- Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico - http://www.bookingblog.com -

Guestscan – dove gli hotel possono recensire i clienti

leggi l’articolo completo... [2]C’era da immaginarselo che prima o poi sarebbe nato un sito che avrebbe permesso agli albergatori di “denunciare” ai colleghi i clienti molesti, proprio come TripAdvisor permette ai clienti di denunciare agli altri viaggiatori gli hotel da evitare.

Mentre qui su Booking Blog la nostra community si scaldava contro il sito di recensioni turistiche e si chiedeva: “Perché anche noi non possiamo avere un sito dove commentare i peggiori ospiti?!”, in Gran Bretagna hanno pensato bene di passare all’azione e di aprire Guestscan [3], il primo servizio dedicato ai piccoli-medi hotel, b&b, case vacanza e campeggi inglesi per difendersi dai “clienti da incubo”.

L’Associazione Guestscan permetterà ai proprietari delle strutture di controllare le credenziali dei clienti prima di confermare una prenotazione. Una volta diventati membri dell’associazione infatti, avranno accesso a un vero e proprio database di “combina guai”, per proteggersi da danni alle camere, mancati pagamenti e comportamenti asociali.

Il servizio è a pagamento, offre uno sconto su una forma assicurativa per hotel e promette addirittura consulenza legale in caso di bisogno, ma a quanto pare questo cade in secondo piano rispetto alla USP principale dell’associazione, che è sicuramente il maggior incentivo all’acquisto per qualsiasi albergatore:

Non è raro che i clienti credano che rompere la mobilia, macchiare con il vino i tappeti o i mobili, sia incluso nel prezzo del soggiorno – dichiara l’inventore Neil Campbell – è chiaro che c’è bisogno che qualcosa sia fatto per proteggere i proprietari delle strutture.”

Ho trovato l’idea ingegnosa, divertente, scaltra e di forte appeal per la classe alberghiera, ma ci sono ancora molti dubbi da risolvere sull’effettiva utilità ed il funzionamento del servizio:

 
 
Secondo voi potrà funzionare questo modello di servizio e magari emergere anche in altre parti del mondo? Voi paghereste per un servizio di questo tipo?