Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Tuesday 13 November 2018

5 modi per migliorare il servizio dello staff (e renderlo felice)

leggi l’articolo completo...Non c’è niente che possa trasformare un potenziale soggiorno da sogno in un incubo come una pessima esperienza con lo staff dell’hotel. Se alcune volte è colpa degli ospiti stessi, capita anche che il team non abbia fatto il suo massimo per assicurarsi la felicità del cliente.

Sarebbe facile dare la colpa al dipendente, ma spesso quando accade è perché non sono stati messi nella condizione di lavorare al meglio, demotivandoli e abbassando la qualità del loro servizio.

Guardiamo insieme 5 metodi per aumentare la qualità del servizio rendendo anche lo staff felice.
leggi l’articolo completo…

Le prenotazioni da OTA abbassano il livello di soddisfazione dell’ospite

leggi l’articolo completo...Quando prenotano il proprio soggiorno in hotel attraverso il sito o l’app di un intermediario, è più probabile che gli ospiti riscontrino un problema e che siano meno soddisfatti del proprio soggiorno. È quanto emerge da uno studio condotto da J.D. Power.

Le app stanno avendo sempre più peso sulla guest experience –  sono ormai tanto importanti quanto la convenienza della tariffa, il comfort della camera e altri fattori decisivi per il grado di soddisfazione dell’ospite.

leggi l’articolo completo…

Airbnb docet: 3 ingredienti di successo di cui l’hotel non può fare a meno

leggi l’articolo completo...Confesso: ho prenotato un soggiorno a New York su Airbnb. L’ho fatto per curiosità, perché cercavo una valida alternativa agli hotel con prezzi da capogiro e perché avevo voglia di respirare come vivono gli abitanti della città. Non mi sono pentita.

Il 2014 è senz’altro stato l’anno di Airbnb e del suo successo dirompente, che non ha mancato di suscitare polemiche e preoccupazione tra gli albergatori di tutto il mondo. Ma più che una minaccia, Airbnb è ormai una realtà destinata a restare: inutile guardarla dall’alto in basso, casomai meglio cercare di capirla e di prenderla ad esempio.

leggi l’articolo completo…