Google Business Photos per hotel: una case history reale

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Google Business Photos per hotel: una case history reale

Questo argomento contiene 18 risposte, ha 11 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marghe 7 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 16 a 19 (di 19 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #20848

    Buongiorno sono un fotografo certificato, purtroppo trovo disarmante leggere note negative, creando una scheda ott. SEO LOCAL, con pertinenza al sito ufficiale i risultati sono ottimi. Vi rimando alla pagina del mio sito dove dopo aut. ho incollato una mail arrivata nel mio profilo di FB a fine pagina

    http://fotografo-certificato.it/google-foto-interni/

    #20849

    Ciao a tutti,

    La possibilità di far vedere un albergo con Google Business Photo non ha eguali.

    Il Virtual Tour è collegato a Google street-view, indirizzo utilizzato dal 90 % dei turisti in cerca di un albergo. Un opportunità così conveniente non è paragonabile a nessuna ipotetica idea pubblicitaria.

    Pensateci bene online 24 h per tutto l’anno.

    Quattro motivi validi:

    1- Possibilità di distinguersi dalla concorrenza, di diventare più visibile e attraente per i potenziali clienti.

    2- Bella ed efficace la presentazione del Hotel , B&B e strutture ricettive serve a dimostrare tutti i vantaggi e le caratteristiche del vostro interno ;

    3- La più recente tecnologia per presentare il proprio business , che ora ha solo un piccolo numero di imprese;

    4- Possibilità di dimostrare pienamente, anche uno spazio piccolo, come un bagno o sauna che con la fotografia normale è impossibile.

    #20858

    gianni
    Membro

    Sono un fotografo certificato ed opero a New York. Mi e’ stato segnalato questo link da un amico italiano ed ho letto un po’ di commenti non troppo corretti. Intanto e’ vero che questa tecnologia esiste da almeno dieci anni. Non e’ vero che non esistono programmi al di fuori di google che sono in grado produrre Virtual Tour piu’ o meno complessi. Esistono e sono come al solito più o meno completi per meglio adattarsi alla loro fascia di costo. Quasi tutti, per molti aspetti, superano le caratteristiche del software di Google. Google pero’ e’ in continua evoluzione ed io non ho mai visto nessun programma di stitching ed HDR aggiornarsi con cosi’ tanta velocita’. Quelli gratuiti esistono, alcuni assolutamente inutili, altri ottimi, ma a mio parere non sono consigliabili a dei fotografi non troppo navigati in pratiche di computer ed immagini digitali.

    L’entrata nell’esercizio e’ chiaramente visibile sullo Street View di Google mediante una freccia, ed il Virtual Tour e’ solitamente visibile affiancato alla mappa di Google nella pagina dei risultato della ricerca. Naturalmente la ricerca fatta in Google.

    Come in tutte le pratiche fotografiche esistono appassionati, dilettanti, semi professionisti e professionisti, senza neanche considerare i geni che anche in questa pratica non mancano. Per le foto panoramiche la storia non cambia. Ci sono fotografi in Google che vengono da molto lontano e sono estremamente professionali e ci sono quelli che lo sono un po’ meno. Tutti comunque dovrebbero metterci il massimo dell’impegno, ma al momento del contratto con il cliente e’ importante che il fotografo mostri chiaramente quali sono capacità e offra le sue prestazioni anche in base alla spesa che il cliente può o vuole affrontare. Ora, pensare che un virtual tour di 30 panorami per un hotel prestigioso possa essere vicino ad una spesa 400 euro mi sembra un non senso.

    E’ chiaro che per un ottimo lavoro, ben curato, che mostri una calda ed invitante atmosfera, c’e’ bisogno di organizzazione, setup, luce giusta, molta pazienza e molte ore di lavoro, in alcuni casi anche giorni. Questo va pagato e pagato il giusto, esattamente come B&B Mamma Rosa pretende che le si paghi la stanza a secondo della fascia di lusso per poterci soggiornare. Del resto per quelli che non apprezzano la qualita’ o non vogliono pagarla, esiste un applicazione in Android che permette di creare panorami e pubblicarli in Google senza alcuna spesa. Dubito fortemente che abbiano “atmosfera” anche se non sono poi cosi’ male.

    Grazie. G

    #20859

    marghe
    Amministratore del forum

    Grazie per la testimonianza d’oltremanica Gianni!

    Sono d’accordo sui diversi costi dei fotografi: ognuno sarà pagato in base alle sue capacità e al budget che ha il cliente. Detto questo conosco molti fotografi operanti nel settore alberghiero e so perfettamente il divario di prezzo che può esserci tra uno e un altro… alcune volte, mi creda, non giustificato.

    Ma è sempre giusto pagare la qualità e la professionalità, sia su Google Places che fuori!

Stai vedendo 4 articoli - dal 16 a 19 (di 19 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.