Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Monday 24 September 2018

Ricerca Google: ecco come spingere all’acquisto il viaggiatore indeciso

leggi l’articolo completo...Ai viaggiatori non piacciono le brutte sorprese, ecco perché di solito impiegano tanto tempo per decidere se, come e dove prenotare. Prima di partire, cercano conferme e rassicurazioni.

Anche l’hotel può e deve diventare un punto di riferimento per gli utenti, perché sciogliere i dubbi può essere cruciale per guadagnare prenotazioni in più.

leggi l’articolo completo…

Instagram: come scegliere i migliori hashtag per l’hotel

leggi l’articolo completo...Instagram giorno dopo giorno, aggiornamento dopo aggiornamento, evolve in uno strumento sempre più performante: gestito nel modo giusto, può diventare uno dei perni intorno al quale sviluppare la brand awareness del vostro hotel e nel tempo ottenere più prenotazioni.

Sicuramente conoscete già il social fratello minore di Facebook, ma lo state sfruttando in pieno all’interno di un’integrata strategia di visibilità? Su una piattaforma progettata sulla condivisione dell’hic et nunc è fondamentale cogliere l’attimo e postarlo nel momento in cui avviene, con immagini e video emozionali e coinvolgenti. Ma non dovete mai sottovalutare un altro aspetto: la scelta degli hashtag.

leggi l’articolo completo…

Content marketing per il tuo hotel: un vademecum pronto all’uso

leggi l’articolo completo...Per un hotel affermato – o che voglia affermarsi – il content marketing è un elemento essenziale. Una componente a cui dare il giusto peso nel momento in cui si allocano risorse, budget e tempo ai progetti previsti nel piano di marketing annuale.

Lo storytelling, infatti, è una modalità di comunicazione sempre più utilizzata e performante in tutti i settori, compreso l’hospitality: attraverso lo stile narrativo si coinvolgono i potenziali clienti – o gli ospiti più fedeli – instaurando un rapporto personale, di interesse e fiducia verso la tua struttura. Una simile strategia, se condotta nel modo appropriato, crea engagement e implica un autentico investimento sul brand che, sebbene non sia immediatamente misurabile, può portare ottimi risultati. Riempiendo alcune camere del tuo hotel, inaspettatamente.

leggi l’articolo completo…

Hotel & Social Media: 10 tipi di post che vanno alla grande su Facebook

Su Facebook gli hotel scrivono di tutto, ma non tutto funziona bene.

Eppure vi possiamo assicurare che, in tanti anni di social media marketing per hotel, abbiamo capito che alcune tipologie di post su Facebook funzionano molto meglio di altre, praticamente per ogni tipologia di struttura.

leggi l’articolo completo…

[BTO 2017]: Instagram come alfabeto delle immagini

Instagram si è insediato nelle nostre vite, piano piano all’inizio, ormai come un canale di lettura della quotidianità. Soprattutto per i Millennials. Un’opportunità di business da non sottovalutare, anche nel settore travel.

Al BTO 2017 si discute del social media più utilizzato, contrapponendo diversi punti di vista, moderati da Marco de Mutuii, Digital Curator del Fotomuseum Winterthur.

leggi l’articolo completo…

[BTO 2017] Prenotazioni dirette vs OTA: ecco come fare

Sergio Farinelli, CEO e fondatore di Simple Booking e QNT Hospitality, è un attento analista dei cambiamenti nel settore travel e hospitality da oltre 20 anni.

Il suo è uno dei primi interventi della seconda giornata del BTO TEN 2017 e si apre con un’acuta domanda: alcuni hotel fanno l’80% di vendite dirette, altri l’8%…Perché?

leggi l’articolo completo…

[BTO 2017] Turismo Italia verso il 2018

Roberta Milano apre la BTO 2017 con uno dei primi interventi della giornata.

Come alla BTO dell’anno scorso, il suo speech inquadra la situazione del turismo in Europa e in Italia, inquadrando cambiamenti e trend emergenti.

leggi l’articolo completo…

[BTO 2017] Le Major asiatiche alla conquista del mercato europeo

Il turismo cinese è in costante e inarrestabile espansione in Europa: un’opportunità di business che gli hotel non possono lasciarsi sfuggire.

Nel 2016 i viaggiatori cinesi sono stati 133 milioni, si prevede che nel 2020 saranno circa 200 milioni.
Sbagliato pensare che si possano utilizzare le strategie di marketing europee per penetrare questo mercato, così unico.
Al BTO 2017 si discute parecchio della questione: Giancarlo Dell’Ara si confronta con i responsabili per l’Italia di due delle major cinesi più influenti: WECHAT e CTRIP.
leggi l’articolo completo…

Trasforma i clienti arrabbiati in ospiti soddisfatti

Chiunque viaggi spesso può incappare in una nottata storta in hotel. Magari l’aria condizionata è saltata in pieno agosto, la sveglia promessa dalla reception non arriva oppure, semplicemente, non ti viene offerto tutto ciò che avresti prenotato (e pagato).

Capita, non è la fine del mondo; è pressoché impossibile offrire un servizio perfetto sempre e comunque.

Quello che non deve capitare, però, è di farsi trovare impreparati di fronte a una crisi, con l’ospite che lascia la struttura con una recensione negativa sulla punta della penna.
leggi l’articolo completo…

Il benessere a misura di Millennial

Secondo il “2017 Global Wellness Economy Monitor” del Global Welness Institute, il turismo legato al benessere è un segmento di mercato che vale globalmente 563 miliardi di dollari.

Una delle forze motrici di questo mercato in continua espansione sono sorprendentemente i millennials, che hanno superato in numero i baby boomers e diventeranno probabilmente il target più lucrativo in pochissimo tempo.

Ma quali sono le abitudini dei Millennials alla ricerca del benessere?
leggi l’articolo completo…

Google: Il futuro del travel è qui

L’industria dell’ospitalità è stata una delle prime ad adottare il digital marketing come pratica di promozione e comunicazione delle proprie offerte. Mentre altri settori ancora distribuivano volantini e vendevano solo nelle sedi fisiche, gli hotel avevano già il proprio inventario online, disponibile con pochi clic.

Ma, secondo Google, essere arrivati per primi non significa potersi permettere il lusso di fermarsi; i comportamenti dei consumatori continuano a evolversi insieme alla tecnologia, richiedendo agli hotelier di offrire assistenza e presenza durante tutta l’esperienza d’acquisto.
leggi l’articolo completo…

Stai offrendo camere o esperienze ai tuoi clienti?

Conquistare i tuoi potenziali ospiti sta diventando uno degli aspetti più complessi del lavoro di hotelier, considerato che ogni anno il ventaglio di opzioni a disposizione dei viaggiatori diventa sempre più ampio e variegato – molte delle quali decisamente più a buon mercato dell’hotel medio.

Quello che molti ospiti vogliono da un hotel sembra fra l’altro cambiato; mentre alcuni cercano ancora quell’inimitabile comfort che solo un albergo può offrire, altri desiderano poter vivere esperienze più locali durante il loro soggiorni.

Fortunatamente, gli hotel possono offrire entrambe le cose.
leggi l’articolo completo…

Come trasformare i clienti business in bleisure

Il termine “Bleisure” è piuttosto recente, ma ciò che definisce ha una sua rilevanza nel mercato dell’ospitalità da molto più tempo.

I viaggiatori business che aggiungono un giorno o due nel loro viaggio di lavoro per attività ricreative (leisure) non sono certo una novità, ma sono un segmento certamente e inesorabilmente in crescita.

Per farsi un’idea, ecco alcune percentuali sull’argomento:
leggi l’articolo completo…

Airbnb e il nuovo programma per competere con gli hotel

leggi l’articolo completo...Se pensavate di già che Airbnb vi stesse “rubando” la clientela, aspettate di vedere cos’ha in serbo per gli hotel. Il campione della sharing economy è infatti vicino al lancio di un nuovo servizio che permetterà agli utenti di selezionare solo case di qualità certificata.

Il programma, le cui sperimentazioni inizieranno in queste settimane con un gruppo ristretto di proprietà, vedrà ispettori di Airbnb controllare personalmente le case assicurando che rispettino tutti gli standard di qualità prefissati dall’azienda.

leggi l’articolo completo…