorsa settimana. Per un pomeriggio il prezioso Apple Watch è stato disponibile in uno dei locali più di tendenza per tutti i curiosi che volessero provarlo, ma da noi per adesso non sarà ancora acquistabile. A partire dal 24 aprile è in vendita solo in Usa, Australia, Canada, Cina, Giappone, Hong Kong, Regno Unito, Francia e Germania.

 

Booking.com ed Expedia lanciano le loro app per Apple Watch

Qualche mese fa abbiamo visto che hotel e compagnie aeree si stanno già attrezzando per mettere a disposizione dei clienti e dello staff nuove applicazioni per le wearable tecnhnolgy, dagli oculus rift agli smartwatch (vedi Tecnologie indossabili: 3 hotel e aziende travel che fanno da apripista [4]).

Ma anche i grossi player non si sono fatti attendere: come sempre a bruciare le tappe è Booking.com, che ha annunciato il lancio della sua nuova App Booking Now [5] per Apple Watch prima ancora che venisse messo in vendita.

Stuart Frisby, Principal Designer di Booking.com, ha fatto delle affermazioni che fotografano perfettamente un trend in atto tra i viaggiatori e che abbiamo già incontrato: “L’app Booking Now per Apple Watch è stata ideata per soddisfare la tendenza sempre più crescente ad effettuare viaggi last minute e on-demand e, allo stesso tempo, per offrire un’esperienza su misura e semplificata su quello che può essere considerato il computer più personal mai realizzato prima.”

Ma anche Expedia [6] non ha perso tempo: lo stesso giorno del lancio del device, Expedia ha messo online la sua applicazione. A differenza di Booking, Expedia ha puntato su un prodotto che accompagni l’utente durante il viaggio: invia notifiche sul proprio volo aereo, dà informazioni sull’hotel prenotato, offre informazioni utili sui prossimi step del viaggio.

 

Le grandi catene alberghiere non stanno a guardare

Ma le OTA non sono le sole a farsi avanti nel mondo degli Smartwatch per hotel.

A febbraio Starwood ha annunciato che avrebbe rinnovato le serrature di migliaia di porte per renderle apribili da smartphone e da smartwatch, sia con device Apple che Android.

Ma anche Accor ha già ideato un’applicazione per Apple Watch, con notifiche, possibilità di prenotazione e molto altro, come mostrato in questo video: