Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Friday 15 December 2017

Google Travel: il colosso da 100 miliardi di dollari

leggi l’articolo completo... Il Gruppo Priceline è considerato il più grande colosso dell’industria del travel, con un valore di mercato complessivo che si aggira sui 90 miliardi di dollari, una cifra che si fa anche fatica a immaginare e che sembrerebbe inavvicinabile per chiunque.

Per chiunque… tranne che per Google, il cui valore del solo dipartimento Travel ha superato quello totale di Priceline.

leggi l’articolo completo…

Perché non dovrebbe esserci alcuna guerra fra Hotel e OTA

leggi l’articolo completo...Dopo tanti veleni e difficoltà, che sia venuto il momento di una tregua fra OTA e Hotel?

Secondo Michael McCartan, managing director di Duetto e uno dei protagonisti della prossima Annual Hotel Conference a Manchester, è così importante ricostruire un rapporto che la sua conferenza inglese si chiamerà “Make Love Not War – Embrace OTAs for a Brighter Future” (“Fate l’amore e non la guerra – Accettare le OTA per un futuro migliore”).

leggi l’articolo completo…

Dara Khosrowshahi, Expedia e un salto nel buio

leggi l’articolo completo...Dara Khosrowshahi, dopo dodici anni come CEO di Expedia, abbandona il colosso del travel per una nuova avventura alla guida (sic!) di Uber.

Gli addetti ai lavori hanno accolto l’offerta dell’azienda di trasporto privato con un pizzico di perplessità. Del resto, ci si aspetta di vedere cambiamenti radicali nelle aziende in difficoltà, non certo in una compagnia come Expedia che non è mai stata così in salute come oggi.

leggi l’articolo completo…

Booking.com diventa motore di ricerca voli, ristoranti e noleggio auto

leggi l’articolo completo...Non più solo hotel. Booking.com allarga i propri orizzonti. Da oggi, sulla home page della OTA compaiono infatti nuove opzioni di ricerca: ristoranti, noleggio auto e voli. Cliccando su ognuna di queste, l’utente viene redirezionato, rispettivamente, sui siti dei brand di Priceline Group OpenTable, RentalCars.com e Kayak.

Prosegue senza sosta la guerra del marketing tra le OTA. Booking.com completa il puzzle del traveler journey sulla scia di Expedia e punta a ottenere il pieno controllo del settore prenotazione viaggi online, muovendo per la prima volta passi in territori presidiati dal competitor.

leggi l’articolo completo…

OTA: quali le più forti nei mercati europei

leggi l’articolo completo...ERevMax ha stilato un’infografica dalla quale emerge che Booking.com si riconferma il canale OTA preferito nei principali mercati europei.

I mercati presi in esame sono cinque: Inghilterra, Francia, Germania, Spagna e Russia. In quattro di questi, la piattaforma di proprietà Priceline Group risulta essere di gran lunga più utilizzata di Expedia, Agoda, HRS, Lastminute e altri competitor.

leggi l’articolo completo…

La guerra delle OTA sui metasearch: come ritagliarvi uno spazio per disintermediare

leggi l’articolo completo...Se da un lato non è semplice capire le dinamiche di investimento di Expedia e Priceline Group sul campo di battaglia del metasearch, dall’altro è chiaro che i metamotori di ricerca hotel diventano sempre più fondamentali per le OTA.

Ma che ruolo può avere il vostro hotel in tutto ciò? C’è un modo per non affondare in questi giochi di potere tra big spender? Analizziamo insieme la situazione.

leggi l’articolo completo…

Aumenta la spesa marketing delle OTA: è davvero una minaccia per gli hotel?

Disintermediazione hotel“Non capisco perché le vendite del mio hotel su Booking sono raddoppiate mentre quelle dal sito sono solo in leggero aumento!” Questa è una lamentela che nell’ultimo anno ho sentito ripetere da decine di albergatori in giro per le fiere e sui social.

Per molti questo dipende dalla smisurata visibilità dei portali e dai loro crescenti investimenti di marketing. Ma la verità è che questo, almeno in parte, dipende anche dal fatto che gli hotel non fanno altrettanto.

leggi l’articolo completo…

Expedia chiude Venere e punta su HomeAway: tutte le novità per il 2017

Booking.com è il re incontrastato della vendita hotel in Europa e non solo. Ma Expedia non si lascia intimidire e apre questo 2017 sotto il segno dell’innovazione e dei cambiamenti.

La OTA chiude per sempre il portale romano Venere, affina le sue novità tecnologiche e rilancia in grande stile HomeAway con una campagna pubblicitaria tutta da ridere.

leggi l’articolo completo…

#OMGB: la Gran Bretagna lancia una campagna di marketing turistico con Expedia

OMGB: la nuova campagna di web marketing turistico di VisitBritain con ExpediaL’Ente Nazionale Britannico per il Turismo della Gran Bretagna firma un accordo triennale con Expedia e lancia la campagna di marketing territoriale 365 Days of #OMGB (#OhMyGreatBritain), per promuovere il turismo di casa in USA, Francia e Germania.

Si tratta del primo accordo di questa portata tra una destinazione europea e un’OTA: in questo modo, VisitBritain spera di portare in Gran Bretagna un aumento della spesa turistica pari a 135 milioni di sterline in tre anni.

leggi l’articolo completo…

Guide di viaggio: riducono le cancellazioni e fidelizzano i clienti

Una volta che la prenotazione è entrata, il gioco è fatto, penserà qualcuno di voi. Al contrario: il gioco è appena iniziato. Perché un conto è convincere un cliente a prenotare e un altro fare in modo che non cancelli, che faccia una buona vacanza e che torni a casa contento.

Sapete come fanno i grandi brand del turismo a tenersi stretti i clienti? Niente di mirabolante o super-tecnologico in realtà. Semplicemente dispensano informazioni e consigli di viaggio.

leggi l’articolo completo…

Expedia lancia le prenotazioni di hotel su Facebook Messenger

A proposito dell’utilizzo di WhatsApp in hotel, uno dei nostri lettori ha commentato: “Sì mi raccomando, tanto i receptionist si annoiano…. chattiamo!”

Sì, chattiamo! Perché gli altri lo stanno già facendo. A partire da Expedia, che ha lanciato il primo sistema per prenotare un albergo direttamente su Messenger, la live chat di Facebook.

leggi l’articolo completo…

Dietro le quinte di Expedia per sapere cosa vogliono i viaggiatori online

Entrare nella testa dei viaggiatori non è possibile. O forse sì?! I grandi portali e i siti di travel online entrano nella testa dei viaggiatori da anni, ma solo Expedia ci ha dato la possibilità di sbirciare all’interno del suo quartier generale.

Andiamo a dare un’occhiata dietro le quinte del suo Expedia’s Usability Lab, per scoprire come aumentare l’usabilità e le prenotazioni dell’hotel.

leggi l’articolo completo…

Rate parity: Expedia e Priceline dichiarano guerra a chi non la rispetta

leggi l’articolo completo...Chi va via perde il posto all’osteria. Questo è il succo di quello che ha detto Dara Khosrowshahi, CEO di Expedia, durante un incontro con gli investitori a New York a proposito del rispetto della rate parity.

Infatti Marriott e Hilton hanno lanciato un piano strategico per promuovere a tutti i costi le prenotazioni dirette, e le grandi OTA hanno fatto sapere cosa ne pensano a chiare lettere.

leggi l’articolo completo…

L’Accelerator Program di Expedia: ma quale rivoluzione?!

leggi l’articolo completo...L’Accelerator Program annunciato qualche settimana fa da Expedia per aiutare gli hotel a posizionarsi meglio sui suoi risultati di ricerca, non si è rivelato quella sconcertante novità di cui tutti parlavano.

Sconcertante risulta invece la richiesta di Expedia: basterà pagare dall’1 al 10% in più di commissioni per passare dalla terza alla prima pagina in proporzione a quanto messo sul piatto. Non è troppo arrivare a pagare anche il 35% di commissioni a un portale?!

leggi l’articolo completo…