Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
martedì 27 settembre 2016

TripAdvisor: le recensioni false continuano a far discutere (anche alla radio!)

leggi l’articolo completo...TripAdvisor dice di avere solo 4 dipendenti in Italia, il fatturato non si può sapere e quanto ai filtri non si sa…”. Così parla Giovanni Minoli, il giornalista di Radio 24 durante la sua trasmissione Mix 24 del mattino, che per ben due giorni ha dedicato uno spazio a TripAdvisor e alla sempre più numerose lamentele di ristoratori e albergatori.

Una discussione a tratti dai toni accesi con testimonianze vererecensioni false postate magicamente durante la diretta del programma: il tutto per ribadire che sì, TripAdvisor è ormai uno strumento imprescindibile in ambito travel, ma che c’è un problema destinato inevitabilmente a crescere: quello delle recensioni false e il loro anonimato.

leggi l’articolo completo…

Buzz marketing: attenti alla pubblicità occulta

leggi l’articolo completo...Il passaparola su social network, blog e forum, generato su commissione dalle aziende attraverso i propri dipendenti o collaboratori per promuovere il brand, può essere considerato pubblicità occulta? Se l’azienda o l’autore non dichiarano apertamente che si tratta di un messaggio promozionale, sì.

In America il “buzz marketing” o “word-of mouth marketing” (WOMM), è già diventato uno strumento promozionale largamente diffuso tra le aziende per generare un passaparola virale sui propri prodotti o servizi, ma da oggi la Federal Trade Commission, che si occupa di monitorare e garantire l’osservazione delle regole nel commercio, ha imposto l’obbligo della “trasparenza”.

leggi l’articolo completo…