Budget Web Marketing 2013: come investire online le risorse dell’hotel

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Budget Web Marketing 2013: come investire online le risorse dell’hotel

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Vincenzo Solinas 8 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #15942

    sfarinel
    Amministratore del forum

    leggi l’articolo completo...Quanto potrà costare a un hotel una pagina pubblicitaria intera sul Corriere della Sera o su una rivista di turismo specializzata come Condé Nast Traveller? Credo che la cifra si aggiri intorno al “moltissimo”.

    Vale davvero la pena fare ancora pubblicità di questo tipo, quando Google sostiene che il 94% delle persone quest’anno cercheranno il loro hotel online? È fondamentale intercettare questi flussi turistici investendo il budget a disposizione in azioni di marketing davvero mirate.

    Budget Web Marketing 2013: come investire online le risorse dell’hotel

    #20668

    infox
    Membro

    Penso che se per pubblicità cartacea intendiamo la pagina sul Corriere o sul Condé Nast Traveller di turno, la maggior parte degli hotel attualmente non se la possano più permettere perchè non riuscirebbero a giustificare neanche i costi.

    Però vedo che la pubblicità cartacea su qualche inizitiva mirata continua a dare un buon riscontro.

    Nello stesso tempo comincio a vedere che il web offre conversioni inferiori rispetto a quelle che offriva 2/3 anni fa.

    Ho sentito dire che Booking.com per una struttura presente nel portale, ha una media di circa 1,7 prenotazioni per ogni 100 visite alla pagina di presentazione. Non so se è vero.

    infatti le statistiche di conversione dei singoli alberghi sono completamente diverse. Molti hotel che conosco riescono a fare 2 prenotazioni non su 100 visite al sito ma ogni 100 mail di preventivi inviati.

    Una bella differenza.

    Nella pubblicità cartacea invece vedo che la conversione in percentuale è molto superiore.

    Dipende dall’affollamento di internet?

    Dipende dalle migliaia di offerte che ogni giorno arrivano nelle caselle di posta degli utenti?

    Certo è che la situazione diventa sempre più complicata.

    #20669

    marghe
    Amministratore del forum

    Ciao infox,

    sicuramente hai ragione tu, il mondo della Rete si è complicato negli ultimi anni e i competitor sono sempre di più e più agguerriti, ma come fai a dire che sul cartaceo la conversione è superiore? Riesci a tracciare le persone che leggono il tuo annuncio o vai a naso? Come fai a sapere che qualcuno ti ha scelto proprio perchè ha visto la pubblicità dell’hotel su un giornale o una rivista?

    Purtroppo questo è un grosso problema degli investimenti cartacei, che si sa quanto si spende ma si sa con grande difficoltà quanto ci si guadagna. Non sapremo mai se un utente prenota via telefono o sol sito perchè ha visto proprio quella pubblicità… almeno che tu non ricorra a sistemi molto ricercati di tracciamento, come un numero di telefono dedicato a quella pubblicità su cartaceo (e tracciabile con sistemi appositi) o un URL specifico presente solo su quella pubblicità e monitorato con sistemi di analytics.

    In più è vero che è importante il tasso di conversione per canale, ma ancora più importante è il ROI per canale. Anche in questo caso bisogna valutare la spesa sostenuta rispetto al guadagno ottenuto.

    Una campagna PPC, se ben gestita, può dare ROI davvero alti anche del 1500%, difficili da ottenere diversamente, non credi?

    #20671
    Mauro Calbi
    Mauro Calbi
    Partecipante

    Hai ragione marghe, solo attraverso servizi di tracciamento il cartaceo può esser tenuto sotto controllo. Landing page con contatti email e telefonici unici, ma pochi sono gli albergatori che utilizzano queste strategie di webmarketing o quelle più elementari. Poca attenzione è dedicata al sito. Molti andrebbero rifatti completamente, ricchi di informazioni inutili, intro pages e animazioni flash.

    Il turista vuole sapere tutto. Nei minimi dettagli. Il sito deve essere facile da gestire e da modificare.

    Per esperienza diretta, puntiamo soprattutto sul SEO, sull’email marketing e sui social. Il primo per cercare nuovi clienti, il secondo e terzo per fidelizzarli con informazioni ricche, divertenti, interessanti. Di fondamentale importanza, è comunque il prodotto. E’ inutile investire sul webmarketing, se il nostro prodotto è scarso. Meglio investire su se stessi, cercando di uscire fuori dalla mischia puntando su una nicchia. Sarà anche più facile posizionarsi sul mercato e sui motori di ricerca (longtail).

    Alda&Amelia >> hotel Cattolica per bambini

    :-)

    #20692

    concordo, se fate una campagna cartacea potete inserire un numero di telefono dedicato per esempio, in questo modo potete vedere quanti chiamano da quell’annuncio,

    S.

    #20693

    Utilizzare numeri dedicati per ogni canale si può fare, lo possiamo fare anche noi, ma a mio avviso non è il massimo utilizzare tantissimi numeri diversi, ci si può limitare a 2-3.

    Per il tracciamento delle chiamate provenienti dal sito? Basta un click to call e si traccia anche la pagina e perchè no, la campagna.

    Tra l’altro si scoprono cose interessanti, ad esempio che la percentuale di chiamate che arrivano dal BOL non è per nulla irrilevante, anzi …

    #20655

    E se fate una campagna web?

    un numero telefonico dedicato? si ma uno per landing?

    Esistono i call back istantanei, basta chiedere :)

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.