Abbassare i prezzi oppure no? Il dilemma di ogni albergatore

Home Forum Revenue Management Abbassare i prezzi oppure no? Il dilemma di ogni albergatore

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da dott_stefano_tiribocchi dott_stefano_tiribocchi 10 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #14860

    lorenzo
    Membro

     Questa è da sempre una delle domande più ricorrenti che circolano nelle menti degli albergatori. Vediamo cosa ne pensano al riguardo i colleghi di oltre manica, soprattutto adesso con la situazione economica globale.

    Durante la conferenza “Hotelier of the Year” tenutasi all’Hyatt Churchill hotel di Londra, il direttore generale del gruppo Robert Cook, ha spiegato ai delegati che le tariffe dei suoi hotel erano flessibili a seconda della domanda.

    #17139

    vilander
    Membro

    Noi della coperativa 13 maggio abbiamo un po’ abbassato i prezzi ed aumentato le promozioni specie su alcuni Hotel in location più sfortunata tipo Dobbiaco e Zoldo. in questo modo siamo riusciti ad ottenere prezzi + bassi ed aumentare conseguentemente le visite. Per cui anche se abbiamo aumentato di molto gli introiti abbiamo perlomeno mantenuto le visite uguali o addirittura superiori agli anni precedenti. Credo che in momenti di crisi sia un buon traguardo quello di mantenere il numero di clienti invariato o quasi

    #17142

    I prezzi non si abbassano nè si alzano si ADATTANO. Il prezzo finale di uscita della camera X dipende da innumerovoli variabili mutevoli:

    1- quale è il mio BISOGNO DI VENDITA per quel giorno, è un giorno lontano, è vicino, è oggi, domani, è tra un mese?

    2- a quanto ho venduto l’anno scorso quel giorno?

    3- a quanto stanno vendendo i miei competitor oggi?

    4- quante camere ho il giorno prima libere, quante il giorno dopo?

    5- è un lunedì?martedì?

    6- sono sotto cancellation policy?

    7- il mio prezzo attuale può influire negativamente su altri mercati non stagni a maggiore ricavo (tipico caso telefonico del CLIENTE ABITUALE che dice: senta ma a me la fa da sempre a 100 mentre su portaleX la vedo a 50, io sono un cliente e sa etc.. etc…)

    L’obiettivo del prezzo è quello di creare un FLUSSO di vendita delle camere che mi porti ad AZZERARE la mia disponibilità in funzione del migliore prezzo realizzabile=prezzo al quale la camera x può essere venduta al cliente y disposto a comprarla in quel momento per non averla INVENDUTA dopo.

    I prezzi possono oscillare ampiamente, in relazione di queste variabili.

    #17143

    sfarinel
    Amministratore del forum

    Salve Stefano,

    il titolo dell’articolo vuol essere una provocazione (anche se poi, cosi’ come è, è la frase che passa sempre troppo spesso nella mente degli albergatori).

    Booking Blog è da tempo impegnato in una “missione” formativa sulle strategie di pricing e Revenue management corrette da adottare per valorizzare al meglio la rendita degli hotel (oggi importante più che mai in questi momenti di crisi).

    Vedi:

    Revenue Management: 4 mosse per fronteggiare la crisi

    Il tuo commento, lucido e schietto, non può che trovarmi d’accordo.

    #17154

    sabbatroce
    Membro

    Io parlo per i disabili gravi come me che hanno bisogno del assistente personale: bisognerebbe che gli albergatori di ogni genere, facessero pagare il pernottamento solo al disabile o al assistente; come per gli spettacoli.

    I prezzi sono alti negli hotel accessibili a 3 stelle e nelle pensioni a una stella non sono accessibili.

    #17163

    wookie
    Membro

    Attualmente sto provando a effettuare delle offerte appunto “pacchetti”

    per due strutture abbiamo aderito alla campagna nazionale BB days

    per l’Hotel invece abbiamo creato una campagna “Dormi e Mangia” dove il cliente paga la stanza e noi offriamo la colazione e la cena inclusa nel prezzo della camera ( prezzo veramente piccolo 65 euri la camera per due persone).

    Il problema riscontrato e’ quello che mentre la campagna nazionale ha portato tantissime richieste e prenotazioni, la promozione “personale” dell’ Hotel invece (iniziata da pochi giorni) ha per ora portato poche richieste vista la difficolta’ di riuscire a farla conoscere sul panorama Nazionale/Internazionale …. posizionarla nei risultati organici dei motori di ricerca non e’ facile.

    #17173

    sabbatroce
    Membro

    Ecco, 65 euro una camera per 2 persone sono accettabili anche per me che sono disabile e che purtroppo deve avere un assistente personale per aiutarmi.

    #17168

    Gentile Wookie,

    per le promozioni personali veloci la migliore scelta per un rapido posizionamento è il pay per click di google, da visibilità istantanea e le conversioni possono essere monitorate.

    #17175

    wookie
    Membro

    Si effettivamente abbiamo iniziato a effettuare un pay per click il problema correlato e’ che per persone non “addette” a i servizi anche l’utilizzo di un pay per click non e’ cosi’ facile, io per esempio mi son trovato ad avere key che sono arrivate a costare 2 o piu’ euro a click.

    A questo punto conosco il consiglio di affidarmi a un’esperto, il problema e’ che avrei bisogno in un esperto di marketing di uno di payperclick un’altro di posizionamento organico un writers per un sito corretto ecc…. considerando la crisi se dovessi pagare tutte queste persone (senza contare i portali che prendano il 20% del prezzo) dovrei mettere promozioni a 200 Euri !!!

    Il fai da te (con miseri risultati) sembra quasi essere indispensabile per una piccola proprieta’.

    #17182

    Gentile Wookie,

    ci sono società complete che sanno commisurare l’investimento alla struttura, venendo incontro alle singole esigenze del cliente, provi a contattare la QNT stessa, che ci fornisce la piattaforma di questo blog.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.