Turismo Europeo: la decrescita si combatte con la disintermediazione?

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Turismo Europeo: la decrescita si combatte con la disintermediazione?

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Katerina 8 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #15671

    leggi l’articolo completo...Aumento medio del RevPar del 5,5% per tutto l’anno, ma con un forte rallentamento in Dicembre: questa la fotografia del Turismo Europeo scattata da MKG Hospitality, operatore internazionale nel settore dell’Ospitalità.

    Un aumento generalizzato di occupazione e ADR avrebbe favorito la forte crescita, ma in dicembre si è verificato il primo declino degli indici che mette fine a quasi due anni di cambiamenti positivi cominciati dopo il crollo dell’economia del 2009. Che cosa mette i freni all’Europa?

    Turismo Europeo: la decrescita si combatte con la disintermediazione?

    #20435
    Zeno Govoni
    Zeno Govoni
    Partecipante

    Il mio intervento sulla rate parity potrebbe andare bene anche qui e lo riporto sotto.

    Premesso che personalmente convivo con le OTA, applico parity rate no per contratto (che comunque avendolo sottoscritto senza nessuna costrizione da parte di nessuno, ritengo sia necessario rispettarlo come chiediamo ai nostri clienti di rispettare i nostri contratti) ma semplicemente per una correttezza di immagine verso i futuri Ospiti e per una scelta aziendale. Detto questo ritengo che lo sciopero sia una soluzione che esprima la povertà di idee nel voler tentare la strada della disintermediazione. Si contrastano le cose creando alternative/idee e dimostrando che queste sono altrettanto valide e possono restare sul mercato. Tentare di eliminare un concorrente mettendogli i bastoni tra le ruote non porta da nessuna parte.

    La mia proposta è la seguente e tyenta di dare una soluzione al problema delle Ota e della tassa di soggiorno.

    Se il nostro Governo attuale (composto finalmente da tecnici con i quali forse è più facile un dialogo approfondito e non solo fatto di presunti ideali) capisse che tutte le commissioni che noi albergatori italiani paghiamo è tutta ricchezza che esce dal nostro paese e che perdiamo, potrebbe pensare di creare un portale di prenotazione semplicemente prendendo spunto da quelli che ci sono già, fare un accordo con altri paesi definendo un indirizzo web che sia comune ai vari paesi come logica (al momento http://www.bookitaly.com è libero e quindi potrebbe essere anche per gli altri paesi un indirizzo del tipo http://www.bookfrance.com etc.) così da rendere molto più facile il marketing e la veicolazione congiunta del messaggio che per ogni paese esiste un portale di prenotazione di proprietà del paese (si potrebbe studiare una sorta di protocollo sottoscritto dai vari paesi per pubblicizzare a livello mondiale questi portali, facendo squadra tutto è più facile e con costi minori).

    Naturalmente noi albergatori dovremmo corrispondere per ogni camere venduta una commissione, no di certo del 15-25%, parlo di un 5% di cui una parte serve per sostenere la manutenzione, gli investimenti sul portale mentre la restante parte servirebbe per risolvere il problema della tassa di soggiorno e mi spiego. Naturalmente ogni hotel è geo-localizzato quindi la restante parte della commissione sarebbe girata dal portale ai vari comuni e provincie di cui fanno parte gli hotel prenotati, così da poter reinvestire quella parte di commissioni per progetti locali naturalmente legati al turismo. Pensate quanto si potrebbe recuperare!!! E tutto rimane sul territorio ITALIA. Il turista non dovrebbe più pagare la tassa di soggiorno e già questi due punti di forza commissione bassa e reinvestita a favore del turista stesso farebbero da soli tutto il lavoro di marketing.

    In più si potrebbe anche risolvere la famosa questione delle recensioni, perché? Perché questo portale prenderebbe la parte buona delle OTA, e cioè chi scrive la recensione effettivamente è stato in hotel a seguito dell’invio dopo il check out del codice per scrivere la recensione, e l’albergatore ha il diritto di replica visibile a tutta la community esattamente come avviene per TripAdvisor (io sono dell’idea che se le recensioni sono negative su un sistema come Booking.com dove chi scrive è veramente stato in hotel, il proprietario/direttore non può sempre rispondere che il cliente ha torto perché a quel punto chi legge le recensioni e le relative risposte capirebbe che non può sempre aver sbagliato il cliente e quindi a quel punto se le recensioni sono tutte negative vuol dire che quella struttura non risponde ai requisiti minimi).

    Poi pensate alla potenzialità che avrebbe nel senso che per ogni regione, provincia e comune si potrebbe predisporre una sezione dedicata alla multimedialità con contribuiti video, fotografici, etc e una sezione dedicata agli eventi. Tutti in un unico luogo il portale, e tutti con un’unica immagine coordinata (vedi BTO e il Perù!!!).

    Un’altra soluzione proprio non la vedo in quanto nessun gruppo di albergatori, anche veramente allargato, potrebbe mai contrastare le OTA con tutti gli investimenti che fanno. Solo lo stato potrebbe farlo, ma uno stato sano, non corrotto e con persone che credono nel proprio paese, nelle sue potenzialità e nella possibilità che è possibile fare un buon servizio pubblico a favore del TURISMO!!!

    #20442

    Franc1980
    Membro

    Caro Sig. Zeno Govoni,

    belle parole ma che se non vengono messe in pratica non servono assolutamente a niente.

    “Lo stato deve fare… ecc. ecc.”

    ma lo stato, il governo o addirittura le associazioni di categoria sanno quello che succede? Se si chiedesse al capo del governo “conosce Booking.com?” risponderebbe “certo, ho prenotato tante volte la mia vacanza con loro, è un’ottima agenzia! e senza commissioni!!!”

    …e lo dico con cognizione di causa… ho fatto questa domanda ad una persona che lavora per un’associazione di categoria e vi posso garantire che la risposta è stata quella… …figuratevi!…

    Lo sciopero, le nostre proteste, il mettere il bastone tra le ruote, e il nostro cinismo non servono ad “eliminare” un nostro concorrente (anche perchè, stando ai fatti, noi siamo alberghi e loro sono intermediari – ma questa è una differenza che spesso si vuole tralasciare) ma servono a stimolare, far conoscere e sollevare il problema in modo da attirare l’attenzione di chi ha il potere di cambiare le cose (stato, associazioni di categoria, e quant’altro) che, seduti dietro le loro scrivanie, non hanno la più pallida idea di quello che sta succedendo.

    Mentre se ne parla comunque c’è già chi sprona, stimola, e spiega e vi posso garantire che di bastoni tra le ruote ne ha tanti e belli grossi…

    FORZA ARMANDO!!!

    #20463

    Katerina
    Membro

    Sig. Govoni, lei mi piace, pero non credo che un portale “libero” possa avere il successo di un booking o expedia,

    Per chi vuole fare lo sciopero:almeno con booking i soldi li incassiamo subito, expedia cancella anche la not refundable.

    e che ne dite di logitravel? perche hanno sempre il prezzo più basso

    anche noi vogliamo la parity.

    Per dott. taribocchi:E poi si dice sempre che non ci sono clienti di serie A e serie B, ci sono invece. La mattina faccio l’assegnazione delle camere e le più belle le assegno a booking.com perche poi i clienti scrivono recensioni, expedia si prende quello che rimane, pagano poco, non hanno voce nel capitolo, in caso di over chi va fuori? exp. ovviamente, per i clienti diretti e booking c’è sempre posto.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.