Iscriviti subito alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per:
  1. rimanere aggiornato ogni settimana sulle strategie di web marketing indispensabili per promuovere l'hotel su Internet;
  2. non perdere mai le ultime novità del mercato turistico nazionale ed internazionale pubblicate su Booking Blog™;
  3. Accedere ai BONUS esclusivi riservati agli iscritti alla newsletter
...perché aspettare?
L'iscrizione è assolutamente gratuita!
Nota: tuteliamo la tua privacy.
La tua e-mail è sicura, non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Booking Blog™ – Il blog del Web Marketing Turistico

QNT Hospitality - Soluzioni web per il turismo
 
Tuesday 21 May 2019

TRIVAGO: molte novità e campagne Google Hotel Ads

leggi l’articolo completo...

Google è sempre più protagonista nel travel: dopo Book on Google e Travel/Hotels, ultimamente ingenti sforzi sono stati compiuti per rendere Google Maps una super app sempre più omnicomprensiva e indipendente dagli altri canali.  leggi l’articolo completo…

Marriott ed Expedia: nuovo matrimonio di interesse nel travel

leggi l’articolo completo...

L’obiettivo preannunciato da Arne Sorenson, CEO di Marriott International, a fine dell’anno scorso, è stato raggiunto.

Dopo un lungo negoziato, come riportato infatti dal CNBC l’11 Aprile, Marriott ed Expedia hanno comunicato la firma di un accordo pluriennale che include, fra i vari punti, anche la riduzione delle commissioni da parte di Expedia verso Marriott.

leggi l’articolo completo…

OTA: verità e falsi miti

leggi l’articolo completo...

Quante volte abbiamo ascoltato delle affermazioni sulle OTA che ci sembravano imprecise e ci siamo chiesti se erano vere o false?

Quante leggende nascono sul tema durante dibattiti, forum o eventi che in realtà non hanno solide fondamenta o che sono mezze verità?

leggi l’articolo completo…

Hotelbeds si impegna contro tariffe wholesaler online

leggi l’articolo completo...

La questione della condotta dei wholesalers e della gestione – spesso scorretta – delle tariffe FIT è un tema caldo dell’hospitality, soprattutto nell’utimo periodo.

leggi l’articolo completo…

[BTO 2019] La cancellazione gratuita piace tanto alle OTA

leggi l'articolo completoIl problema della cancellazione gratuita delle prenotazioni nel travel è sempre più spinoso, soprattutto nella corsa al ribasso delle OTA.

Ora più che mai, in linea con le nuove tendenze delle prenotazioni alberghiere e i limiti stringenti imposti dai gestori delle carte di credito, la cancellazione gratuita fa tanto gola all’ospite indeciso. E diventa strumento di marketing e mezzo di vantaggio competitivo delle OTA sugli hotel.

Alla BTO 2019 il tema della cancellazione gratuita è al centro di una tavola rotonda nutrita da Alessandro Bartolucci, CEO di Besaferate.com, Alessandro Massimo Nucara, Direttore Generale Federalberghi, Roberto Necci, Presidente Centro Studi Federalberghi Roma e Lorenzo Vidoni,General Manager Hotel President Lignano Sabbiadoro. leggi l’articolo completo…

Le prenotazioni dirette guadagnano terreno sulle OTA

leggi l’articolo completo...

A livello globale, l’egemonia delle OTA ha fagocitato, per anni, percentuali importanti di prenotazioni dirette a scapito dei booking engine degli hotel.

La battaglia per la disintermediazione, che abbiamo sempre sostenuto con convinzione, non sembrava portare i risultati sperati.

Del resto, con gli enormi investimenti in visibilità dei portali e la posizione di dominanza di partnership tra giganti, non pensavate di poter competere alla pari.
leggi l’articolo completo…

OTA sotto accusa in UK: pratiche di vendita scorrette e fuorvianti?

leggi l’articolo completo...“Ultima camera rimasta, affrettati!” Questo sarà anche un sistema vecchio e iperinflazionato per spingere alla prenotazione, ma fino ad oggi, ha sempre funzionato.

Peccato che secondo la Competition and Markets Authority, ossia l’Autorità Garante della Concorrenza e dei Mercati in Inghilterra, questo non sia legittimo.

L’Inghilterra per adesso non ha messo al bando le clausole di rate parity, ma sta investigando a fondo su tutte le pratiche di vendita dei portali.
leggi l’articolo completo…

ETTSA: le prenotazioni dirette costano quanto quelle indirette. Ma è davvero così?

leggi l’articolo completo...I costi sostenuti per spostare le prenotazioni sul canale diretto sono marginali o addirittura negativi in termini di revenue per l’hotel.” Questo è quello che sostiene la ETTSA in unno studio appena pubblicato. Un’affermazione forte ma soprattutto molto discutibile.

La European Technology and Travel Services Association (l’associazione degli intermediari) si fa forte di uno studio commissionato a un gruppo di economisti specializzati nel settore, ma la nostra esperienza ci mostra che le prenotazioni dirette nella maggior parte dei casi sono meno costose di quelle indirette.

leggi l’articolo completo…

Come rimanere competitivi nei Metasearch

Come rimanere competitivi nei MetasearchPromuoversi sui metasearch non è per niente semplice e molti albergatori ne sono ben coscienti. Se per le tue inserzioni fai un’offerta troppo bassa il tuo annuncio non verrà visualizzato, sopravanzato dalle OTA, mentre se è troppo alto verrà mostrato ma il costo di acquisizione rischia di diventare proibitivo.

Pace Dimensions ha per questo analizzato il comportamento dei grandi player sui metasearch per cercare di capire come fanno a dominare le ricerche e quali mosse può fare un hotel indipendente per recuperare il terreno perduto.
leggi l’articolo completo…

Le app mobile hanno conquistato il mercato: cosa fare?

Le app mobile hanno conquistato il mercato: cosa fare?Per quanto sia una considerazione amara per gli hotel indipendenti, i viaggiatori preferiscono sempre più spesso le app per prenotare le proprie vacanze.

Il motivo per cui le prenotazioni dirette via mobile non seguono la stessa strabordante crescita delle OTA è proprio racchiuso nell’efficacia delle loro applicazioni per dispositivi portatili.

Niente da fare per gli hotel indipendenti, quindi? No, perché comprendendo i punti di forza delle app possiamo offrire un’esperienza mobile, seppure via web, più che soddisfacente.
leggi l’articolo completo…

Gli hotel ammettono la propria dipendenza dalle OTA

Ne parliamo sempre, ma ogni volta è una sorpresa scoprire quanto gli hotel siano dipendenti dalle OTA nella distribuzione del proprio inventario, mentre quasi tutti gli altri canali sono considerati decisamente meno efficienti confrontati sulla stessa scala.

Questo è uno dei tanti risultati dello studio sulla distribuzione alberghiera dell’Hotel Analytics Work Group di HEDNA, realizzato grazie alla collaborazione di più di 1050 strutture fra hotel di catena e indipendenti, e con l’appoggio di partner tecnologici come Snapshot e Triometric.
leggi l’articolo completo…

Come evitare disparità di prezzo a favore degli intermediari

leggi l’articolo completo...

Una delle armi più importanti per un hotel nella lotta alla disintermediazione è il controllo delle proprie tariffe su tutti i canali, con ramificazioni positive per la salute di una struttura che vanno al di là di un semplice aumento di prenotazioni dirette.

Mentre secondo uno studio di Simple Booking avere un prezzo più basso sul canale diretto del 5-8% è uno dei fattori di successo per una strategia di disintermediazione, ogni volta che un hotel è più economico su un canale indiretto subisce un danno concreto, così come lo subiscono i distributori più corretti.

leggi l’articolo completo…

[BTO 2017] Più vendite dirette, meno scuse

La visibilità è la nuova e ultima frontiera della disintermediazione, la cima più ampia di una piramide rovesciata formata da Asset, Tech e, appunto, Visibilità.

Questo è il pensiero espresso da Nicola Seghi, Business Evangelist di Simple Booking, durante l’ultima product presentation al BTO del booking engine tutto italiano.

“Si può davvero competere con le OTA?” si chiede Seghi “Certamente, ma ricordiamoci che abbiamo degli svantaggi intrinseci rispetto ai grandi portali”.

leggi l’articolo completo…

[BTO 2017] C’è vita dopo le OTA?

Che ci crediate o no, le persone amano prenotare direttamente. Secondo Charlie Osmond, “Chief Tease” e responsabile marketing di TripTease, gli ospiti preferiscono acquistare sul sito web dell’hotel.

Perché allora le OTA hanno un market share così ampio? Secondo Charlie è “Perché le OTA sono in genere più facili da usare e gli utenti spesso le trovano più economiche. O, almeno, è la percezione che hanno della questione.”

Come uscire da questo impiccio, allora?
leggi l’articolo completo…