Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Wednesday 17 October 2018

Google lancia le campagne Promoted Hotels

leggi l’articolo completo...Sembra che a casa Google ogni settimana ci sia sempre qualcosa di nuovo per gli hotel che bolle in pentola. Pochi giorni fa Google ha infatti dichiarato che sta testando le nuove campagne a pagamento Promoted Hotels.

Con queste campagne, potrete far comparire il vostro hotel in cima ai risultati delle  mappe di Google.

leggi l’articolo completo…

Google testa Price Insights nei risultati di ricerca

leggi l’articolo completo...Google sta testando in questi giorni una nuova feature nei risultati di ricerca per gli hotel chiamata “Price Insights” che mostra all’utente se sta facendo un buon affare o meno per quella specifica struttura in quelle specifiche date.

Quando un utente sta guardando i risultati di un hotel, Google potrebbe mostrargli un box che afferma che “questo hotel costa più di altri nelle vicinanze”,  offrendo un pulsante per comparare i prezzi con altri hotel presenti su Google nella stessa destinazione.
leggi l’articolo completo…

Le 6 regole d’oro per far decollare la tua campagna Google Hotel Ads

leggi l’articolo completo...Hotel Ads sembra essere il nuovo cavallo di battaglia di Google: forse anche qualcuno di voi ha notato che Big G sta valutando se mostrare gli Hotel Ads sopra gli annunci di Adwords. Sarebbe una vera e propria rivoluzione delle SERP.

Ma come si fa a impostare una campagna HPA per l’hotel? Ne vale la pena? E cosa puoi fare per farla funzionare come Dio comanda? Per aiutarti abbiamo stilato il vademecum definivo per ottenere il massimo dalle tue campagne Hotel Ads.
leggi l’articolo completo…

I 5 vantaggi di investire in Metasearch

leggi l’articolo completo...Sebbene le OTA rappresentino da anni la fetta più grande delle prenotazioni indirette di un hotel, i siti di metaricerca come Kayak, Trivago, TripAdvisor e Google stanno diventando sempre più centrali nelle discussioni sulla distribuzione e sul web marketing alberghiero.

Del resto, dal punto di vista del consumatore, i portali di metasearch hanno il vantaggio rispetto a OTA e canale diretto di poter essere utilizzati come unico punto di contatto per tutta l’esperienza di acquisto, dalla fase di ispirazione fino alla prenotazione vera e propria.
leggi l’articolo completo…

Google Hotel Ads: una novità per differenziarsi dalle OTA

leggi l’articolo completo...Google Hotel Ads si sta dimostrando uno dei servizi preferiti dai nostri clienti, perché la visibilità garantita dalla piattaforma ha pochi eguali online. Se dobbiamo proprio muovere una critica alla piattaforma, probabilmente uno dei suoi difetti più visibili è l’impossibilità di settare il numero di ospiti desiderati durante la fase di ricerca.

Dai risultati di ricerca per brand, è possibile cercare solo camere per due persone che, per quanto le più comuni, non coprono l’inventario di praticamente nessun hotel. Per chi lavora molto con il segmento business – dove le singole sono la norma – e con le famiglie, si tratta di un limite davvero notevole alla visibilità delle proprie tariffe migliori.
leggi l’articolo completo…

I Metasearch non sono più solo un’opzione – Intervista Esclusiva a Ullrich Kastner di MyHotelShop

leggi l’articolo completo...I metasearch sono uno degli argomenti più polarizzanti fra gli addetti ai lavori, con opinioni che spesso differiscono in maniera sostanziale. C’è chi considera i metamotori poco più di costosi giocattoli per un hotel indipendente e chi, al contrario, ritiene che la battaglia per la visibilità e le prenotazioni dirette passi proprio da loro.

Ullrich Kastner, giovane CEO e fondatore di MyHotelShop, è un così strenuo sostenitore della seconda visione da averci costruito intorno la sua azienda, che si occupa proprio di advertising sui metamotori di ricerca per gli hotel.

Ulli si è reso disponibile per una chiacchierata sul futuro delle tecnologie alberghiere, sui metamotori e sulle opportunità per gli hotel di riprendere il controllo delle proprie vendite online.

leggi l’articolo completo…

Google multata dall’Antitrust europeo per abuso di posizione dominante nell’e-commerce

leggi l’articolo completo...Google ha ricevuto dall’antitrust europeo una multa da 2,42 miliardi di euro per aver abusato della sua posizione dominante, ossia per aver dato privilegi al proprio servizio di comparazione degli acquisti Google shopping rispetto a motori di ricerca verticale, danneggiando la concorrenza.

Il colosso della Silicon Valley, che ha 90 giorni di tempo per pagare la multa, ha risposto alla Commissione con un post firmato dal vicepresidente senior e consigliere generale, Kent Walker. In totale disaccordo con la condanna, nel post Walker afferma che, sebbene sia normale che i siti di acquisti comparativi necessitino di maggiore visibilità, in realtà gli utenti vogliono trovare subito quello che cercano ed è per questo che preferiscono la semplicità data dai link diretti ai prodotti piuttosto che link che portano ad altri siti di ricerca dei prodotti stessi.

leggi l’articolo completo…

Nuovi test su Google Hotel Ads

leggi l’articolo completo...Il metamotore di ricerca Google Hotel Ads sta sperimentando in questi giorni un nuovo formato di visualizzazione della scheda hotel. Sotto le informazioni base come nome, indirizzo e punteggio della struttura, la maschera di verifica della disponibilità produce risultati che mettono in risalto la tariffa a notte prima ancora del logo e del nome del canale di prenotazione.

L’A/B test in questione per ora interessa solo Google USA, ma i primi risultati che ne emergono potrebbero dare luogo a test simili anche su mercati, come quello italiano, i cui canali di prenotazione online stanno diventando sempre più competitivi.

leggi l’articolo completo…