Guide di viaggio: riducono le cancellazioni e fidelizzano i clienti

Una volta che la prenotazione è entrata, il gioco è fatto, penserà qualcuno di voi. Al contrario: il gioco è appena iniziato. Perché un conto è convincere un cliente a prenotare e un altro fare in modo che non cancelli, che faccia una buona vacanza e che torni a casa contento.

Sapete come fanno i grandi brand del turismo a tenersi stretti i clienti? Niente di mirabolante o super-tecnologico in realtà. Semplicemente dispensano informazioni e consigli di viaggio.

Questo è quello che stanno facendo 5 big player del turismo e non: Booking.com, Expedia, TripAdvisor, Hilton e soprattutto Google. Ed è proprio quello che dovreste fare anche voi.

 

Booking.com e le sue guide di viaggio

Le guide di Booking.com non sono una novità, ma il portale continua ad arricchirle nel tempo e non perde occasione per valorizzarle agli occhi dei clienti. Basta che prenoti un soggiorno in una destinazione conosciuta, e dopo pochi minuti Booking ti spedisce l’invito per accedere alla guida di viaggio relativa, con informazioni su come raggiungere il centro dall’aeroporto, come spostarsi coi mezzi pubblici, cosa c’è da vedere, dove mangiare, curiosità e molto altro.


(passa il mouse sopra l’immagine per ingrandirla)

Le stesse guide sono tutte disponibili gratuitamente anche dall’applicazione mobile, sotto la voce “Le tue guide di viaggio”.


 

Expedia City History

Solo qualche giorno fa Expedia.co.uk ha lanciato delle curiose guide storiche su Barcellona, New York e Berlino. Le City History fanno fare al viaggiatore un salto nel tempo di cento anni, per scoprire un sacco di curiosità e di luoghi incantevoli selezionati appositamente da blogger e guide locali.

È molto probabile che questo non sia che un primo esperimento e che presto nuove guide si aggiungeranno alla lista.

 

TripAdvisor acquista Citymaps

Alla fine di agosto TripAdvisor ha acquistato Citymaps, una mappa social con cui i viaggiatori possono visualizzare i luoghi interessanti, curiosi e segreti che li circondano. Le mappe vengono costantemente arricchite dalla gente, un po’ come accadeva su Foursquare.

 

Hilton Local Guides

La linea di hotel di lusso Curio, sotto il marchio Hilton, ha appena inaugurato un nuovo sito e un nuovo programma di marketing che ruota intorno alle guide locali.

#CitiesbyCurio offre consigli e idee per vivere le destinazioni dove si trovano gli hotel. È accessibile da desktop, ma soprattutto da mobile: l’idea di creare queste piccole guide nasce infatti dal tentativo della catena di creare una connessione più solida con gli utenti on-the-go.

 

Google Trips

Google mira a diventare il miglior amico dei viaggiatori, sia nella fase di prenotazione sia in quella del soggiorno. Non a caso l’ultimo nato a Mountain View è Google Trips, una vera e propria guida di viaggio in formato mobile con cui Google è in grado di importare da Gmail i dati sui prossimi spostamenti e proporre in automatico una guida della città di destinazione con consigli su luoghi da visitare e posti dove mangiare o bere.

 

Back to the basics, again

Ancora una volta si torna alle basi. Certo c’è tanta tecnologia, soprattutto mobile, ma a me sembra che i grandi brand del turismo stiano tornando a dare valore a quelle cose semplici, genuine e terribilmente concrete, che piacciono tanto alla gente.

La stessa cosa potete fare voi. Invece di investire in costosi iPad o in nuove chiavi elettroniche, concentratevi sull’attenzioni ai dettagli, sui sorrisi di benvenuto e soprattutto sui consigli preziosi. Che poi questi siano dati di persona o tramite il telefonino poco importa, l’importante è non farli mancare mai.

Home Forum Guide di viaggio: riducono le cancellazioni e fidelizzano i clienti

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  marghe 4 settimane fa.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.