Groupon & co: il rovescio della medaglia per albergatori e clienti #2

Home Forum Commenti agli articoli di Booking Blog Groupon & co: il rovescio della medaglia per albergatori e clienti #2

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da dott_stefano_tiribocchi dott_stefano_tiribocchi 9 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #15624

    marghe
    Amministratore del forum

    leggi l’articolo completo...Come vi sentireste se foste trattati da clienti di serie B in un ristorante, un salone di bellezza… o in un hotel? Trattamento di second’ordine e impossibilità di utilizzare i coupon acquistati per problemi organizzativi sono “il rovescio della medaglia” denunciato dalla maggior parte degli utenti che utilizzano i coupon di Groupon e siti simili.

    Rovesci della medaglia che purtroppo non fanno altro che danneggiare l’immagine della struttura che si affida a questi canali di vendita.

    Groupon & co: il rovescio della medaglia per albergatori e clienti #2

    #20342

    emmepi
    Membro

    Molti di coloro che utilizzano il sistema coupon “hanno scoperto” che il business è sul non venduto/non fruito, questa è l’ulteriore faccia della medaglia.

    #20351

    la verità sui siti coupon è fosca. Ci sono delle distorsion nelle meccanica del sistema, parte colpa siti parte colpa fornitori, hotel nello specifico.

    analizzando le problematiche:

    1) problema della mancanza di disponibilità di fruizione del servizio

    2) problema della differenza nel trattamento.

    Sicuramente il primo punto riguarda una scorretta impostazione dell’offerta speciale, nel merito le offerte coupon in quanto FLASH deal devono avere ben delimitati i CONFINI spaziali e temporali, quindi, NON è corretto vendere il WEEKEND ROMANTICO “vieni un po quanno te pare dal 1 gennaio 2011 al 1 gennaio 2012″ poiochè questo crea una NON PREVEDIBILITà della domanda e quindi una non prevedibilità di NESTING a tutela di un numero di camere limitato da DEDICARE all’offerta coupon. Quindi se fate un flash deal fatelo WEEKEND 23-24 marzo, offerta etc etc, disponibilità 10 camere DA TENERE PER I CLIENTI CHE PRENOTANO IL COUPON, che tanto con la visibilità che il coupon spara sicuro le vendete. NON fate i furbetti voi albergatori a godervi solo la visibilità e a non dare offerte che potete GARATNIRE e non fate i furbetti voi di COUPOCUCCAGNA a vendere prodotti che NON ESISTONO.

    2) il problema della differenza di trattamento in realtà rientra nel problema della mancanza del concetto di OSPITALITà nella nostra cultura, troppo poco spesso si vede giudicare il cliente in quanto viaggiatore ed ospite ma come UNO CHE PAGA 50 EURO,questo capita anche con le tariffe, chi meno paga meno male, ma questo è un altro argomento molto molto piu lungo.

    a proposito per tutti gli hotel

    i siti COUPONZI non vi servono, fate un buon revenue con le maggiori OTA e sito ufficiale investite,

    il resto è FUFFA

    S.

    #20358

    ilgrandeleo
    Membro

    Straordinaria nuova lezione dal revenue manager Tiribocchi. Ora io capisco che sia giusto crearsi una professione, specialmente quando le Ota e quant’altro diano felici spunti ed opportunità ma ci vorrebbe ben altra analisi della realtà groupon ed ota.

    L’unica analisi che un albergatore può fare è che sia tutto da buttare. Negli ultimi tempi ( da albergatore quale sono ) sto preferendo una vendita di qualità a queste poco redditizie soluzioni ; preferisco mantenere una buona fetta delle camere fuori dalla vendita delle Ota pur di non esporre la mia gestione allo strozzinaggio che le Ota richiedono agli alberghi. La questione groupon non mi passa neanche per la testa. Neanche mi sono messo troppo a studiare la proposta groupon è una follia ricorrere a tali metodi di vendita. La verità è che bisogna smetterla di osservare la situazione attuale con gli occhi delle sanguisughe del mercato ( ota…groupon vari e i signorini manager studiosi della metodistica di vendita). Come dicevo prima sto già mettendo in atto un rilassamento della vendita ed una rinuncia a lavorare con i soggetti che dominano il mercato. Questo mio atteggiamento è motivato da un oggettivo incattivimento delle Ota e del cliente stesso che prenota con le Ota. Bisogna rieducare il viaggiatore ad un leale rapporto con la struttura ricettiva. Questa esponenziale visione ludica del prenotare l’hotel con vari intermediari di ogni livello va placata. Preferisco far respirare le vendite e perdere un buon 7 % delle vendite piuttosto che ottimizzarle al veleno delle commissioni troppo esose e del cliente che ricatta la mia onesta gestione. Torniamo a fare albergazione. basta con ota, revenue managers ( e basta con queste terminologie zotiche )e con i vari groupon.

    #20361

    @ilgrandeleo, mi dispiace che la tua visione sia cosi pessimistica, perchè ritieni che il viaggiatore vada “rieducato” a un leale rapporto con la struttura ricettiva?

    Il viaggiatore sceglie il posto migliore dove prenotare e dati alla mano preferisce prenotare sulle OTA…(basta guardare le quotazioni al NASDAQ di booking..

    Sicuramente se le OTA da te coprono solo il 7% delle vendite puoi tranquillamente farne a meno, ma qui a Roma la situazione è un po diversa..

    Ti assicuro che il presente e il futuro è delle strutture che lavorano bene sulle OTA, sul proprio sito diretto, e che fanno il loro mestiere di albergatori, migliore è la REPUTAZIONE ONLINE e migliore è la vendibilità del prodotto. Comunque sono certo che una posizione VINTAGE di fare albergazione in alcune realtà possa funzionare, non tutti gli hotel sono hotel che DEVONO per forza lavorare con le OTA e REVENUE MANAGERS per incrementi di REVPAR, molti possono ancora andare avanti col telefono e la maincourante a foglio e matita, moltissimi altri non hanno alternative, e te lo dico per esperienza, in un mercato altamente competitivo emergere è sempre piu difficile.

    S.

    #20363

    ilgrandeleo
    Membro

    Caro Dott. Tiribocchi.

    La mia politica di vendita sui portali internet non me la faccio certo dettare dalla disperazione di cui vorrebbero vestirmi le Ota.

    Le mie strategie di vendita , la rassicuro, non hanno niente a che vedere con la matita ed il foglio. Dal 2001 ad oggi è certamente nata una nuova società globale che basa ogni suo strumento di vendita su una strategia del consenso. E’ una catena di meccanismi che parte dal consenso politico ed arriva fino alla tanto lei cara terminologia “web”, dalla quale poi scaturiscono meccanismi di condivisione consumistica.

    Le quotazione nasdaq di booking.com e le quotazioni nasdaq in generale non sono la mia passione. Non leggo il mondo in base alla tendenza che si vuole dare alle mode ma leggo molto. Uso internet con un discreto profitto e sto solo cercando di far ragionare gli albergatori .

    Le reputazioni online sono gestite (per stessa ammissione di soggetti che lavorano all’interno di b )in modo tale che siano sempre meglio valutati hotel che possano destinare maggiori profitti.

    E’ un finto mercato dove si leggono anche sproloqui di coppie scoppiate o di maniaci dellle “liste di ciò che non va”.

    Non va bene così.

    I nostri investimenti meritano un mercato meno psicotico.

    #20366

    @ilgrandeleo, il mercato oggi è molto veloce, ma questo lo si sapeva gia dal 1999, lo prevedeva gia il cluetrain manifesto con le sue 95 tesi, i mercati sono conversazioni,

    Non ci sono segreti. Il mercato online conosce i prodotti meglio delle aziende che li fanno. E se una cosa è buona o cattiva, comunque lo dicono a tutti.

    Internet permette delle conversazioni tra esseri umani che erano semplicemente impossibili nell’era dei mass media..vorei continuare ma non è la sede ne il momento,

    per favore…non dire queste cose..

    “E’ un finto mercato dove si leggono anche sproloqui di coppie scoppiate o di maniaci dellle “liste di ciò che non va”.

    possiamo avere una visione miope di quello che sta succedendo o una visione molto molto ampia, possiamo avere una visione, possiamo vivere nel 1984 di orwell…

    le quotazioni nasdaq mi spiace, non sono mode,

    Cosi va bene, se si conosce come funziona. Il mercato è veloce e molto molto grande, non psicotico.

    S.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.