Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Friday 20 October 2017

Hospitality Day 2017: un intervento da non perdere targato Booking Blog

Ci siamo, mancano pochi giorni all’Hospitality Day, che si terrà mercoledì 11 ottobre 2017 al Palacongressi di Rimini.

Vi siete già iscritti per l’Hospitality Day e il fitto programma di 130 seminari vi spaventa? Se volete assicurarvi un evento assolutamente da non perdere, vi invitiamo a seguire la sessione avanzata di web marketing organizzata da Booking Blog e Simple Booking, pensata apposta per gli hotel indipendenti italiani!
leggi l’articolo completo…

L’impatto di Airbnb sul revenue degli hotel

leggi l’articolo completo...Abbiamo trattato in passato come Airbnb abbia il potenziale per influenzare negativamente il giro d’affari complessivo degli hotel, e una ricerca della Boston University sembra corroborare questa sensazione mostrando un legame fra il numero di proprietà su Airbnb in una specifica destinazione e il revenue mensile degli hotel nella stessa zona.
leggi l’articolo completo…

Cosa pensano davvero gli ospiti delle OTA?

leggi l’articolo completo... Le OTA e i Metamotori fanno parte della discussione giornaliera degli albergatori e di tutti gli addetti ai lavori, ma cosa pensano poi gli utenti finali di questi grandi portali internazionali?

In una nuova analisi combinata delle conversazioni dei clienti sia online sia offline, Engagement Labs ha rilasciato la sua classifica TotalSocial sulle performance delle OTA e dei Metamotori negli Stati Uniti.

I dati, raccolti dai social media e da un sondaggio sulla forza del passaparola per ogni brand, mostrano quali OTA si stanno dimostrando più efficaci a coinvolgere i viaggiatori e influenzarli nelle loro scelte di prenotazione.
leggi l’articolo completo…

Google Travel: il colosso da 100 miliardi di dollari

leggi l’articolo completo... Il Gruppo Priceline è considerato il più grande colosso dell’industria del travel, con un valore di mercato complessivo che si aggira sui 90 miliardi di dollari, una cifra che si fa anche fatica a immaginare e che sembrerebbe inavvicinabile per chiunque.

Per chiunque… tranne che per Google, il cui valore del solo dipartimento Travel ha superato quello totale di Priceline.

leggi l’articolo completo…

WhatsApp annuncia un’app business perfetta per gli hotel

leggi l’articolo completo...WhatsApp ha annunciato questa settimana i suoi piani per una nuova app pensata per le aziende, con soluzioni sia per le piccole sia per le grandi imprese.

Le prime potranno comunicare con i propri clienti direttamente, mentre per le seconde saranno pensati strumenti aggiuntivi che aiuteranno a condividere per esempio gli orari dei voli, i movimenti di un conto corrente o lo stato di spedizione di un pacco.

leggi l’articolo completo…

Dara Khosrowshahi, Expedia e un salto nel buio

leggi l’articolo completo...Dara Khosrowshahi, dopo dodici anni come CEO di Expedia, abbandona il colosso del travel per una nuova avventura alla guida (sic!) di Uber.

Gli addetti ai lavori hanno accolto l’offerta dell’azienda di trasporto privato con un pizzico di perplessità. Del resto, ci si aspetta di vedere cambiamenti radicali nelle aziende in difficoltà, non certo in una compagnia come Expedia che non è mai stata così in salute come oggi.

leggi l’articolo completo…

Il periodo di tolleranza di Booking e la piaga delle cancellazioni

leggi l’articolo completo...Chi ha iniziato il lavoro di albergatore in tempi più analogici, ricorderà come la cancellazione fosse un raro contrattempo che non inficiava in alcun modo le politiche di gestione delle camere. Si trattava, spesso, di non più del 5% del prenotato.

Nell’attuale scenario distributivo, invece, le cancellazioni (quelle provenienti dalle OTA) possono superare tranquillamente il 40%, costringendo anche le grandi catene alberghiere a proteggersi con politiche più restrittive, duplicando o addirittura triplicando il numero di giorni non coperti dalla cancellazione senza penali.

leggi l’articolo completo…

Airbnb e il nuovo programma per competere con gli hotel

leggi l’articolo completo...Se pensavate di già che Airbnb vi stesse “rubando” la clientela, aspettate di vedere cos’ha in serbo per gli hotel. Il campione della sharing economy è infatti vicino al lancio di un nuovo servizio che permetterà agli utenti di selezionare solo case di qualità certificata.

Il programma, le cui sperimentazioni inizieranno in queste settimane con un gruppo ristretto di proprietà, vedrà ispettori di Airbnb controllare personalmente le case assicurando che rispettino tutti gli standard di qualità prefissati dall’azienda.

leggi l’articolo completo…

Trivago strizza l’occhio agli hotel indipendenti con un nuovo strumento di web marketing

leggi l’articolo completo...La settimana scorsa avevamo il top management di Trivago in sede a Firenze ad illustrarci le nuove strategie del primo competitor di TripAdvisor.

Anche loro sono convinti che gli hotel indipendenti hanno bisogno di fare (seriamente) web marketing se non vogliono finire con l’essere completamente fagocitate dalle OTA. Parola di Trivago.

leggi l’articolo completo…

Addio Rate Parity anche in Italia: minaccia o opportunità?

leggi l’articolo completo...Il Ddl Concorrenza è stato approvato dal Senato con 146 sì e 113 no il 2 agosto 2017, in via definitiva e dopo un iter normativo durato 894 giorni.

Ottimo risultato per Federalberghi che ha sempre creduto in questa crociata.

Il decreto, ora legge, mette finalmente al bando le tanto famigerate clausole di rate parity nei contratti tra OTA e hotel. Un piccolo passo avanti per gli hotel? Certamente.

Una grande sconfitta per le OTA? Non esattamente.

leggi l’articolo completo…

Prenotazione viaggi online: uno studio rivela abitudini e preferenze

leggi l’articolo completo...Nel prenotare online, i viaggiatori scartano le offerte last-minute. Inoltre, preferiscono la modalità desktop a quella mobile.

Lo rivela uno studio di ContentSquare, piattaforma di analisi e ottimizzazione della user experience.

Dallo studio emerge anche che i siti web delle OTA ricevono un maggior numero di prenotazioni la domenica, giorno in cui il tasso di conversione aumenta in media del 5%.

leggi l’articolo completo…

L’evoluzione del web marketing turistico nel 2017

leggi l’articolo completo...Il 2017 è al giro di boa e anche nel business del turismo è tempo di tirare le somme e confrontare i risultati ottenuti con gli obiettivi che prefissati a inizio anno. Ma, specialmente nel turismo e nell’ospitalità, è presto per parlare di report annuali.

Alcuni cambiamenti sono ancora in atto e questi influenzeranno il modo in cui faremo marketing nei prossimi mesi e negli anni a venire. Diamo un’occhiata ad alcune delle principali nuove tendenze, che potrebbero cambiare il vostro modo di farvi conoscere ai viaggiatori.

leggi l’articolo completo…

La crescita dell’economia globale farà aumentare i prezzi del Travel nel 2018

leggi l’articolo completo...Secondo il Global Travel Forecast del 2018 – una previsione annuale rilasciata dalla Global Business Travel Association in collaborazione con Carlson Wagonlit Travel – i costi dei viaggi sono destinati ad aumentare sensibilmente nel corso dell’anno prossimo, fino a raggiungere quasi un 4% di aumento in alcuni microsettori.

In particolare, i prezzi degli hotel saliranno, in media, del 3,7%, con picchi del 14% in Scandinavia e del 6,3% in Europa occidentale.

leggi l’articolo completo…

Turismo di lusso: baby boomer e millennial, generazioni a confronto

leggi l’articolo completo...Baby boomer o millennial? Una domanda da un milione di dollari per chi si occupa di marketing nel settore luxury travel. Un target, però, non esclude l’altro: lo affermano Ken Dychtwald, baby boomer di successo, e suo figlio Zak, intraprendente millennial.

Padre e figlio convengono che l’industria del turismo e dell’ospitalità dovrebbe sempre tenere presente in egual misura entrambi i target di viaggiatori, enfatizzando ora uno, ora l’altro a seconda dei cambiamenti del mercato.

leggi l’articolo completo…