Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
domenica 25 settembre 2016

5 Cose importanti da sapere sulle scelte d’acquisto dei viaggiatori

leggi l’articolo completo...La prossima volta che andate al supermercato fate un esperimento: individuate una persona che squadra uno scaffale indecisa sulla marca da acquistare. Poi avvicinatevi, afferrate un qualsiasi prodotto da quello scaffale e andatavene. Dopo pochi secondi molto probabilmente l’indeciso sceglierà lo stesso prodotto o per lo meno prenderà in mano la confezione che voi avete scelto per esaminarla.

L’ho fatto un sacco di volte e ogni volta mi stupisco di quanto la gente sia facilmente influenzabile senza rendersene conto. Questo perché i comportamenti d’acquisto sono spesso schemi prevedibili dettati da fattori cognitivi. Non siete curiosi di sapere se e come questi meccanismi scattano nel processo d’acquisto di un viaggio?

leggi l’articolo completo…

Hotel booking engine: come non far scappare i vostri clienti al momento della prenotazione

leggi l’articolo completo...Di recente iPerception, azienda americana che si occupa dello studio dei comportamenti degli utenti online, ha pubblicato il suo ultimo studio sulla user-experience e sulla soddisfazione dei visitatori sui siti alberghieri. Tra i risultati si riconferma che una delle maggiori cause di abbandono del sito è ancora il booking engine.

Secondo l’analisi Hospitality & Tourism Industry Report for Q1 2012, il prezzo è stato il principale impedimento alla conclusione delle prenotazioni, seguito dalla difficile fruizione del sito e da errori riscontrati nella procedura di prenotazione stessa.

leggi l’articolo completo…

Traffico e conversioni: perché non vanno sempre di pari passo?

leggi l’articolo completo...Poniamo il caso che abbiate lanciato per il vostro hotel una campagna PPC che sta dando ottimi risultati dal punto di vista del traffico: ogni gruppo di annunci ha un CTR che supera il 2,50 % e le parole scelte sembrano quelle giuste.

Ma il traffico non è tutto, quello che conta sono le conversioni, le prenotazioni: la logica suggerirebbe che ad un ottimo livello di traffico corrisponda un altrettanto buon tasso di conversione. Invece, di conversioni nemmeno l’ombra. Perché?!

leggi l’articolo completo…

4 Fondamentali domande da porsi per capire se il sito del vostro hotel funziona

leggi l’articolo completo...In effetti c’è solo un modo per verificare se il sito di un hotel riesce a fare il suo dovere: controllare il numero di prenotazioni on-line che genera.

Se il vostro hotel è indipendente e ha un suo sito ufficiale, certamente sarà più semplice che per un hotel appartenente a una catena: non sempre infatti la casa madre dà il permesso agli alberghi franchising di possedere un proprio sito ufficiale o addirittura di monitorarne le performance.

Dunque per verificare se il vostro sito è stato effettivamente pensato e realizzato per generare visite, conversioni e prenotazioni, ci sono almeno 4 domande da porsi:

leggi l’articolo completo…

Come rendere il sito dell’hotel rintracciabile tramite le long long tail e aumentare le conversioni

leggi l’articolo completo...Già più volte abbiamo sottolineato come, ai fini dell’indicizzazione del sito e della sua ottimizzazione sui motori di ricerca, affidarsi a parole chiave generiche e fortemente competitive è quasi del tutto inutile: tutti siamo coscienti che il più alto tasso di conversione è generato dalle “long-tail keyword” (in italiano “parole chiave dalla coda lunga”), cioè chiavi di ricerca specifiche di tre o più termini.

Le long tail infatti, rispondono a una ricerca targettizzata da parte del cliente, che sarà portato a scegliere quasi sicuramente una tra le prime opzioni offerte dal motore di ricerca per quella specifica ricerca condotta.

leggi l’articolo completo…

Lo dice anche Google: per convertire, la visibilità non basta

leggi l’articolo completo...Lo sapevate che un utente, per scegliere la propria vacanza, in media impiega 29 giorni, svolge 12 ricerche online e visita oltre 20 siti prima di decidersi a prenotare?

Lo ha dichiarato Google al Travolution Summit 2009 tenutosi a Londra la scorsa settimana, cosa che ha messo in evidenza quanto sia sempre più importante ottenere visibilità, avere un buon posizionamento sui motori di ricerca ed essere molto persuasivi, per vincere la guerra tra competitor.

leggi l’articolo completo…