Global Hotel Exchange: il portale senza commissioni per l’hotel

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Global Hotel Exchange: il portale senza commissioni per l’hotel

Questo argomento contiene 16 risposte, ha 10 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Lulini 6 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 17 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #15907

    sfarinel
    Amministratore del forum

    leggi l’articolo completo...Global Hotel Exchange è un nuovo, ennesimo portale di prenotazioni hotel lanciato a giugno. Ciò che lo distingue è che non prevede alcuna spesa per gli hotel. Chiede invece una piccola cifra all’utente al momento della prenotazione.

    Il portale si colloca tra i nuovi modelli distributivi che stanno emergendo con forza negli ultimi tempi (tariffe opache, coupon, bidding, ecc.) e ha l’obiettivo di scardinare il principale motivo di malumore che avvolge in modo sempre più pesante il rapporto tra intermediari e strutture alberghiere, ovvero le commissioni. Ma funzionerà?

    Global Hotel Exchange: il portale senza commissioni per l’hotel

    #20708
    Vincenzo21
    Vincenzo21
    Membro

    L’idea sembra buona, soprattutto se quelli di GHE riescono a gestire il tutto con meno di 3 dollari a prenotazione.

    Ma un dubbio ce l’ho, tutto ciò farebbe creare un problema di parity rate, non so quanto Expedia, Booking e tutti gli altri competitors sarebbero felici di vedere tariffe più basse dello stesso hotel su GHE (il contratto impone l’albergatore a fornire a questi portali la “migliore tariffa garantita”). Almeno che GHE non venga da loro considerato un competitor, ma non credo lascino questa libertà, sarebbe un suicidio per la loro politica.

    Per quanto riguarda invece la storia che al momento gli albergatori pagano il 40% per stare con i più grandi portali mi sembra esagerato. Non faccio nomi, ma in media le commissioni vanno dal 20 al 25% per i portali più importanti, poi c’è anche qualcuno che applica il 10 o il 15%.

    #20709

    marghe
    Amministratore del forum

    Buongiorno Vincenzo,

    per quanto riguarda la parity non dovrebbero esserci problemi se l’hotel la mantiene su tutti i portali, compreso GHE e il proprio sito. Anche se, visto che non ci deve pagare le commissioni, potrebbe scegliere di fare tariffe più competitive, ma in questo caso contravverrebbe alla parity con gli altri portali.

    #20710

    Antonio67
    Membro

    Per restare in parity e al tempo stesso utilizzare la mancata commissione, si potrebbe mantenere la stessa tariffa di altri portali e dare qualche benefit alle prenotazioni derivanti da GHE (wifi gratuito, quotidiani, frigobar, ecc)

    #20711

    Questo nuovo portale è sicuramente un’ottima soluzione per contrastare lo strapotere delle OTA quali expedia e booking in primis. Per quanto riguarda il discorso parity rate, non capisco perché, dato che GHE non chiede commissioni, io albergo non posso essere libero di abbassare le mie tariffe, anche ben al di sotto di quelle degli altri portali. Solo in questo modo potremo aiutare anche GHE ad avere successo.

    Se il cliente trova su GHE la stessa tariffa che trova ad esempio su Expedia ed anzi, su GHE il cliente deve anche pagare i famosi $2,99 è ovvio che prenoterà su expedia. Vero è che come scrive Antonio67 si potrebbe offrire qualche servizio in più a chi prenota con GHE ma perchè l’albergo deve rispettare la parity rate quando expedia stesso contravviene per primo a questa regola? Basta farsi un giro su internet e vedrete expedia offrire sconti, scendendo al di sotto della Vostra tariffa minima garantita, ovviamente senza neanche interpellarvi.

    Se vado in 10 supermercati diversi, troverò la stessa bottiglia d’acqua a 10 prezzi diversi. Perchè allora l’albergo deve avere la stessa tariffa su tutti i portali?

    Siamo o non siamo in un mercato libero?

    #20716

    xaver
    Partecipante

    L’idea può essere interessante per gli hotel, dubito che il cliente sia disposto a pagare una piccola somma non rimborsabile quando altre OTA gli permettono di effettuare la stessa prenotazione gratuitamente.

    #20717

    marghe
    Amministratore del forum

    Ciao xaver benvenuto… a dire la verità è la stessa cosa che ho pensato io all’inizio, almeno che non siano così bravi da differenziare l’offerta al cliente con altri bonus gratuiti riservati… oppure che loro cambino le carte in tavola riguardo alla rate parity… che ne pensi?

    #20724

    Ultimamente lasse del problema è stato automatizzato. Liberi di non essere in parity le maggiori ota penalizzeranno le strutture che nn la ripsettano con conseguente discesa di posizione nel loro ranking di visibilita.

    #20727
    Vincenzo21
    Vincenzo21
    Membro

    Ciao Antorake,

    l’esempio della bottiglia d’acqua è perfetto per spiegare meglio la situazione Expedia, che è l’esatto contrario di come la intendi tu.

    Ipotizziamo che l’azienda che produce acqua si chiami “Pluto”, e che la Pluto venda le proprie bottiglie ai supermercati a 0,60.

    Giustamente tu dici che se vai in un supermercato troverai la bottiglia a 1,00, oppure a 1,20, oppure anche a 0,90 e così via.

    La cosa è perfettamente regolare, Pluto ha venduto la sua acqua a tutti a 0,60, poi è decisione di ogni singolo supermercato decidere quanto guadagnarci sopra. Quello che la vende a 0,90 ha deciso che la sua politica sia quella di vendere con meno guadagno per ogni pezzo, ma facendo così punta a vendere di più in quantità e attirare clienti.

    Pluto è l’albergo e i supermercati sono Expedia, Booking e tutti gli altri. Expedia può vendere le camere al prezzo che vuole se lo sconto lo toglie dalla sua commissione, l’albergatore non ha bisogno di essere interpellato se il netto che gli entra è lo stesso e non si verificano problemi di parity (perchè Expedia fa passare la cosa come sconto speciale, oppure offerta limitata o altro).

    Il mercato è libero, si, ma per loro! Per l’albergatore il mercato si chiude quando firma il contratto che gli impone di garantire la miglior tariffa. E visto che ormai il potere è in mano alle OTA non ti permetteranno mai di essere presenti sui loro portali senza rispettare la parity.

    La fregatura per l’albergatore è quella che deve rispettare la parity al lordo delle commissioni. Se fosse possibile scrivere un contratto dove l’albergatore sia tenuto a rispettare la parity al netto delle commissioni allora la musica cambierebbe. I portali che avrebbero i prezzi migliori sarebbero quelli con commissioni più basse (10% o 15%), e GHE sarebbe il migliore in assoluto, tutto questo a danno dei più conosciuti al mondo che hanno commissioni tra il 20 e il 25% (e qualcuno anche di più).

    Ma questo non può accadere finchè le OTA hanno il coltello dalla parte del manico.

    #20730

    Ciao Vincenzo21. Permettimi: credo invece che l’esempio della bottiglia d’acqua calzi proprio a pennello. L’albergo, nella fattispecie Pluto, tu credi che possa mai vendere l’acqua allo stesso prezzo, in questo caso a 0,60 a tutti i supermercati? Questo non succede mai. Tu pensi che Pluto al supermercato Pingo Pallino che acquista 10 casse d’acqua riservi le stesse condizioni di prezzo di un famoso supermercato che ne acquista 200? Io credo di no e d’altronde è giustissimo che funzioni così.

    Lo stesso dovrebbe succedere con le OTA. L’albergo dovrebbe essere libero di stabilire accordi con ogni singolo Tour Operator a seconda di quello che il singolo Tour Operator gli offre. L’esempio che hai fatto sul discorso di rispettare la parity ma al netto delle commissioni mi trova invece d’accordissimo. Insomma, alla fine non abbiamo opinioni così distanti.

    Un saluto

    #20731
    Vincenzo21
    Vincenzo21
    Membro

    Ciao Antorake,

    è ovvio che Pluto riservi trattamenti differenti a chi compra di più…quindi vedrai che le OTA più conosciute a livello mondiale hanno commissioni del 20 o 25% (se non di più), mentre le piccole agenzie online che fanno fatica a mandarti almeno una camera ogni due mesi hanno commissioni al 10 o 15%.

    Ma come ti ho detto il punto è quella garanzia di miglior prezzo che ti chiedono sul contratto e che sei obbligato a rispettare (altrimenti vieni penalizzato sui ranking o addirittura oscurato).

    Magari fosse possibile fare un discorso di parity al netto delle commissioni. Ma come si fa? Sono loro a decidere. Se ti ribelli loro ti fanno fuori e non è nemmeno un problema, tanto continuano a vendere gli altri hote. Allora o tutti gli Hotel dovrebbero trovare un accordo e ribellarsi di comune accordo. Purtoppo non mi pare realizzabile.

    Con questa iniziativa GHE ha aperto una strada, magari con l’evolversi della situazione tra 3 o 4 anni la situazione sarà differente. Chissa ?!?!?!

    Come già detto, al momento solo le OTA a decidere e ad imporre le regole agli hotel. Finchè il contratto glielo consente possono vendere l’hotel come vogliono.

    #20732

    Ok, facciamo chiarezza. Distinguiamo il piano di discussione, le bottigliette d’acqua sono dei PRODOTTI FISICI, le camere di albergo sono dei SERVIZI. I primi hanno un momento di acquisto e possesso coincidente, le seconde hanno il momento di acquisto separato della fruizione. Inoltre le bottigliette viaggiano sugli scaffali, le camere di albergo viaggiano sui Byte.

    NON è POSSIBILE NON rispettare la PARITA TARIFFARIA poichè si creano delle enormi distorsioni nella presentazione del nostro servizio, l’utente piu smart puo andare su siti di aggregatori prezzi come HOTELSCOMPARISON o HOTELSCOMBINED e vedere per lo stesso albergo le differenti tariffe praticate dai diversi operatori. Se non utilizziamo delle TARIFFE LORDE in totale parità generiamo un meccanismo di CONCORRENZA INTRATARIFFARIA che scaternerà una guerra interna di prezzo facendo perdere il controllo del VALORE del nostro prodotto che puo essere venduto dall’operatore alla tariffa da lui ritenuta piu opportuna, il KAOS.

    OGGI l’albergo deve avere il pieno controllo della sua tariffazione LORDA ed essere certo che il suo prodotto è veicolato ad una tariffa decisa sulla base delle proprie strategie di revenue management, l’integrità della parità tariffaria garantisce la mobilità del prezzo in base alle proprie decisioni. Se togliamo la parity si apre una giungla di arbitrarie variazioni, in ogni momento possiamo avere camere a rilascio tariffario diverso e in ogni momento possiamo avere un operatore sotto alle nostre tariffe ufficiali.

    Il vincolo della parità deve essere universale.

    #20739

    Ottimo strumento.

    Ho già parlato con chi gestisce il sito e lo sviluppo del progetto non sarà rapido nella nostra area geografica ma come albergatore e come piccolo viaggiatore ho fatto loro i complimenti per il coraggio che merita ora il sostegno di noi albergatori ricattati dalle ota.

    Finalmente si ragiona di “IMPARITY”….finalmente !

    Senza vergogna “magnusworldwide” parla di ridare profitto agli alberghi e senza paura dobbiamo rispondere rompendo il sistema.

    Nel mio piccolo ho praticato la “imparity” tutta questa stagione e i risultati sono stati più che buoni .

    L’albergo che gestisco ha semplicemente gestito decentemente il marketing e lavorato sulla reputazione ( richiedere ai clienti che apprezzano di più di scrivere una recensione ).

    Abbiamo tenuto costantemente sul sito e al banco offerte migliori delle Ota.

    Abbiamo tolto alle Ota le date calde, senza vergogna e con qualche piccola disquisizione telefonica ( ma anche chissenefrega di quello che dicono…abbiate un po’ di coraggio ).

    I risultati ??

    +15 % di incassi rispetto all’alta stagione del 2011

    – 60% di costo commissioni

    Se avete tempo e voglia da spendere nel vs lavoro di albergatore avrete un po’ di successo.

    Tornando all’argomento GHX offro loro prezzi migliori di altre Ota.

    Sissignore !!!

    Le distorsioni di cui parla qualcuno quì sono state apprezzatissime dai miei clienti che hanno goduto di un prezzo migliore prenotando direttamente con l’hotel. Questo sarà il caso anche di GHX o di chi vorrà rompere il sistema.

    E il sistema, io sono certo, si romperà a favore del cliente e a favore dell’hotel

    Se ora vendete con le Ota una camera a 100 che vi costa almeno 20 euro ( peraltro indegno il fatto che gli hotel paghino alle Ota i loro costi fiscali….vergognoso davvero ).

    La mia camera su GHX e sul mio sito costa 90 ( in offerta o in imparity …dipende dal vs coraggio…e fatevelo venire però!)

    Il cliente risparmia 10 euro sul mio sito e 8 euro su ghx ( inclusi i 2 euro circa di commissione di ghx)

    Dati alla mano io sono andato molto bene quest’anno e vedo l’albergo crescere.

    Buon Lavoro!

    #20740

    marghe
    Amministratore del forum

    Ciao Antonio, grazie mille per aver condiviso la tua esperienza, è davvero interessante la tua situazione!

    L’unica domanda che mi faccio è questa: ti faranno storie le altre OTA con cui lavori? Perderle per te sarebbe così problematico o hai un piano B? :-)

    #20741

    Ciao Marghe

    Come ho scritto si, abbiamo qualche disquisizione ma i nervi vanno mantenuti saldi.

    Non esiste strategia migliore di terrorizzare.

    Creare panico spargendo la voce che o fai come dicono le Ota o sei fuori è frutto di una strategia.

    Ritengo che la vera distorsione sia lasciare la gestione della tua struttura ad altri: Ota, revenue managers, channel manager…tutti gadget di un mercato che va fermato.

    La risposta è lavorare e crescere per la propria struttura ma non delegare.

    Imprendere !!!!!!

    Se si parte dal concetto che viene prima la gallina dell’uovo non si risolve niente.

    Noi crediamo che le Ota esistano poichè esistono le ns camere.

    Il nostro cliente è l’utilizzatore finale non un mero backoffice .

    Il nostro cliente ha bisogno di più cuscini, di un prezzo migliore di chi ci prende il 20% di commissione

    Il nostro cliente vuole una colazione migliore …non una bandierina “smart deal” accanto al prezzo .

    Collaborazione non significa obbedienza.

    Siamo sono ricatto e da questo ricatto sono , in questi anni,nate profonde insicurezze.

    Gli alberghi hanno il dovere morale di riprendersi il loro ruolo e di ripercorrere una strada che porta al profitto. Se non si fa ciò non si potrà migliorare nessuno standard di accoglienza che , in verità, scende la dove mancano le risorse poichè la voglia di farlo c’è nei piccoli come nei grandi imprenditori.

    E’ facile affidarsi al prossimo, difficile è crescere la consapevolezza che non possiamo più perdere l’obiettivo: fare albergazione a tutto tondo, dal lenzuolo al marketing. Dobbiamo farlo noi però, non lasciare che lo facciano altri per noi e subirne poi il ricatto economico e di ruolo.

    Ogni percorso di cambiamento necessità del tempo e della voglia di cambiare.

    Io ho cambiato, ci sono voluti solo 12 mesi e se non avessi fatto questo sarei già orientato a cambiare mestiere.

    E’ dura ma la strada ha una sola direzione.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 17 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.