Prenotazioni on-line troppo difficili: cresce il ruolo dei nuovi agenti di viaggio

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Prenotazioni on-line troppo difficili: cresce il ruolo dei nuovi agenti di viaggio

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 8 partecipanti, ed è stato aggiornato da Luca Meneghini Luca Meneghini 8 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #15370

    leggi l’articolo completo...A prima vista potrà sembrare assurdo, ma mentre continua il boom delle prenotazioni online, sembra che un numero crescente di viaggiatori stia tornando a rivolgersi alle agenzie di viaggio tradizionali per ricevere supporto nel prenotare le proprie vacanze.

    A rivelarlo è uno studio condotto da Forrester Research, secondo cui nei primi tre mesi di quest’anno, il 28% dei turisti negli Stati Uniti che hanno prenotato i loro viaggi online ha detto che sarebbe interessato a rivolgersi ad un’agenzia tradizionale. Il 5% in più rispetto al 2008.

    Prenotazioni on-line troppo difficili: cresce il ruolo dei nuovi agenti di viaggio

    #20049

    GIANLUCA1
    Membro

    ONESTAMENTE NON CREDO PROPRIO SIA COSI.

    POI LA FIGURA DEL TRAVEL EXPERT……

    Credo, invece, che molti clienti guardino i siti on-line e poi non convinti o perchè non vogliono dare la c/c chiamano in albergo.

    L’albergo, in questo caso, ha benefici enormi….quindi la figura del TE potrebbe essere (formato bene) il segretario che risponde in albergo.

    Che ne pensate?

    Gianluca

    #20050

    Gianluca

    se parliamo “dell’Italia” credo che il primo (e maggiore) scoglio sia la nota diffidenza tipica del nostro paese:a un passaggio di una proposta online a un prezzo inferiore “della media” proposta offline,scatta il “c’è sicuramente la fregatura”.Aggiungiamo il fatto che in italia la diffusione della carta di credito (mezzo di pagamento in assoluto più usato nell’online booking) è tra le più basse in europa,e che anche quando viene usata si ha sempre il timore di clonazione…insomma,sotto questo punto di vista qui siamo molto indietro,per come la vedo io.

    L’articolo però si basa su uno studio americano,quindi “terra fertile”;e devo dire che probabilmente ha preso in pieno il vero “problema”: organizzare un viaggio complesso online porta via tempo,fatica e, soprattutto,non è banale.

    Però,onestamente,io non penso che questa difficoltà possa portare in ribalta una figura di “travel expert” (in italia ancor meno,se si guarda “l’astio” che il “tradizionale” adv ha verso l’online),se non in realtà molto di nicchia.

    Credo invece che il prossimo traguardo sia lo sviluppo di un sistema,sempre online,che “agevola” il compito.

    Qualcosa sta già “nascendo” (sto pensando a Kayak Vacations: http://www.kayak.com/vacations )ma sono convinto che il vero contributo sarà di Google.

    Mio parere,si intende :)

    Stefano

    #20051

    non posso che essere d’accordo con l’articolo!!! vanno ed andranno sempre aventi le agenzie tradizionali che usano sempre più gli strumenti web. Quindi ok al web 2.0 ma la figura umana è fondamentale e lo riscontriamo ogni giorno sempre di più nella nostra agenzia. Un low cost in europa viene ad esempio prenotato sul web, ma sicuramente un viaggio di nozze tailor made necessita della consulenza e della professionalità di un agente di viaggio.

    #20052

    camper
    Membro

    Giustamente trattasi di ricerca americana.

    Parlando di viaggi in ogni caso dubito che il segretario d’albergo possa sostituirsi ad un ADV anche perché sarebbe fuorilegge.

    Sicuramente una evoluzione “universale” potrebbe essere un social dynamic packaging ma non gestito da una OLTA bensi partecipato da più Consulenti di viaggio specializzati. Chi ha capacità e curiosità per costruirsi il viaggio lo fa online, altrimenti si serve del consulente con relativo costo.

    Paolo

    #20054
    Riccardo Cocco
    Riccardo Cocco
    Partecipante

    Il segretario del ricevimento in molte realtà, specialmente nelle Compagnie Internazionali e’ già di fatto un consulente di viaggio in funzione degli ‘obblighi’ di Compagnia nel ‘vendere’ il prossimo soggiorno del viaggiatore.

    La sfida dei prossimi anni coinvolge sempre più il segretario del ricevimento al quale si richiede sempre più un allargamento delle proprie competenze.

    Il fatto che sempre più viaggiatori mostrino l’esigenza di una consulenza ‘viva’, e’ sintomatico del modo in cui ci si approcci all’acquisto di un viaggio, dove l’esigenza di molti di un contatto ‘umano’, al quale rivolgersi (psicologicamente rassicurante) in caso di necessita’ e’ di sicuro molto più rassicurante rispetto al ‘risparmio’ conseguibile attraverso un sistema inanimato.

    Buon lavoro e buoni contatti umani a tutti!

    Riccardo Cocco

    #20056

    GZavatti
    Membro

    Buongiorno a Tutti, alcuni dati di una esperienza professionale di quest’inverno a conforto della necessità dell’utente di un sito dell’hotel o di un operatore on line di avere un contatto con il suo potenziale cliente, insomma qualche certezza in più oltre al freddo calcolatore di prezzi, che è un booking on line. Mi occupo di consulenze e modelli di business per tour operator e hotel e quest’inverno per un gruppo alberghiero del Trentino Alto Adige abbiamo consigliato di far inserire subito la mail dell’utente, prima di accedere al booking on line, e facoltativamente di dare anche il numero di telefono. I timori erano meno accessi al booking on line rispetto a prima, che si è dimostrato un pò vero, ma abbiamo perso solo il 5% di accessi rispetto all’anno prima; il risultato vero è però di oltre 15.000 richieste, di cui 13.000,00 nuovi indirizzi e-mail e ancora più confortante quasi il 40% dava un numero di telefono a cui essere contattato. Quindi credo vada ripensata in generale la relazione sito>utente-cliente>bookingonline>prenotazione.

    Buon lavoro a tutti

    Giorgio Zavatti

    #20058

    @G Zavatti

    Opernado anch’io in Trentino, conosco la clientela e la Sua scelta è stata giusta ed i risultati lo dimostrano ampiamente.

    Vedo anche una nuova grande opportunità non ancora menzionata….

    SEGUIRE IL CLIENTE NEI SOCIAL NETWORK AL FINE DI CONFEZIONARE LA VACANZA DESIDERATA!

    Io fortunatamente collaboro come consulente esterno per una struttura 5 stelle che offre molto lusso e comfort e si distacca dai grandi numeri (10 camere…) ed ho iniziato tramite facebook a sondare quello che il cleinte vuole e moltissimi vogliono creare il soggiorno perfetto per le varie esigenze e gusti personali!

    Quindi avvaloro il dott. Cocco per quanto riguarda il segretario di ricevimento (figura che io vorrei come gentleman e grande venditore!) ma anche chi riesce a fidelizzare, capire e quindi offrire al fine di vendere tramite FB o TW.

    E voi cosa ne pensate?

    Quasi quasi gli amministratori potrebbero mettere in facebook la domanda a tutti gli iscritti….

    COME INTENDI LA VACANZA PERFETTA?

    – OTTIMA OFFERTA LOW COST

    – QUELLA CHE DESIDERAVO (SCELTA DA ME CON ANNESSI E CONNESSI)

    – LA PIU’ INVITANTE

    Buona Giornata a tutti!

    L.M.

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.